Argentina: “Riemerge la corresponsabilità della Chiesa con la dittatura”

L’Argentina sotto shock per il fatto che è venuto alla luce una scandalo in una casa salesiana. Un ex sacerdote e altre due persone sono state trattenute e picchiate.

Interno di una Chiesa in Argentina
Interno di una Chiesa in Argentina – NanoPress.it

I loro casi fanno parte del processo per il caso Guerrieri IV. Il 18 aprile 1978, l’ex sacerdote argentino Santiago Mac Guire andò a prendere suo figlio Lucas di cinque anni all’asilo e lo mise in bicicletta. Quando erano a pochi isolati da casa, nella città di Rosario, un’auto li interruppe e li scaraventò a terra.

“Il caso Mac Guire rimette all’ordine del giorno la questione della corresponsabilità della Chiesa con la dittatura”

Quattro o cinque soldati in borghese ne sono scesi e sono saltati addosso a Mac Guire, lo hanno incappucciato e lo hanno portato sdraiato sul pavimento dell’auto, mentre hanno lasciato il ragazzo abbandonato in mezzo alla strada. Lucas oggi compie 49 anni e si prepara a testimoniare come testimone nel processo per crimini contro l’umanità iniziato lunedì scorso a Rosario.

Il caso del padre è uno dei 116 inclusi nel caso Guerrieri IV – di Pascual Guerrieri, ex ufficiale dei servizi segreti dell’esercito – per il quale sono accusati 17 ex militari e poliziotti. Si tratta però di un caso unico per l’accusa senza precedenti che lo accompagna: la causa sostiene che Mac Guire è stato rapito e torturato insieme ad altri due detenuti nell’opera salesiana Ceferino Namuncurá, alla periferia di Rosario.

Se confermato, sarebbe la prima volta che viene provato che una dipendenza ecclesiastica ha funzionato come centro di detenzione clandestina durante l’ultima dittatura argentina (1976-1983). “Sentivo i rumori degli aerei, quindi sapevo di essere più o meno vicino all’aeroporto, che si trova nella zona di Funes. Quando lo chiamano per legalizzare [per trasferirlo da un centro di detenzione clandestino a uno legale] due soldati lo prendono e quando chiede loro dove fossero, gli dicono che vengono da Ceferino Namuncurá.

Lì capisce che è il ritiro spirituale dei Salesiani dove è stato tante volte e stabilisce il rapporto”, racconta Lucas al telefono. Mac Guire non può testimoniare perché morto nel 2001, ma aveva dichiarato nel 1984 davanti alla Commissione nazionale per la scomparsa delle persone (Conadep), l’organismo creato da Ricardo Alfonsin dopo il ritorno dell’Argentina alla democrazia, con lo scopo di indagare sui crimini perpetrati dallo Stato terrorismo tra il 1976 e il 1983.

Suo figlio si affida a quella testimonianza per rispondere, che fa anche parte del fascicolo del tribunale. Lucas era troppo giovane per ricordare con precisione il giorno in cui suo padre fu picchiato e rapito davanti a lui, ma conserva la sensazione di freddo e di vuoto dei primi minuti, quando tutti si erano nascosti nelle loro case per paura.

“Prima mi è apparso il chiosco e poi una donna con una bambina che è andata nella mia scuola. Si è avvicinato a me, che piangeva in modo incontrollabile, e mi ha portato a casa mia”, ricostruisce. Come le altre famiglie degli scomparsi durante la dittatura, la moglie di Mac Guire, María Magdalena Carey, iniziò a cercarlo ovunque. Una delle porte a cui bussò fu quella del Vescovado di Rosario. Venne a chiedere aiuto con i suoi quattro figli e non se ne andò finché non lo ricevettero.

Da quando l’Argentina ha ripreso i processi per crimini contro l’umanità nel 2006, più di mille persone sono state condannate

Mac Guire, che è stato un importante sacerdote del Terzo Mondo fino a quando non ha appeso l’abito al chiodo nel 1972, la sua famiglia crede che i suoi legami con la Chiesa siano stati essenziali per salvargli la vita. “Circa 15 giorni dopo chiamano mia madre dal Vescovato per dirle di andare al Battaglione 121 perché mio padre è apparso lì. Quando arriva, trova una persona irriconoscibile a causa del numero di ferite e colpi e della sua magrezza “, dice Lucas.

Desaparecidos
Desaparecidos – NanoPress.it

Nella sua testimonianza davanti a Conadep, Mac Guire ha raccontato che quando fu trasferito in quel battaglione, [Eugenio] Zitelli, il cappellano della polizia di Rosario, lo ricevette “prendendo un caffè e fumando una sigaretta con il [comandante della gendarmeria Adolfo] Kusidonchi”. Kusidonchi è stato condannato nel 2018 a 22 anni di carcere per crimini contro l’umanità, ma Zitelli è morto prima di essere processato.

“Zitelli è stato perseguito per atti di privazione, applicazione di tortura e per integrazione dell’associazione illecita dell’apparato repressivo statale a Rosario, ma non è stato condannato perché morto pochi giorni prima dell’inizio del processo in cui è stato perseguito”. dice l’avvocato querelante Gabriela Durruti. “Il caso Mac Guire rimette all’ordine del giorno la questione della corresponsabilità della Chiesa con la dittatura”, continua Durruty.

Secondo la denuncia, Mac Guire è stato trattenuto presso l’opera salesiana di Ceferino Namuncurá insieme a Roberto Pistacchia – rapito lo stesso giorno e anche lui un sopravvissuto – ed Eduardo Garat, che rimane disperso. Il terreno dove si trovava fu ceduto nel 1979 all’Aeronautica Militare, operazione che ricorda quella compiuta quello stesso anno nel delta del Tigre in quella che è conosciuta come la masseria El Silencio.

Quella proprietà della chiesa fu venduta ai militari e poco dopo ospitò alcuni detenuti dell’Escuela Superior de Mecánica de la Armada (ESMA) per aggirare l’ispezione che i delegati della Commissione interamericana per i diritti umani avrebbero svolto durante la loro visita all’Argentina. Lucas si rammarica che il processo abbia impiegato così tanto tempo per arrivare e che ci sia solo un’udienza settimanale presso la Corte orale federale 1, che allungherà ulteriormente il processo.

“Da un lato è una sensazione liberatoria [l’inizio del processo], ma dall’altro ci sono molte sfumature, perché molti imputati sono morti, o per malattia o vecchiaia non erano nella stanza”, critica. Amici e attivisti per i diritti umani hanno accompagnato i parenti in tribunale lunedì. Tutti si aspettano condanne esemplari, ma ricordate che, inoltre, ogni nuovo processo è una nuova opportunità per ricordare i crimini commessi e che non si ripeteranno. Da quando l’Argentina ha ripreso i processi per crimini contro l’umanità nel 2006, più di mille persone sono state condannate.