BCE: a luglio rialzo dei tassi di interesse e fine agli acquisti di debito

La Bce ha stabilito che i tassi di interesse di riferimento verranno mantenuti per un altro mese. A luglio, la banca centrale alzerà di 25 punti base, aprendo la strada alla fine dei tassi di interesse negativi.

Christine Madeleine Odette Lagarde
Christine Madeleine Odette Lagarde – NanoPress.it

La Banca centrale europea (BCE) ha annunciato giovedì che “metterà fine” al programma di acquisto del debito pubblico a partire dal 1° luglio e che, alla riunione di politica monetaria del mese prossimo, aumenterà i tassi di interesse dal benchmark, aprendo la strada a aumento del credito nell’area dell’euro.

La BCE e le prospettive di inflazione a medio termine

Per ora, in questa riunione, ha mantenuto i tassi invariati, ma ha segnalato in un comunicato che “intende” aumentarli di 25 punti base a luglio. Con questa decisione, la BCE prepara il terreno per non applicare più in seguito un valore negativo al tasso di interesse sulla deposit facility (quello che fissa gli interessi che le banche ricevono o pagano sui depositi effettuati presso la BCE).

Questo tasso è attualmente a -0,5%. Con il rialzo che avverrà a luglio, rimarrà ancora in territorio negativo, a -0,25%, e, a settembre, la banca centrale potrebbe, ancora una volta, decidere di alzare i tassi portando a zero questo benchmark. Nel comunicato di questo giovedì, la Bce ammette che deciderà su un ulteriore peggioramento, viste le prospettive di inflazione.

“Se le prospettive di inflazione a medio termine persiste o peggiora, un ulteriore aumento alla riunione di settembre sarà appropriato”, afferma. Gli altri tassi di riferimento non sono più in territorio negativo.

Quello riferito alle principali operazioni di rifinanziamento (quello che le banche pagano quando prendono in prestito dalla banca centrale) è a zero (a luglio salirà allo 0,25%) e il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale (pagato dalle banche al momento dell’assunzione out day loan) è attualmente allo 0,25% e salirà allo 0,5% a luglio.

Nello stesso comunicato in cui annuncia le decisioni di politica monetaria, il Consiglio direttivo annuncia di aver deciso di porre fine agli acquisti di attività liquide nell’ambito del suo programma di acquisto di attività a partire dal 1° luglio 2022.

Negli ultimi mesi inflazione in zona euro all’8%

Tuttavia, “intende continuare a reinvestire, integralmente , pagamenti in linea capitale sui titoli in scadenza” acquistati nell’ambito di tale programma “per un periodo di tempo esteso dopo la data in cui i tassi di interesse di riferimento della BCE iniziano a salire e, comunque, durante il tempo necessario al mantenimento di condizioni di ampia liquidità e di adeguata orientamento della politica monetaria”.

Sede BCE
Sede BCE – NanoPress.it

La BCE ammette che prevede che l’inflazione “rimarrà indesideratamente alta per qualche tempo”, anche se prevede che una moderazione dei costi energetici, una diminuzione delle interruzioni nelle catene di approvvigionamento legate alla pandemia e la “normalizzazione della politica monetaria” porteranno ad un calo dell’inflazione.

Le proiezioni per questo indicatore sono state riviste al rialzo rispetto a quanto previsto dalla BCE a marzo, dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Per quest’anno, la BCE punta a un’inflazione del 6,8% nell’area dell’euro, prevedendo un rallentamento nei due anni successivi, al 3,5% nel 2023 e al 2,1% nel 2024.

Questa revisione è arrivata dopo un’escalation degli ultimi mesi, in cui l’inflazione ha raggiunto l’8% nell’area dell’euro nel suo complesso. “A maggio l’inflazione è aumentata di nuovo in modo significativo, principalmente a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, nonché dell’impatto della guerra. Ma le pressioni inflazionistiche si sono allargate e intensificate, con i prezzi di molti beni e servizi in forte aumento”, osserva la BCE.