Assalto al Campidoglio, Trump di nuovo sotto accusa

Centinaia di persone hanno invaso il Campidoglio con i fucili, pungolati dal Presidente Trump? Il ruolo dell’ex presidente è ora sotto inchiesta. E per lui potrebbe essere pericoloso: anche i repubblicani parlano di “ampio complotto”.

Donald Trump
Donald Trump – NanoPress.it

Donald Trump ovviamente non può aspettare. Non passa giorno in questi giorni in cui l’ex presidente non invii e-mail ai suoi sostenitori, in cui usa parole infuocate per fare campagna per i deputati repubblicani. Le e-mail hanno sempre lo stesso titolo: “Salva l’America”.

Assalto al Campidoglio, Trump si salverà anche questa volta?

Nelle elezioni del Congresso di medio termine, che si terranno in autunno, Trump conta su una grande vittoria dei suoi repubblicani sui democratici del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Poco dopo, potrebbe quindi annunciare la sua candidatura alle elezioni presidenziali del 2024. Quello è il piano.

Ma in questi giorni Trump è risucchiato dal recente passato. La Capitol Storming Commission del 6 gennaio 2021 sta iniziando le sue prime udienze pubbliche sulla questione relativa all’aggressione al Campidoglio. I nove membri del comitato investigativo, sette democratici e due repubblicani, hanno in mente di fare le cose in grande.

In prima serata, vogliono presentare i risultati del loro lavoro alla nazione in diretta TV. Un ex produttore televisivo è stato assunto come consulente per il primo di un totale di sei incontri programmati questo giovedì. I risultati del comitato devono essere presentati in un modo che sia il più accattivante e comprensibile possibile per un vasto pubblico. È prevista, tra l’altro, la registrazione di filmati con testimonianze.

Inoltre, altri testimoni saranno intervistati davanti alle telecamere della TV nazionale, come un agente di polizia ferito dagli aggressori o un regista di documentari che era lì il 6 gennaio. Ci sono ragioni per questo sforzo mediatico: nel frenetico mondo dell’informazione statunitense, il ricordo del 6 gennaio è stato da tempo messo da parte da altri eventi.

I dibattiti pubblici sono stati dominati dall’elevata inflazione, dalla violenza armata e dalla guerra in Ucraina. L’assalto al parlamento americano sembra quasi dimenticato. Ora i membri dell’organismo investigativo vogliono richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su di esso. Gli inquirenti vogliono dimostrare che l’assalto al Campidoglio del 6 gennai,o è stata una manovra accuratamente orchestrata.

Allo studio anche il ‘piano’ di Trump per invalidare l’elezione di Biden

La commissione mira anche a mostrare come Trump e i suoi consiglieri abbiano cercato per settimane, con diversi piani di contrastare, la nomina ufficiale di Joe Biden come nuovo presidente. L’accusa: Trump ed i suoi sodali hanno svolto un ruolo centrale nei tentativi di invalidare l’elezione di Joe Biden. Sarebbero stati coinvolti in una “cospirazione” contro il nuovo governo debitamente eletto.

Merrick Garland
Merrick Garland – NanoPress.it

In una fase successiva, tutto ciò potrebbe, in determinate circostanze, portare a un’accusa contro Trump. Al termine delle indagini, i membri del Congresso avrebbero quindi inoltrato le loro conclusioni al procuratore generale Merrick Garland. Il Congresso stesso non può sporgere denuncia contro Trump, può solo raccomandarla alla magistratura.

È già in corso un’accesa discussione sul fatto che Garland, un democratico, debba o meno mettere sotto accusa Trump in un tribunale. Alcuni democratici, come Jim Clyburn, confidente di Biden nella Carolina del Sud, stanno esortando Garland ad agire rapidamente. Alcuni repubblicani, invece, vedono una possibile accusa contro Trump come una pura caccia alle streghe da parte dei democratici, con il solo scopo di impedire all’ex presidente di fare un ritorno in politica.

“Invece di preoccuparsi dei prezzi della benzina a cinque dollari, dei 6.000 clandestini al giorno, dei decessi record per droga o dei criminali nel nostro Paese, i Democratici stanno sprecando i soldi dei contribuenti, assumendo un produttore televisivo per uno spot pubblicitario del 6 gennaio. “Stanno preparando un circo“, dice il repubblicano Marco Rubio. E il collega membro del partito Jim Jordan, un fan particolarmente devoto di Trump, dice: “L’indagine è una grande truffa”.

Tuttavia, ci sono anche alcuni democratici che sono scettici su un possibile impeachment di Trump. Avvertono a porte chiuse che Trump potrebbe essere assolto ancora una volta da un possibile atto d’accusa, o farla franca con una piccola condanna. Questa cosa quindi – come le assoluzioni nei due procedimenti di impeachment durante il suo regno – verrebbe celebrata come una grande vittoria.

Alla fine, molto dipenderà quindi dalla solidità delle prove contro Trump e i suoi confidenti. Negli ultimi mesi il panel ha raccolto a porte chiuse ben 1.000 testimonianze e visionato 145.000 documenti. La rappresentante repubblicana Liz Cheney, ha già parlato di aver scoperto una “ampia cospirazione”. “Il tutto è molto completo, molto ben organizzato e molto inquietante”, ha detto Cheney.

Saranno interrogati di nuovo Ivanka Trump e marito Jared Kushner,

Particolarmente interessanti dovrebbero essere le testimonianze delle persone che sono nelle immediate vicinanze di Trump. Sia la figlia di Trump, Ivanka Trump, che suo marito Jared Kushner, avevano risposto alle domande davanti al comitato del Congresso alcuni mesi fa.

Ivanka Trump
Ivanka Trump – NanoPress.it

Estratti video dei loro interrogatori dovrebbero essere mostrati durante la prima sessione pubblica. La figlia di Trump era alla Casa Bianca durante l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio, dove sembra aver parlato più volte con suo padre e può fornire spunti su ciò che stava accadendo dietro le quinte.

In una manifestazione del 6 gennaio, Trump ha invitato i suoi sostenitori a marciare verso il Campidoglio per protestare contro la certificazione simultanea dell’elezione di Joe Biden da parte del Congresso e del vicepresidente Mike Pence. Quando i suoi fan si sono poi fatti strada in Campidoglio, Trump non ha fatto nulla per tre ore buone prima di richiamarli.

Solo nel pomeriggio il Presidente ha pubblicato un breve videomessaggio in cui invitava i suoi sostenitori a “tornare a casa”. Gli investigatori considerano questo come una forte indicazione del fatto che Trump mirava a impedire a Joe Biden di diventare presidente. Il comitato ha anche raccolto numerosi risultati volti a dimostrare che Trump voleva fare pressione sul suo vicepresidente Mike Pence per fermare le elezioni di Biden quel giorno.

Si dice che Trump e i suoi consiglieri abbiano perseguito un piano elaborato che prevedeva che Pence, nella sua qualità di presidente del Senato, avesse i voti individuali di alcuni stati per Biden dichiarati non validi. Invece dei voti di Biden, i voti alternativi di Trump sarebbero stati poi convalidati da Pence, Trump avrebbe potuto rimanere presidente.

Come ormai è noto, Pence a quanto pare non voleva far parte del piano perché sarebbe stato incostituzionale. Nel frattempo, non è ancora chiaro se ci fossero collegamenti diretti tra Trump e i singoli attori nell’attacco al Campidoglio.

Il comitato ha interrogato diversi membri delle milizie estremiste di destra come i Proud Boys e gli Oath Keepers che sono stati coinvolti nell’assalto al Campidoglio. A quanto pare avevano preparato l’attacco in modo mirato. Sarà ora interessante vedere se parleranno di possibili collegamenti diretti con la Casa Bianca alle audizioni pubbliche al Congresso.