Usa: disegno di legge bipartisan sul controllo delle armi

Glu Usa cominciano a fare quacosa contro la proliferazione delle armi. Il testo, sostenuto da 10 conservatori, prevede anche importanti investimenti in salute mentale e sicurezza scolastica per fronteggiare l’epidemia di violenza.

Un uomo con un fucile
Un uomo con un fucile – NanoPress.it

Un gruppo di senatori democratici e repubblicani ha raggiunto un accordo di principio sul controllo delle armi per avanzare un disegno di legge, che unirebbe modeste restrizioni all’accesso e al possesso d armi, con importanti investimenti nella salute mentale e nella sicurezza scolastica.

USA: 10 democratici e 10 conservatori per un disegno di legge importante

L’accordo, annunciato questa domenica, ha il sostegno di 10 democratici e 10 conservatori e pone fine a un dialogo politico bloccato da più di un anno, e che si è ‘aperto’ in seguito allo sgomento della maggioranza dell’opinione pubblica dopo le sparatorie di massa di Buffalo (New York) e Uvalde (Texas).

Se l’iniziativa, avanzata tra gli altri, dal Washington Post e dalla CNN, diventasse legge, significherebbe la restrizione federale più significativa dagli anni ’90. “Prima raggiunge la mia scrivania, prima posso firmarlo e prima possiamo attuare queste misure salvavita”, ha reagito il presidente Joe Biden in una dichiarazione, sottolineando che il testo, “che riflette importanti passi nella giusta direzione.

Se adottata, sarebbe “la più importante legislazione sulla sicurezza delle armi approvata dal Congresso negli ultimi decenni”. L’accordo prevede il finanziamento dell’attuazione delle leggi a livello statale, che consentono alla polizia o ai familiari di limitare, per ordine del tribunale, il diritto di possedere armi di qualsiasi individuo potenzialmente pericoloso, al punto da confiscarle.

Poi un rafforzamento dei servizi di salute mentale, estendendo i controlli sui precedenti ai minori di 21 anni, come i tiratori di Buffalo e Uvalde, e più mezzi per rafforzare le misure di sicurezza nelle scuole. Tuttavia, il disegno di legge bipartisan tralascia le misure chiave sostenute da Biden e dai gruppi di controllo delle armi, come il divieto di vendita di fucili d’assalto e caricatori ad alta capacità o l’innalzamento dell’età minima per acquistare armi semiautomatiche da 18 a 21 anni (un’iniziativa che lo Stato di New York ha recentemente approvato).

Introdotta la clausola della “scappatoia legale del fidanzato”

Come novità, il testo introduce una clausola per risolvere quella che viene definita la “scappatoia legale del fidanzato”, e che vieterebbe alle coppie, non solo ai coniugi, di possedere armi se sono state condannate per violenza di genere. L’accordo bipartisan afferma che i cittadini che sono stati condannati o hanno ordini restrittivi saranno inclusi nei controlli sui precedenti penali indipendentemente dallo stato civile.

Esposizione di armi
Esposizione di armi – NanoPress.it

Nonostante il testo definitivo non sia stato ancora redatto, la notizia rappresenta un grande progresso, vista la polarizzazione politica e sociale che la questione delle armi suscita nel Paese, e arriva il giorno dopo che migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere più misure di controllo.

Interpellato dai giornalisti a Los Angeles, dove ha partecipato al Summit delle Americhe, oranizzato proprio dagli USA, Biden ha elogiato l’appello nazionale del gruppo March for Our Lives. “Che continuino a marciare [protestando], è importante. Questa deve diventare una questione elettorale. Il modo in cui [i membri del Congresso] ascoltano è quando la gente dice: “Guarda, questo influenzerà il mio voto”.

“Troppe persone muoiono inutilmente. Quello che viene proposto alla Camera e al Senato è marginale”, ha ammesso Biden a Los Angeles, poche ore prima dell’annuncio dell’accordo. “Voglio dire, è… importante, ma non è tutto ciò che deve essere fatto“, ha affermato il presidente, che ha ripetutamente sostenuto la necessità di adottare “leggi di buon senso”.

Biden: “Non vedo l’ora che arrivi sul mio tavolo per firmarla”

Sullo stato dei negoziati tra democratici e repubblicani, il presidente ha perso la speranza: «Sono moderatamente ottimista. Ho parlato diverse volte con [il senatore democratico Chris] Murphy. Ho parlato con lui anche ieri, ieri pomeriggio”.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Il senatore del Connecticut (USA) ha pronunciato un focoso discorso a favore del controllo delle armi il giorno della strage di Uvalde (Texas), con 21 vittime (tra cui 19 minori), l’ultimo colpo all’opinione pubblica sul fenomeno della violenza armata, che ha è in aumento dal 2020 fino a quando non è stata descritta come un’epidemia dalla Casa Bianca.

Murphy guida le iniziative di controllo delle armi dei Democratici dal 2012, in seguito al massacro in una scuola Sandy Hook a Newton, nello Stato che rappresenta, che ha causato 28 vittime, di cui 20 minorenni.

L’obiettivo del gruppo di lavoro era quello di ottenere la firma di 10 senatori repubblicani prima della presentazione ufficiale dell’accordo, numero necessario per superare il meccanismo di ostruzionismo al Senato, la cui composizione è attualmente divisa tra 50 seggi repubblicani e 50 democratici, con il voto decisivo per il Presidente della Camera, attualmente Vice Presidente Kamala Harris.

Con l’appoggio dei 10 repubblicani che sostengono l’accordo, la procedura potrebbe essere salvata senza i ritardi e gli ostacoli introdotti dall’ostruzionismo.