Vaccini obbligatori: news e novità da gennaio 2018

Vaccini

Vaccini obbligatori news oggi: la novità parte da gennaio 2018 quando si potrà accedere online al fascicolo sanitario elettronico, attraverso la propria tessera sanitaria Cns o quella dei propri figli, e in tal modo si potrà scaricherà direttamente via internet il certificato vaccinale. Dopo l’approvazione della legge sui vaccini obbligatori, la Regione Lombardia ha messo a disposizione questo servizio per aiutare le famiglie a gestire tutte le nuove procedure che riguardano le iscrizioni scolastiche.

LEGGE SULL’OBBLIGATORIETA’ DEI VACCINI PER LA SCUOLA
Come sappiamo, la legge sui vaccini obbligatori prevede che i minori di età compresa tra 0 e 16 anni siano vaccinati contro la poliomielite, la difterite, il tetano, l’epatite, la pertosse, l’Haemophilus influenzale tipo b, il morbillo, la rosolia e la parotite in base alle indicazioni del calendario vaccinale relativo a ciascuna coorte di nascita, mentre per i nati dal 2017 c’è anche l’antivaricella. Altri quattro vaccini non sono obbligatori ma fortemente raccomandati, e sono: antimeningococco B e C, antipneumococco e antirotavirus.

[npleggi id=”https://www.nanopress.it/salute/2017/07/28/vaccini-obbligatori-le-novita-del-decreto-cosa-cambia/178939/” testo=”COSA CAMBIA CON LA NUOVA LEGGE SUI VACCINI OBBLIGATORI”]

AUTOCERTIFICAZIONE E CERTIFICATO VACCINALE
Come sappiamo, per essere iscritti a scuola all’anno scolastico 2017/2018, gli studenti minori da 0 a 16 anni devono, da settembre, obbligatoriamente presentare la certificazione di vaccinazione avvenuta. Nel caso non si abbia a disposizione, è possibile fare un’autocertificazione che poi andrà sostituita con l’originale documentazione legale, entro il 10 marzo. Per agevolare le famiglie a compiere tutti i passaggi corretti per restare in regola, la Regione Lombardia ha stabilito di rilasciare direttamente online i documenti necessari a dimostrare l’avvenuta vaccinazione, in modo che chiunque possa scaricare il certificato vaccinale necessario per l’iscrizione a scuola.

SCADENZA PER PRESENTARE IL CERTIFICATO VACCINALE
Al momento dell’iscrizione alla scuola è possibile presentare un’autocertificazione in cui si dichiara di aver effettuato determinati vaccini, ma poi è necessario presentare la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione entro il 10 marzo 2018 (da gennaio sarà possibile scaricare il certificato vaccinale direttamente online. Senza autocertificazione i documenti devono essere presentati entro il 31 ottobre 2017 per la scuola dell’obbligo e entro il 10 settembre per i nidi. Chi non è in regola con quanto richiesto dall’obbligo vaccinale deve effettuare la formale richiesta di vaccinazione, che ogni genitore può fare tramite posta Pec, raccomandata con ricevuta di ritorno o richiesta consegnata e protocollata nelle Asst di riferimento.

[npleggi id=”https://www.nanopress.it/salute/2017/07/13/vaccini-cos-e-l-immunita-di-gregge-e-perche-e-importante/179035/” testo=”COS’E’ L’IMMUNITA’ DI GREGGE E PERCHE’ E’ IMPORTANTE PER LA SALUTE”]

ECCEZIONI ALL’OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DEL CERTIFICATO VACCINALE
Ci sono delle eccezioni all’obbligo di presentare il certificato vaccinale, ad esempio per chi è già immune per aver contratto la malattia, oppure presenta condizioni cliniche che sconsigliano la vaccinazione. In questi casi occorre presentare l’attestazione di esonero, oppure l’attestazione di avvenuta immunizzazione. Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare, è intervenuto sulla questione ricordando che “nel caso non si abbia il libretto vaccinale o una certificazione, e non si ricordi di aver rispettato tutte le scadenze vaccinali e i richiami, è già possibile conoscere lo stato vaccinale attraverso il Fascicolo sanitario elettronico. In alternativa è possibile rivolgersi ai centri vaccinali”.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere