Coronavirus, come prevenire il contagio: 10 regole base

Il Ministero della Salute ha stilato un elenco di consigli e regole da seguire per prevenire il contagio da Coronavirus, scopriamolo insieme.

Continua a leggere

Prevenire contagio coronavirus

Foto Shutterstock | Pcess609

Il nuovo Coronavirus (SARS-CoV-2), responsabile dell’epidemia di una malattia respiratoria nota come Covid-19 con epicentro nella città cinese di Wuhan, è un nemico che tiene in scacco interi paesi e governi. I sintomi più comuni dell’infezione sono simili a quelli di una influenza (naso che cola, tosse, mal di gola e di testa, febbre, senso di generale malessere), ma nei casi più severi evolve in forme di polmonite virale aggressive e pericolose provocando una sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e morte. Vediamo quali sono i 10 consigli per ridurre al minimo il rischio di contagio, esposti nel decalogo diffuso dal Ministero della Salute e messo a punto in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

Continua a leggere

Continua a leggere

LEGGI ANCHE TUTTE LE ORDINANZE ANTI-CORONAVIRUS REGIONE PER REGIONE

Continua a leggere

Continua a leggere

Coronavirus: 10 regole per proteggersi

Ecco di seguito le 10 regole base per prevenire il contagio ma anche la psicosi da Coronavirus (spesso alimentata da una mole incessante di fake news su trasmissione e sintomi), così come consigliato da Ministero della Salute e ISS.

1. Lavarsi spesso le mani

Al primo posto la corretta igiene delle mani, passaggio chiave per prevenire l’infezione. Occorre lavarle con acqua e sapone (o, se non disponibili, con disinfettante per mani a base di alcol al 60%) per almeno 20 secondi.

Continua a leggere

2. Niente contatti con chi ha infezioni respiratorie acute

La distanza da persone che manifestino infezioni respiratorie acute, secondo quanto raccomandato nel decalogo, è di almeno un metro. Attenzione a colpi di tosse, starnuti e febbre: il virus si trasmette con le goccioline di saliva.

Continua a leggere

3. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani

Il nuovo Coronavirus si trasmette anzitutto per via respiratoria, ma può entrare nell’organismo anche attraverso occhi, naso e bocca. Evitare, dunque, di toccare queste parti del corpo senza aver lavato accuratamente le mani.

Continua a leggere

4. Coprire naso e bocca in caso di tosse o starnuti

Se si ha un’infezione respiratoria acuta, occorre evitare contatti ravvicinati con gli altri e, anzitutto, adottare alcune precauzioni quando si hanno tosse e starnuti. Bisogna tossire e starnutire coprendosi la bocca con il gomito flesso o con un fazzoletto monouso, indossare una mascherina e lavarsi le mani subito dopo, per evitare che si contaminino le superfici e le persone con cui si entra a contatto.

5. No ad antibiotici e antivirali se non prescritti

Non affidarsi a farmaci antibiotici o antivirali se non prescritti da un medico. Non c’è alcuna evidenza attuale sul fatto che un antivirale prevenga l’infezione da SARS-CoV-2, e gli antibiotici non servono contro i virus.

Continua a leggere

6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di alcol e cloro

Il consiglio degli esperti su come pulire le superfici è quello di usare prodotti disinfettanti a base di candeggina, cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio. Bene farsi consigliare da un medico o farmacista.

7. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere infetti o si assiste una persona malata

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di indossare una mascherina solo se si ha il sospetto di aver contratto il Coronavirus (inutile indossarne sovrapposte). Attenzione a sintomi quali tosse o starnuti, o se si assiste una persona con sospetta infezione dallo stesso (ad esempio se si entra in contatto con chi torna dalla Cina e ha sintomi simili).

8. Niente paura di prodotti made in China o pacchi in arrivo dal Paese

Niente paura di prodotti made in China o pacchi in arrivo dall’Oriente: il nuovo Coronavirus non sopravvive a lungo sulle superfici e non c’è evidenza sulla possibilità di trasmissione tramite oggetti in arrivo dalla Cina.

9. Chiamare il numero 1500 in presenza di sintomi sospetti se si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni

Il periodo di incubazione del nuovo Coronavirus è compreso tra 1 e 14 giorni. Ecco perché, se si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni (o si entra in contatto con soggetti che rappresentano questo caso), e si evidenziano sintomi sospetti (febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori muscolari, malessere generale) occorre chiamare il numero verde 1500. In questo caso, anzitutto, indossare una mascherina, usare fazzoletti usa e getta e lavarsi bene le mani.

10. Niente paura degli animali da compagnia: non diffondono il virus

Gli animali da compagnia non sembrano poter diffondere il nuovo Coronavirus. Cani e gatti, allo stato attuale, sembrano immuni dall’infezione ma occorre comunque lavarsi bene le mani dopo ogni contatto con gli stessi.

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…

Da non perdere