Xu Zhiyong processato in Cina a porte chiuse: l’attivista rischia l’ergastolo

Xu Zhiyong processato in Cina a porte chiuse: l’attivista rischia di essere condannato all’ergastolo.

Xu Zhiyong
Manifestanti per Xu Zhiyong – Nanopress.it

Xu Zhiyong sarà processato a porte chiuse nella Cina orientale. Come spesso accade in questo tipo di processo politico, l’attivista per i diritti umani è accusato di “sovversione del potere statale“.

Xu Zhiyong processato a porte chiuse in Cina

Xu Zhiyong non ha visto il suo avvocato per tre mesi prima della sua udienza preliminare e lo stesso è avvenuto per l’avvocato e attivista Ding Jiaxi, che non ha visto il suo legale per quattro mesi. Ciò significa che i gruppi per i diritti umani temono il peggio in questi processi descritti come “ingiusti” e svolti in un tribunale della contea di Linshu, nella provincia orientale di Shandong.

Proprio su questa stessa costa orientale della Cina si è svolto – nel dicembre 2019 –  il “raduno di Xiamen”. Decine di avvocati e attivisti hanno parlato dell’emancipazione della società civile e della lotta alla corruzione, temi cari al “movimento dei nuovi cittadini” . Questo movimento informale, lanciato da Xu Zhiyong appena un decennio fa, è diventato rapidamente il nemico da sconfiggere da parte del regime.

Arrestato nuovamente nel febbraio 2020 – dopo aver criticato la gestione della crisi della pandemia di Covid-19 e aver sostenuto i manifestanti di Hong Kong e chiesto le dimissioni del presidente cinese – l’avvocato è da tempo tenuto in isolamento.

Le accuse del Chinese Human Rights Lawyers Group

Secondo la dichiarazione del Chinese Human Rights Lawyers Group, Ding Jiaxi e Xi Zhiyong sono stati privati ​​del sonno e del cibo durante la loro detenzione. Avrebbero anche subito il calvario della “sedia della tigre“, una sedia di metallo per interrogatori che immobilizza i sospetti per lunghe ore fino a fargli gonfiare le gambe. Alla vigilia di questi processi, diplomatici stranieri, tra cui l’ambasciata francese in Cina, hanno chiesto l’immediato rilascio dei due avvocati.

Nessun membro della famiglia o sostenitore è stato autorizzato a partecipare al processo di Xu tenutosi presso il tribunale del popolo della contea di Linshu nella provincia di Shandong mercoledì mattina. I rappresentanti legali dell’attivista hanno rifiutato di commentare l’evento, in quanto agli avvocati è stato chiesto di firmare accordi di riservatezza impedendo loro di parlare con i media, al fine di rischiare gravi conseguenze.

Chi sono i due attivisti

Xu, 49 anni, e Ding, 54, sono da tempo difensori dei diritti civili, il che li rende frequenti bersagli dello stato. Negli ultimi anni, la Cina si è concentrata sull’attivismo politico organizzato in tutte le forme, compresi i dissidenti moderati, per eliminarlo via efficacemente.

I due sono stati tenuti dietro le sbarre per più di due anni. Sono stati arrestati subito dopo aver partecipato a un raduno di attivisti nella provincia meridionale del Fujian nel dicembre 2019. Xu ora rischia l’ergastolo.