Aggredita in tre, campionessa di boxe li stende KO

Daiane Ferreira Da Silva

La campionessa di boxe Daiane Da Silva Ferreira, di origine spagnola ma tesserata con un club italiano, è stata purtroppo vittima di una aggressione, avvenuta lo scorso venerdì notte a Pordenone. A ad avere la peggio sono stati i tre aggressori di origine pakistana, che sono finiti ko sotto i pugni dell’atleta. La sua storia ha cominciato a circolare sui social facendo il giro del web.

La pugilessa ventottenne – che nonostante la qualificazione ha dovuto rinunciare a partecipare alle Olimpiadi di Rio a causa di un infortunio – si trovava in compagnia del suo cane in via Candiani, non molto distante dal centro di Pordenone, quando ha incrociato tre persone, presumibilmente ubriache, che hanno cominciato a darle fastidio.

I tre uomini non pensavano certo di trovarsi di fronte a una boxer e hanno cercato di afferrarla a turno. Ma la ragazza li ha colpiti tutti e tre, con un diretto, un gancio e un montante. Poi un passante ha chiamato la polizia che ha fermato gli aggressori, trovandoli senza documenti. La vicenda si è conclusa bene, ma cosa sarebbe accaduto se al posto di Daiane ci fosse stata un’altra ragazza?

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere