Berlino: I leader mondiali ora ‘pensano’ ai paesi poveri

L’obiettivo della conferenza di Berlino è evitare che le interruzioni dell’approvvigionamento di cibo, che si stanno estendendo in tutto il mondo si trasformino in una crisi umanitaria.

Armi da fuoco legge Biden
Il presidente Joe Biden – Nanopress.it

Con l’invasione russa dell’Ucraina che interrompe le forniture alimentari globali, i funzionari delle economie più avanzate del mondo si sono riuniti oggi a Berlino per trovare soluzioni alle carenze almentari, che sono state esacerbate dalla guerra economica in corso tra Russia e Occidente.

Migrazioni incontrollate e vicinanza a Russia e Cina il rischio per l’Occidente ricco

La conferenza di Berlino, in Germania, tenuta due giorni prima dell’incontro del presidente Biden e dei suoi omologhi del Gruppo dei Sette grandi nelle Alpi bavaresi, mira a mobilitare risorse per evitare che le interruzioni si trasformino in una crisi umanitaria.

L’Africa e il Medio Oriente rischiano di essere gravemente colpiti dall’incapacità dell’Ucraina di spedire i suoi raccolti di grano fuori dai suoi porti del Mar Nero, che sono soggetti al blocco russo. E questo significa per i ricchi paesi occidentali, un rischio di maggiore migrazione e di un avvicinamento di quei paesi alla Russia e alla Cina.

“L’unica ragione per questo ora è l’aggressione della Russia contro l’Ucraina e il blocco della Russia contro il grano e altri prodotti alimentari che si spostano fuori dall’Ucraina”, ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken, in una dichiarazione congiunta con la sua controparte tedesca, Annalena Baerbock, a Berlino.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente accusato l’Occidente di interrompere la fornitura globale di cereali e fertilizzanti. Prima dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, le Nazioni Unite hanno stimato che tra il 2018 e il 2021 il numero di persone che vivevano in condizioni di grave insicurezza alimentare era aumentato da 110 milioni a 190 milioni, un numero infiammato dalla pandemia e dall’impatto dei cambiamenti climatici.

Quel numero è ora superiore a 200 milioni a causa della guerra in Ucraina, e sta aumentando rapidamente. Russia e Ucraina insieme forniscono quasi un terzo del grano mondiale, un quarto del suo orzo e quasi tre quarti di grano, secondo l’International Food Policy Research Institute. Il governo ucraino prevede che meno della metà del raccolto di quest’anno uscirà dal paese.

Berlino: gli alleati del G-7 lavorano per sbloccare il grano ucraino

Gli alleati del G-7 stanno ora lavorando per sbloccare le strozzature nei trasporti o reindirizzare prodotti alimentari, fertilizzanti e altri prodotti agricoli via mare e per ferrovia. Mosca ha detto che le sanzioni occidentali non permettono le forniture di pezzi di ricambio e i trasporti, ma una delegazione di funzionari statunitensi si è incontrata con i governi stranieri, dicendo loro che coloro che sono coinvolti nell’esportazione di prodotti alimentari e fertilizzanti russi, non dovranno affrontare sanzioni.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

I funzionari stanno anche cercando soluzioni per far ripartire le crescenti scorte di grano in Ucraina, poiché i silos pieni devono essere svuotati prima del raccolto. Kiev ha accusato la Russia di sequestro di grano ucraino, un’accusa sostenuta dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che nelle ultime settimane ha inviato cablogrammi a diversi governi, esortandoli a non accettare grano ucraino presumibilmente saccheggiato dalla Russia.

Funzionari del governo ucraino hanno affermato che il paese stava negoziando con vicini come Polonia, Romania e Ungheria per migliorare i collegamenti ferroviari per poter esportare di più. Parte del grano veniva spostato su strada, dicevano, ma la capacità per quel carico era molto più piccola e più costosa. Secondo funzionari e produttori di grano, la maggior parte degli esportatori ucraini sta ora utilizzando le ferrovie verso la Polonia per spostare il grano e altri prodotti agricoli, nonché il porto rumeno di Costanza.

Un funzionario del governo rumeno ha affermato che i porti del suo paese non potrebbero sostituire il volume di traffico che viene dirottato dai porti ucraini, in parte a causa di problemi di capacità e perché la Romania aveva il proprio grano da esportare.

La Polonia ha raddoppiato la capacità di transito ai suoi valichi di frontiera con l’Ucraina per aumentare il flusso di grano, secondo Michal Dworczyk, capo di stato maggiore del primo ministro polacco. Cary Fowler, l’inviato speciale degli Stati Uniti per la sicurezza alimentare globale, ha affermato che la crisi “che stiamo vivendo ora non andrà via nelle prossime settimane [o] mesi”.