Afghanistan: I talebani lamento più di mille morti per il terremoto

In Afghanistan, il terremoto, che ha scosso anche la capitale del Pakistan, Islamabad, ha provocato centinaia di feriti, e i talebani hanno runito il loro gabinetto di emergenza per gestire la catastrofe.

Terremoto Afghanistan
Terremoto Afghanistan – NanoPress.it

Più di mille persone sono morte questo mercoledì in un terremoto di magnitudo 6,1 della scala Richter in Afghanistan. Secondo l’ultimo bilancio delle autorità afghane, oltre i mille deceduti ci sono migliaia di feriti causa del terremoto, con epicentro nel sud-est del Paese centroasiatico, anche se il numero potrebbe aumentare.

I talebani chiedono aiuti internazionali

La scossa si è verificata all’1:30 del mattino, ora locale (due ore in meno nella Spagna continentale) a circa 44 chilometri dalla città di Jost e ad una profondità di 51 chilometri, secondo le informazioni raccolte dal Service United States Geological Survey (USGS). Il Dipartimento dell’Informazione e della Cultura di Paktika, la provincia dove si registra il maggior numero di vittime, stima che almeno 1.500 persone siano rimaste ferite dal terremoto.

Zabiullah Mujahid, portavoce dell’Emirato islamico, al potere dal 15 agosto, ha dichiarato che il gabinetto di emergenza si è riunito per discutere dell’assistenza alle persone colpite dal terremoto. Ore prima, il leader supremo dei talebani, il mullah Hibatullah Akhundzada, aveva stimato il bilancio delle vittime a quasi 300, in un messaggio in cui ha anche espresso le sue condoglianze alle vittime del terremoto.

Il leader talebano ha sottolineato che le autorità “adotteranno tutte le misure necessarie per evacuare i martiri e per il trasporto e la cura dei feriti”, nonché per “fornire un aiuto immediato alle persone colpite”. “Chiediamo anche alla comunità internazionale, alle organizzazioni caritative ea tutte le organizzazioni umanitarie di aiutare il popolo afghano ad affrontare questa grande tragedia”, ha concluso Akhundzada nella sua dichiarazione, pubblicata dal portavoce dei Mujahid.

Salahuddin Ayubi, portavoce del ministero dell’Interno, ha affermato che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare poiché alcuni villaggi si trovano in aree remote tra le montagne, e ci vorrà del tempo per raccogliere i dettagli. Molte organizzazioni umanitarie stanno già lavorando sul campo, in coordinamento con le autorità talebane per salvare i sopravvissuti alla catastrofe, ha riferito l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) in una nota.

“Riteniamo che circa 2.000 case siano state distrutte”, ha affermato il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per l’Afghanistan, Ramiz Alakbarov, in dichiarazioni all’agenzia AFP. L’ONU ha anche affermato che la mancanza di macchinari rende difficile la ricerca dei sopravvissuti. La maggior parte delle vittime è stata registrata nella provincia afgana di Paktika, dove almeno un centinaio di persone sono morte e altre 250 sono rimaste ferite, secondo il capo del Ministero dei disastri naturali, Mohammad Nassim Haqqani.

Il Terremoto ha fatto danni anche in Pakistan

Altre 25 persone sono morte nella provincia di Khost, vicino al confine con il Pakistan, e altre cinque a Nangarhar, mentre continuano i soccorsi. Le immagini condivise sui social network mostrano numerose case distrutte e corpi su stoffa o tappeti. Il governo talebano ha già avviato i soccorsi inviando aiuti, elicotteri e forniture mediche. Tuttavia, le forti piogge e il vento che hanno colpito la zona non hanno consentito l’atterraggio di molti elicotteri ieri pomeriggio.

Terremoto in Afghanistan
Terremoto in Afghanistan – NanoPress.it

I media pakistani hanno riferito che un lieve terremoto ha scosso la capitale, Islamabad e altre parti del Paese. Almeno una persona è morta perché il tetto della sua casa è crollato, secondo Taimoor Ali, portavoce dell’Autorità per la gestione dei disastri della provincia di Khyber Pakhtunkhwa. Kabul chiede aiuto “Chiediamo alle agenzie umanitarie di fornire assistenza immediata alle vittime del terremoto per prevenire un disastro umano”, ha detto in un tweet il portavoce del governo afghano Bilal Karimi.

Il disastro arriva mentre l’Afghanistan affronta una grave crisi economica, quasi un anno dopo che i talebani hanno preso il potere in seguito al ritiro delle forze internazionali guidate dagli Stati Uniti. In risposta all’acquisizione del potere da parte dei talebani, molte nazioni hanno imposto sanzioni al settore bancario afghano e tagliato miliardi di dollari in aiuti allo sviluppo. L’aiuto umanitario è continuato, tuttavia, con organizzazioni internazionali, come le Nazioni Unite, in funzione.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA) ha affermato che l’Afghanistan ha chiesto alle agenzie umanitarie di aiutare con i soccorsi e che le squadre sono state inviate nell’area colpita dal terremoto. L’Afghanistan ha una lunga storia di terremoti, molti nelle zone montuose della regione dell’Hindu Kush, che confina con il Pakistan.

Se il bilancio delle vittime fosse confermato, il terremoto di questa mattina sarebbe uno dei più letali degli ultimi due decenni. Nel marzo 2002 un forte doppio terremoto, proprio nell’Hindu Kush, provocò la morte di 1.100 persone. Nel 2015 un terremoto di magnitudo 7.7 nella stessa area ha causato più di cento morti in Afghanistan e quasi 300 in Pakistan, Paese in cui ci sono stati più di 2.000 feriti e più di 36.000 case sono state danneggiate o distrutte.