World Vegan Day a Londra: animalisti Peta nudi a Trafalgar Square

Gli attivisti si sono stesi in piazza senza vestiti, nonostante il freddo, e hanno cosparso i loro corpi con finto sangue.

World Vegan Day a Londra: animalisti Peta nudi a Trafalgar Square

In occasione del World Vegan Day, gli animalisti che sostengono Peta si sono riuniti a Londra per celebrare la giornata mondiale dei vegani con un sit-in a Trafalgar Square. Alla manifestazione ha partecipato un centinaio di persone. Gli attivisti si sono stesi in piazza senza vestiti, nonostante il freddo, e hanno cosparso i loro corpi con finto sangue. La giornata internazionale è stata istituita per ricordare che esiste un modo di vivere che escude la sofferenza animale.

Sabato 1° novembre si celebra il World Vegan Day: giornata internazionale per ricordare che esiste un altro modo di vivere, 100% cruelty free, cioè privo di sofferenza animale: quello vegan.

Centinaia di persone nude e imbrattate di (finto) sangue hanno manifestato a Londra mettendo in scena un ‘macello umano‘.

Qui centinaia di persone sono nude per testimoniare la sofferenza degli animali, spiega Ben Williamson, portavoce dell’organizzazione per i diritti degli animali Peta. “Se non siete disposti a uccidere il vostro cane o il vostro gatto perché lo fate con polli o pesci, o altri animali? Nell’industria della carne, del latte e delle uova gli animali sono mutilati, impriginati, castrati. Tutto per il palato. A ottobre è stata pubblicata una ricerca secondo la quale il 12% delle persone è vegetariano e vegano. Solo cinque anni fa eravamo il 3-4%. Il nostro è un movimento in rapida espansione“.

[fotogallery id=”4077”]

Un’altra attivista vegana da oltre 50 anni spiega: “Penso che la sensibilità nel mondo per questo problema stia aumentando. Quando diventai vegetariana tanti anni fa, mi considerarono pazza, e oggi siamo mainstream“, e Sonia Waddell prosegue: “Ho cercato nella mia vita di non aumentare le sofferenze degli animali del pianeta e di insegnare alle persone aiutare a rendere il mondo un posto più gentile“.

Su Twitter, è stato creato anche un hashtag:


!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+”://platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere