Argentina: Massa presenta un piano di ripresa economica

Il nuovo “super ministro” dell’Economia dlla Argentina, Sergio Massa, deve ridurre il deficit fiscale, attaccare l’inflazione e accumulare riserve nella Banca Centrale.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

L’Argentina ha già un “super ministro” dell’Economia. Si chiama Sergio Massa e ha davanti a sé un compito molto complicato: tirare fuori il Paese sudamericano dal caos in cui si trova. Massa è stato convocato la scorsa settimana dal presidente, Alberto Fernández, come l’ultimo proiettile del peronismo per neutralizzare la crisi.

L’Argentina cerca di uscire dalla crisi con un ‘super Ministro’

Nel fine settimana il ministro ha scelto i suoi consiglieri e questo mercoledì ha prestato giuramento davanti a 500 ospiti, in una cerimonia in sintonia con il clima rifondativo che la Casa Rosada cerca per la gestione. Dopo il “sì, lo giuro”, Massa ha percorso i 50 metri che separano la sede del Governo dal Ministero dell’Economia e ha presentato un pacchetto di misure.

L’asse del piano è sostenere il peso, accumulare riserve e ridurre drasticamente il deficit fiscale.Non ci sono grandi sviluppi sulla lista: è ciò che il Fondo Monetario Internazionale ha richiesto all’Argentina da gennaio, quando è stato firmato un accordo per rifinanziare un debito di 44 miliardi di dollari. “Ho letto che sono un salvatore, un proiettile d’argento o un super ministro.

Non sono un mago né un salvatore, sono venuto per lavorare”, ha detto Massa all’inizio della conferenza stampa. Poi ha elencato una per una le misure, che saranno “le prime” di una lunga lista che si completerà nelle prossime settimane. In termini generali, il nuovo ministro ha stabilito come principi della sua gestione “l’ordine fiscale, il rafforzamento delle riserve e l’avanzo commerciale”.

Come “motori” di questi obiettivi, ha indicato “gli investimenti, la produzione, le esportazioni e la difesa del mercato interno”.”Stiamo per raggiungere l’obiettivo del 2,5% del deficit fiscale [concordato con il FMI e attualmente incluso nel budget]“, ha detto Massa. “Faremo tutto il necessario per onorare la parola promessa”.

Per questo ha promesso che il saldo degli anticipi della Banca Centrale al Tesoro non sarà utilizzato nel resto dell’anno, che l’accordo con il Fondo ha limitato all’1% del PIL. “Non chiederemo più emissioni per finanziarci, ce la faremo con quello che abbiamo e con finanziamenti privati”, ha affermato, in una delle definizioni centrali del pacchetto di misure. La riduzione delle emissioni è la spada che userà per controllare l’inflazione, che è salita oltre l’80% all’anno nelle proiezioni più ottimistiche.

Per rafforzare le riserve internazionali, fondamentali per sostenere il valore del peso, il ministro ha annunciato l’ingresso di 7 miliardi di dollari nella Banca Centrale di Argentina, a seguito di un accordo per 5 miliardi di dollari con esportatori industriali che avevano trattenuto la liquidazione delle loro vendite. Il resto verrà da prestiti con organizzazioni internazionali. Ci sarà, in parallelo, uno scambio volontario del debito pubblico in pesos che matura nei prossimi tre mesi.

 Massa ha annunciato l’ingresso di 7 miliardi di dollari nella Banca Centrale

Il ministro ha annunciato di avere già l’impegno di adesione del 60% degli obbligazionisti. La riduzione del deficit è la battaglia principale che Massa dovrà combattere. Il piano prevede il congelamento dello stabilimento dei lavoratori statali. Ma la scommessa principale è sulla riduzione delle sovvenzioni che lo Stato paga oggi alle società produttrici di gas ed elettricità, il che significherà un aumento delle tariffe per le famiglie.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

Il governo aveva già implementato un sistema di segmentazione del reddito che rimuoveva gli aiuti alle famiglie ricche. “Quasi quattro milioni di famiglie non hanno chiesto di utilizzarle; questo è un fondamento. Tra i nove milioni che li hanno richiesti, promuoveremo il risparmio per i consumi, perché non si può continuare con un regime in cui chi spende di più è quello che riceve più sussidi”, ha affermato il ministro.

“Stiamo iniziando una fase del Governo di cui sono convinto, perché conosco Sergio da tanti anni, andremo avanti con successo. Per questo ho convocato Sergio”, ha detto Alberto Fernández durante l’inaugurazione. Né Cristina Kirchner né il vice Máximo Kirchner, suo figlio, erano tra gli ospiti. Entrambi hanno sostenuto Massa, ma a distanza. Se il ministro fallisce, è meglio essere al sicuro dall’onda d’urto. Massa è socio di minoranza del Frente de Todos, la coalizione peronista succeduta a Mauricio Macri nel dicembre 2019.

Fino a questo martedì, quando si è dimesso dal suo incarico, è stato presidente della Camera dei Deputati. Da lì, ha assistito a grande distanza alla lotta fratricida tra Alberto Fernández e la sua vicepresidente, Cristina Kirchner. La sua ora è arrivata lo scorso 2 luglio, quando il ministro dell’Economia Martín Guzmán ha rassegnato le dimissioni, stufo del fuoco amico del kirchnerismo.

Il vice si è quindi offerto di prendere la griglia. In cambio, ha chiesto il sostegno politico del Kirchnerism e il controllo totale della politica economica. Fernández e Kirchner gli hanno detto di no. Il primo, perché sapeva che con Massa nel Gabinetto il suo potere sarebbe stato solo testimoniale; il secondo, perché vede a Massa un politico con ambizioni presidenziali che ha costruito la sua carriera politica assicurandosi che la mettesse in galera per corruzione.

Il binomio presidenziale ha poi scelto Silvina Batakis, che poco ha potuto fare per fermare la debacle. La scorsa settimana, Batakis è stato licenziato e Massa ha avuto una seconda possibilità.