USA: la Cina si arrabbia per la possibile visita della Pelosi a Taiwan

Pechino minaccia “misure forti” se il presidente della Camera dei rappresentanti degli USA visiterà l’isola autogovernata di Taiwan.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – NanoPress.it

Gli USA hanno fatto infuriare nuovamente Pechino con i suoi approcci a Taiwan, l’isola autogovernata che la Cina non rinuncia a unificare con la forza, considerandola parte del suo territorio. Il governo cinese ha avvertito martedì che prenderà “misure risolute e energiche” se la presidente della Camera dei rappresentanti degli USA, Nancy Pelosi, si recherà in visita a Taiwan ad agosto, come anticipato dal quotidiano Financial Times (FT).

La visita di Pelosi a Taiwan sarebbe la prima in 25 anni di un presidente della Camera degli USA

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha affermato nel corso della conferenza stampa quotidiana che qualsiasi viaggio dell’82enne legislatore nell’isola “metterebbe seriamente a repentaglio la sovranità e l’integrità territoriale” del colosso asiatico. La questione taiwanese è la questione più importante e più delicata tra le due maggiori potenze economiche del mondo e una costante fonte di attrito nelle loro relazioni diplomatiche.

Se accadesse, la visita di Pelosi a Taiwan sarebbe la prima in 25 anni di un presidente della Camera degli Stati Uniti nell’isola. “Se Pelosi, un democratico come Joe Biden, visita Taiwan, nessuno crederà che sia perché il presidente ‘non è in grado di controllarlo’. Il suo viaggio farà parte di un altro trucco di Washington per manipolare questo problema “, ha scritto su Weibo (il Twitter cinese) Hu Xijin, ex redattore capo del quotidiano nazionalista cinese Global Times. In meno di un’ora dalla sua pubblicazione, il messaggio ha più di 4.300 like su questo social network.

Il giornalista ha anche suggerito che i piloti dell’esercito cinese sorvolano lo spazio aereo taiwanese insieme all’aereo di Pelosi, un post che ha avuto quasi 10.000 interazioni. La Pelosi ha già cancellato un viaggio a Taiwan ad aprile perché aveva contratto il covid-19. Poi il ministro degli Esteri cinese Wang Yi l’ha definita “una provocazione maligna”.

Se si svolgerà ad agosto, la visita avverrebbe in un momento in cui le relazioni tra Stati Uniti e Cina stanno attraversando il momento peggiore dal ristabilimento delle relazioni diplomatiche nel 1979, quando Washington ha riconosciuto il governo di Pechino come rappresentante della Cina.

L’ambasciata cinese a Washington, dal canto suo, ha dichiarato di essere “fortemente contraria a qualsiasi tipo di contatto ufficiale tra Stati Uniti e Taiwan”. Il portavoce Liu Pengyu ha aggiunto che una visita “avrebbe un impatto negativo sulle basi politiche delle relazioni Cina-USA e invierebbe un segnale molto sbagliato alle forze separatiste taiwanesi”.

La Cina ha aumentato la frequenza e le dimensioni delle sue esercitazioni militari vicino alle acque taiwanesi

I legami bilaterali tra la Cina e il resto dei paesi sono regolati dal concetto di “Una Cina”, espressione che implica che c’è una sola Cina, e che questo include Taiwan, dove si rifugiarono le truppe nazionaliste sconfitte dall’esercito comunista nel 1949. nella guerra civile. Da quando Tsai Ing Weng, sostenitore dell’allontanamento da Pechino, è stato eletto presidente di Taiwan nel 2016, la retorica delle autorità cinesi è sempre più assertiva su una futura unificazione, che considerano “inevitabile”.

Xi Jinping
Il presidente cinese Xi Jinping – Nanopress.it

Inoltre, dall’anno scorso, la Cina ha aumentato la frequenza e le dimensioni delle sue esercitazioni militari vicino alle acque taiwanesi e i suoi caccia e bombardieri sono entrati frequentemente nello spazio aereo di difesa di Taiwan. Di fronte a questa situazione, a maggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che il suo Paese avrebbe difeso militarmente Taiwan in caso di invasione della Cina.

Un mese dopo, il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha affermato che i militari avrebbero “frantumato qualsiasi tentativo di indipendenza di Taiwan” e ha avvertito gli Stati Uniti di smettere di cercare di contenere la Cina: “Se qualcuno forza una guerra contro la Cina, l’Esercito popolare di liberazione non avrà né paura né dubbio”. Lunedì, a meno di 24 ore dalla notizia della notizia, la Cina aveva chiesto agli Usa di annullare immediatamente la possibile vendita di un pacchetto militare a Taiwan, per un valore stimato di 108 milioni di dollari (più di 105 milioni di euro).

La data scelta dalla Pelosi e dalla sua delegazione è particolarmente delicata per la Cina per due motivi: primo, perché il 1° agosto ricorre l’anniversario della fondazione dell’Esercito popolare di liberazione e, secondo, perché sarebbe una questione estremamente delicata in vista del 20° Congresso del Partito Comunista Cinese, prevista per l’autunno, e quando Xi Jinping dovrebbe essere rieletto per un terzo mandato.

Nessun leader cinese è al potere da così tanto tempo da quando ha governato Mao Zedong.”La Cina è convinta che il Congresso [degli USA] e l’Esecutivo siano in combutta per contenere la sua ascesa”, cita il FT Bonnie Glaser, politologo del Marshall Fund, che ritiene che Pechino sia diventata “ipersensibile” prima che si tenesse il Congresso .del Partito. “Dato che Pelosi è una democratica come Biden, il suo viaggio è interpretato come una strategia per usare Taiwan come carta contro la Cina e fornire supporto ufficiale alla sua indipendenza”.

Tuttavia, il Financial Times fa eco che ci sono divisioni all’interno del governo degli Stati Uniti sulla visita. Secondo due fonti a conoscenza della questione, alcuni funzionari ritengono che fosse più facile giustificare il viaggio ad aprile, poco dopo che la Russia aveva invaso l’Ucraina. Da parte sua, il South China Morning Post digitale di Hong Kong riporta che diversi analisti internazionali consultati ritengono che Pechino potrebbe imporre sanzioni contro Pelosi, aumentare le esercitazioni militari a Taiwan e sospendere la cooperazione sui cambiamenti climatici con gli Stati Uniti.