Andrea Covelli scomparso a Napoli: il giallo del “rapimento” e l’appello della famiglia

È un vero e proprio giallo la scomparsa di un 27enne a Napoli: il suo nome è Andrea Covelli e di lui si sarebbero perse le tracce nei pressi di una cornetteria. La famiglia lancia un appello e parla di “rapimento”.

auto della polizia
Auto della polizia – Nanopress.it

Alcune immagini di un circuito di videosorveglianza della zona avrebbero immortalato il giovane “prelevato” da due persone tra la notte di martedì e mercoledì scorsi. La madre grida il suo dolore e chiede che suo figlio torni a casa, vivo o morto.

Andrea Covelli scomparso a Napoli: il giallo del “rapimento”

La famiglia di Andrea Covelli, 27enne del quartiere Pianura di Napoli scomparso da giorni, lancia un appello affinché il giovane sia riportato a casa, “vivo o morto”.

La madre, disperata, ne ha parlato ai microfoni dell’Ansa sottolineando la grande preoccupazione e parlando di un “rapimento”: al 27enne potrebbe essere successo qualcosa di grave e anche gli inquirenti, impegnati nelle ricerche dopo la denuncia della donna, non escluderebbero una pista diversa da quella di un allontanamento volontario.

La sparizione del giovane è un giallo a cui i parenti chiedono immediata soluzione, anche alla luce delle immagini che sarebbero impresse nelle telecamere della zona da cui le sue tracce si sono perse.

Le ultime immagini di Andrea Covelli prima della scomparsa

Secondo il racconto della famiglia, nei video si vedrebbe Andrea Covelli in sella al suo scooter, vicino a una cornetteria dove avrebbe dovuto fare un acquisto, raggiunto da due persone in motorino.

auto polizia
Auto della polizia – Nanopress.it

Una di queste avrebbe preso la due ruote del 27enne e l’altro lo avrebbe portato via con sé. Un racconto ora al vaglio degli investigatori dopo l’allarme lanciato dalla madre che, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa, sarebbe sorella di un soggetto noto alle forze dell’ordine.

Questo ultimo elemento non sarebbe secondario sul tavolo delle indagini: non sarebbe escluso, infatti, che il 27enne, da tutti descritto come un giovane senza macchia e con una vita tranquilla, possa essere stato vittima di una vendetta trasversale.

Tra le ipotesi, quella secondo cui Covelli possa essere finito al centro di un’azione nell’ambito di uno scontro tra gruppi criminali.

L’attività investigativa ha a che fare con un caso al momento complesso e denso di interrogativi. Gli inquirenti lavorano a ricostruire non solo la dinamica del presunto sequestro, ma anche le ore precedenti alla scomparsa del 27enne alla ricerca di tracce che possano condurre alla soluzione del giallo.