Biden: “Ian potrebbe essere uno dei più distruttivi nella storia degli USA”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ribadito questo venerdì che l’uragano Ian potrebbe essere uno dei più distruttivi nella storia degli Stati Uniti.

Joe BIden 11 settembre
Il discorso di Joe Biden al Pentagono-Nanopress.it

“La ricostruzione può richiedere mesi, persino anni”, ha affermato in un’apparizione Biden in cui ha spiegato gli sforzi del governo federale per mitigare gli effetti del ciclone. Dopo essersi indebolito a causa di una tempesta tropicale, Ian si è rafforzato di nuovo giovedì verso la fine di un uragano di categoria 1 ed è atterrato sulla costa della Carolina del Nord, con venti di oltre 90 miglia orarie.

Biden: “La ricostruzione può richiedere mesi, persino anni”

I servizi di emergenza della Florida stimano che almeno 25 persone siano morte nello stato meridionale degli Stati Uniti, anche se probabilmente ci vorranno settimane per avere un bilancio finale. Finora, la Florida Division of Emergency Management ha solo confermato che uno dei decessi è direttamente correlato alle devastazioni dell’uragano.

La Florida ha evacuato circa 2,5 milioni di abitanti dalla sua costa occidentale dopo il totale blackout lasciato dal ciclone dopo aver attraversato Cuba, dove ci sono stati tre morti e ingenti danni alle infrastrutture. A L’Avana sono state registrate proteste per la mancanza di energia elettrica tre giorni dopo il ciclone.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha dichiarato attraverso il suo account twitter che il governo federale sosterrà il 100% dei costi per ripulire i detriti che prevale in Florida dopo il passaggio dell’uragano Ian giovedì scorso, che ha lasciato a almeno 25 morti nello stato sudorientale degli Stati Uniti.

“Nelle ultime 24 ore, abbiamo approvato altre quattro contee della Florida per l’assistenza individuale in caso di calamità oltre alle nove contee che abbiamo annunciato ieri”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti. Biden ha assicurato giovedì scorso che Ian potrebbe essere il ciclone più mortale che sia passato attraverso lo Stato della Florida, un’affermazione che ha ribadito venerdì.

Due milioni di utenti nel sud-est degli Stati Uniti hanno perso l’accesso alla rete elettrica a causa del passaggio dell’uragano Ian, secondo quanto sottolineato questo mercoledì da PowerOutage, un sito web incaricato di rilevare il numero di clienti che non hanno elettricità.

Le informazioni riportate in questa pagina informano che gli effetti più noti sono stati Florida (1,6 milioni di utenti), South Carolina (187.000) e North Carolina (161.000), gli Stati per i quali Ian ha avuto una presenza più famigerata.

Il National Hurricane Center (NHC) ha successivamente annunciato che ieri l’uragano era stato declassato a ciclone post-tropicale. L’agenzia ha indicato che, nonostante il cambiamento, continuano a sussistere minacce come mareggiate, inondazioni improvvise e la minaccia di forti venti.

Il National Hurricane Center (NHC) ha annunciato che ieri l’uragano era stato declassato a ciclone post-tropicale

Sei persone sono rimaste leggermente ferite questo venerdì quando sono state travolte da un’onda che è entrata nell’area di South Pointe Beach, il punto più meridionale di Miami Beach, il settore turistico per eccellenza di questa città dello stato della Florida.

Contee distrutte dall'uragano
Contee distrutte dall’uragano – Nanopress.it

I media locali raccolgono immagini dell’incidente, in cui diverse persone possono essere viste sorprese su una passerella di South Pointe lungo la costa quando il mare entra nella terraferma e trascina i vaganti, alcuni dei quali caduti in acqua.

La forza del mare risponde al forte moto ondoso associato al passaggio dell’uragano Ian attraverso la Florida, che mercoledì scorso è atterrato sulla costa occidentale dello stato provocando danni incalcolabili mentre sono attesi dati ufficiali sui decessi. L’uragano è atterrato di nuovo questo venerdì nello stato della Carolina del Sud con la categoria 1. Rapporti EFEFort Myers Beach, nel sud-ovest della Florida (USA), è una scena apocalittica dopo il passaggio dell’uragano Ian.

I residenti vagano distratti per le strade di questa città costiera in mezzo a un guazzabuglio di macerie e distruzione. In questo paese situato a circa 30 chilometri dal luogo in cui Ian è approdato mercoledì con 240 km/h di vento, ci sono case di cui restano solo le fondamenta o la struttura, yacht e barche ribaltate in mezzo ai binari o negli ingressi case , interi tetti strappati via e gettati a pochi metri di distanza, e attività commerciali inghiottite dall’uragano.

Nel cielo di Fort Myers Beach, con poco più di 7.000 abitanti, sorvolano elicotteri, mentre vigili del fuoco, polizia e squadre di soccorso viaggiano in un’area che a tratti ricorda un campo di battaglia. Alcune zone sono ancora allagate e viene tagliato il ponte che collega con le spiagge della fascia costiera, dove si presume che i danni siano ancora peggiori.

“Non ho una risposta, sono ancora sotto shock”, Brian Lavey, proprietario del Mojo’s Coffee, un tempo conosciuto come il miglior caffè della spiaggia locale e oggi ridotto a una montagna di resti, confessa a Efe con agitato voce. Lavey e alcuni dei suoi dipendenti cercano di capire cosa c’è davanti ai loro occhi, proprio come altri commercianti.