Argentina: Kirchner accusa Guzmán di “destabilizzazione istituzionale”

La vicepresidente della Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, ha accusato Martín Guzmán durante un atto pubblico in cui, per la prima volta, non attacca il presidente Fernández La tregua politica sembra finalmente consumata.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

La vicepresidente dell’Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, ha pronunciato questo venerdì un lungo discorso in cui, per la prima volta, non ha attaccato né umiliato in pubblico il presidente, Alberto Fernández. Aveva, sì, un obiettivo. Kirchner ha accusato duramente l’ex ministro dell’Economia, Martín Guzmán, che sabato ha presentato le sue dimissioni, senza preavviso e attraverso i social network.

Argentina nel caos anche a causa delle dimissoni di Guzmán

È stato “un atto di enorme irresponsabilità politica”, “ingratitudine” e “destabilizzazione istituzionale”. Martín Guzmán ha lasciato il governo durante il fine settimana. Fu un duro colpo per il presidente Fernández, che da più di due anni difendeva la sua amministrazione dagli spietati attacchi del kircherismo.

Dopo l’accordo con il FMI, a gennaio Kirchner ha iniziato un lento ma persistente lavoro di demolizione. Il risultato è stato l’addio di Guzmán, ma anche la rottura definitiva con Fernández. Infine, la paura del caos ha avvicinato il presidente e il suo vicepresidente.

Nella settimana successiva alla partenza di Guzmán, l’inflazione è aumentata vertiginosamente, i titoli di debito argentini sono crollati e la Banca centrale ha bruciato 700 milioni di dollari delle sue riserve per contenere il calo del valore del peso. La portavoce del governo, Gabriela Cerruti, ha dovuto anche chiarire che “il presidente ha il controllo del Paese”, nel caso ci fossero dei dubbi. L’accelerazione della crisi agì da balsamo ai combattimenti nel palazzo.

Quando Cristina Kirchner ha annunciato che avrebbe parlato a un evento a El Calafate, la città della Patagonia dove trascorre il suo tempo libero, i social network si sono chiesti chi sarebbe ora il ministro espulso dal Gabinetto. Durante le sue ultime due apparizioni, Production, Matías Kulfas e Guzmán hanno perso la posizione. “Non picchierò nessun ministro, state tutti calmi”, ha detto all’inizio.

E subito si è lanciata contro Guzmán. “Penso che [le sue dimissioni] siano state un atto di irresponsabilità politica e anche un atto di destabilizzazione istituzionale. Il mondo così com’è, il paese così com’è, il dollaro così com’è. Farlo sapere al Presidente attraverso un tweet mi sembra giusto. Fu un atto di immensa ingratitudine al presidente. Questo presidente aveva messo in banca quel ministro dell’Economia come nessun altro, anche affrontando le forze della sua coalizione.

La Kirchner sul piede di guerra

Se lo meritava?» si è chiesta la Kirchner. La difesa di Guzmán da parte di Fernández ha finito per rovinare la sua relazione con Kirchner. La vicepresidente non ha mai accettato l’accordo che l’ex ministro ha firmato con il FMI a gennaio, che considerava responsabile di un aggiustamento fiscale che, prima o poi, si sarebbe concluso con una sconfitta del peronismo alle elezioni generali del 2023. Suo figlio, il vice Máximo Kirchner, all’epoca si dimise dalla guida del blocco al potere in disaccordo con quell’accordo di Guzmán.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

Da allora, il rapporto nella leadership del peronismo si è solo deteriorato. “Quando le divergenze che mantenevamo a causa delle condizioni concordate con il Fmi erano tutto giornalismo, tutta opposizione, tutto l’establishment è uscito a parlare della razionalità del ministro dell’Economia. E chi era l’irrazionale? Ora, guardando al tempo che è passato, penso che sostenere il ministro stesse cercando di metterci di fronte”, ha detto Kirchner questo venerdì. Se questo era l’obiettivo, ha avuto successo.

Ma le elezioni si avvicinano e Kirchner teme di perdere ciò che resta del suo capitale politico. La nuova ministra dell’Economia, Silvina Batakis, ha la sua approvazione. La grande domanda è quale livello di autonomia avrà il funzionario per conformarsi a quelle che sembrano agende contrastanti. Non appena è entrato in carica, lunedì, ha affermato che nei suoi piani è quello di raggiungere gli obiettivi di deficit fiscale ed emissione monetaria che Guzmán ha concordato con il Fondo.

Glielo aveva chiesto il presidente Fernández quando gli aveva offerto l’incarico. Martedì, Batakis ha detto di persona al capo del FMI Kristalina Georgieva. Ma quegli obiettivi sono una brutta parola per il krichnerismo, che vede lì solo un duro aggiustamento con conseguenze catastrofiche. Batakis è oggi un ministro tra due acque.