Biden da Kishida per creare l’IPEF

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato il primo ministro giapponese Fumio Kishida a Tokyo. Con il suo alleato asiatico il presidente ha parlato anche della guerra in Ucraina.

Biden e Kishida
Biden e Kishida – NanoPress.it

Biden e Kishida, accordi commerciali per contrastare la Cina

Con Kishida il presidente Usa ha parlato anche di una importante iniziativa commerciale multilaterale, che fa parte di uno dei progetti atti a rinvigorire l’alleanza con Corea del Sud e Giappone, e ad aumentare il potere strategico degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico.

Dopo una visita di tre giorni in Corea del Sud, un altro alleato chiave di Washington, Biden ha parlato anche con l‘imperatore giapponese Naruhito al Palazzo Imperiale. I funzionari statunitensi descrivono il Giappone e la Corea del Sud come i cardini dell’alleanza con gli Stati Uniti contro l’ascesa della Cina e, come partner di un’alleanza guidata dall’Occidente, per isolare la Russia dopo l’invasione della Ucraina.

“Il Giappone è una potenza globale chiave” e “l’alleanza tra Stati Uniti e Giappone è stata a lungo la pietra angolare della pace e della prosperità nell’Indo-Pacifico”, ha affermato Biden dopo il suo incontro con Kishida. “Affronteremo insieme le sfide presenti e future“, ha aggiunto.

“La vostra visita in Giappone è un’illustrazione del fatto che, qualunque sia la situazione, gli Stati Uniti continueranno a rafforzare il loro impegno nella regione”, ha affermato il Primo Ministro giapponese. Sempre a Tokyo martedì, Biden cercherà di rafforzare la leadership americana nella regione Asia-Pacifico unendosi ai leader di Australia, India e Giappone, per un vertice di un’alleanza informale chiamata Quad.

Questa è “un’opportunità fondamentale per scambiare opinioni e continuare a promuovere la cooperazione pratica nella regione indo-pacifica”, ha affermato la Casa Bianca. Tuttavia, l’India, membro del Quad, si è finora distinta per il suo rifiuto di condannare apertamente Mosca per la guerra in Ucraina, e di ridurre i suoi scambi con la Russia.

Biden avrà un incontro faccia a faccia martedì con il primo ministro Narendra Modi. Il timore che l’imprevedibile Corea del Nord lanci un altro missile o conduca un test nucleare, durante la visita del presidente Usa, incombe su ogni tappa del tour di Biden.

Corea del Nord e ‘IPEF’ i punti chiave dell’incontro

Ma durante il suo soggiorno a Seul non è accaduto nulla. Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha affermato che la minaccia è ancora presente e che Pyongyang ha una scelta. “Se la Corea del Nord agisce, saremo pronti a rispondere.

Un altro momento dell'incontro fra Biden e Kishida
Un altro momento dell’incontro fra Biden e Kishida – NanoPress.it

Se la Corea del Nord non agisce, ha l’opportunità, come abbiamo già detto, di tornare al tavolo dei negoziati” ha detto ai giornalisti. Finora Pyongyang si è rifiutata di ascoltare le richieste di dialogo, affermano i funzionari statunitensi, ignorando persino le offerte di aiuto per combattere un’improvvisa epidemia di Covid-19.

La situazione in Corea del Nord doveva essere all’ordine del giorno dei colloqui Biden-Kishida, ha affermato la Casa Bianca, insieme alla loro “visione condivisa di un Indo-Pacifico libero e aperto”, una terminologia che prende di mira le crescenti ambizioni dei cinesi.

La coppia avrebbe anche dovuto rilasciare una dichiarazione sulla necessità di “stabilità” nello Stretto di Taiwan, tra le crescenti preoccupazioni per la pressione cinese sull’isola. Mr. Kishida potrebbe annunciare un aumento della spesa per la difesa giapponese, una questione delicata in un paese la cui Costituzione proclama il pacifismo.

Dopo una conferenza stampa congiunta con Kishida, Biden, come dicevamo sopra, ha presentato un’iniziativa commerciale tanto attesa, denominata “Indo-Pacific Economic Framework” (IPEF) .

L’IPEF è stato presentato da Washington come un progetto per quello che dovrebbe diventare un gruppo affiatato di nazioni commerciali. Il programma prevede di integrare i partner commerciali con standard concordati in quattro aree principali: economia digitale, catene di approvvigionamento, infrastrutture per l’energia pulita e misure anticorruzione.

Finora, la Casa Bianca è rimasta in silenzio sul numero di potenziali futuri paesi firmatari e si sta ancora chiedendo come potranno essere applicati gli standard. Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno alcun interesse politico, a tornare a un accordo commerciale vincolante con l’Asia dopo che Donald Trump si è ritirato nel 2017 dalla Trans-Pacific Partnership, che riunisce paesi dell’Asia-Pacifico e delle Americhe.