Unione Europea tra stagnazione e recessione

Gli analisti della Unione Europea e non solo, avvertono di uno scenario della economia avverso, dovuto alla guerra di Putin e al rialzo dei tassi, che avverrà subito dopo una stagione turistica che si presenta da record.

Bruxelles sede Unione Europea
Bruxelles sede Unione Europea – NanoPress.it

Per due mesi è stato impossibile trovare un tavolo nei ristoranti di Roma. Il trambusto è tornato a Barcellona. Dopo due anni di lentezza, le navi da crociera, i grandi concerti e i festival sono finalmente tornati in città. E i turisti. Gli hotel appendono di nuovo l’insegna completa ei ristoranti riempiono di nuovo i tavoli.

L’Unione Europea teme la caduta della economia globale

È il preludio di un’estate promettente. “I numeri sono già superiori al 2019 e le previsioni per i prossimi mesi sono molto buone”, celebrano gli addetti al settore. Siamo sopravvissuti alla crisi pandemica e siamo riusciti ad adattarsi all’inflazione. Ma non vogliono anticipare cosa potrebbe accadere in autunno. “Abbiamo imparato a vivere giorno per giorno”, dicono.

Nonostante queste ottime notizie sul fronte del turismo, nuove nuvole minacciano di offuscare la ripresa economica, al punto che gli analisti stanno già vedendo segnali di recessione. Formulare previsioni economiche è diventato un esercizio impossibile. Anche a breve termine. Il rimbalzo che avrebbe dovuto seguire lo schianto della pandemia è svanito.

Un anno fa le grandi organizzazioni internazionali prevedevano una crescita molto forte nell’area dell’euro, anche vicina al 4%. La Banca centrale europea (BCE) è stata l’ultima istituzione a ridurlo, al 2,8%. In un’altra epoca, qualsiasi economista ci avrebbe pensato più di due volte prima di pronunciare la parola “recessione”. Non più oggi. Venti contrari soffiano verso l’Europa da tutte le latitudini, soprattutto dalla Russia.

Il prolungamento della guerra in Ucraina e l’adozione di nuove sanzioni possono acuire l’aumento dei prezzi, e danneggiare ulteriormente la crescita nella zona euro. Se Mosca decidesse di chiudere il rubinetto del gas, l’Europa potrebbe persino trovarsi ad affrontare un gelido inverno.

Ma ancora queste nubi non si vedono. In Spagna, l’elevato cuscino di risparmio accumulato dai cittadini e il miglioramento del mercato del lavoro —con contratti più a tempo indeterminato — consentiranno fino a settembre di riempire alberghi e ristoranti. “Stiamo assistendo alla disponibilità da parte dei consumatori della disponibilità a spendere”. E tra queste spese c’è il tempo libero e il turismo. Tutto indica che si tratta di una buona stagione”, afferma Ángel Talavera, analista di Oxford Economics.

Dai posti di comando dell’UE, l’estate in Spagna, Italia o Grecia è percepita come il balsamo per compensare la battuta d’arresto che l’industria e l’edilizia in Germania potrebbero subire in questo trimestre. Ma tra gli economisti iniziano a diffondersi espressioni come “autunno nero”. “Incrociamo le dita”, riesce a riassumere Fontell, il ristoratore di Barcellona. Se nulla va storto, l’Europa, e la Spagna, devono continuare a crescere.

Secondo l’Ifo l’Europa crescerà del 2,5% nel 2022 e del 3,7% l’anno dopo

L’autorevole istituto Ifo in Germania prevede che la locomotiva europea cresca del 2,5% quest’anno e del 3,7% l’anno prossimo. Il suo direttore dell’Analisi, Timo Wollmershäuer, spiega che la guerra in Ucraina, la crisi energetica e i confinamenti in Cina, hanno già costretto le previsioni per quest’anno a un taglio di 1,5 punti rispetto a quelle di fine 2021. Se questo shock avrebbe colpito l’economia tedesca in tempi normali, saremmo caduti in recessione”, lamenta.

Sede della Banca Centrale Europea
Sede della Banca Centrale Europea – NanoPress.it

Le previsioni di tutte le organizzazioni, invece, sono piene di asterischi e note a piè di pagina. I rischi legati alla pandemia si stanno dissipando, ma stanno emergendo nuove minacce geopolitiche. “In Europa, la storia potrebbe essere ancora più cupa che negli Stati Uniti a causa della prospettiva di un boicottaggio energetico russo”, avverte Adam Tooze, storico e professore alla Columbia University. La Bce ha delineato uno scenario alternativo alle sue previsioni centrali in cui contempla una chiusura totale del rubinetto da parte di Vladimir Putin.

Il Cremlino ha già bloccato le forniture a diversi partner dell’UE, come Paesi Bassi e Finlandia, e ha anche parzialmente ridotto le spedizioni verso Germania, Francia e Italia. L’Europa teme, tuttavia, che Mosca vada oltre, con tagli che implicano il razionamento e che continuino a far salire i prezzi. Questa ipotesi, secondo la BCE, disegna già una crescita molto più debole per il 2022, dell’1,3%, e addirittura una contrazione dell’1,7% nel 2023. Anche l’inflazione diventerebbe più persistente e si attesterebbe su una media dell’8% quest’anno e del 6,4% l’anno prossimo. I prezzi elevati intaccherebbero il reddito delle famiglie e i consumi sarebbero depressi.

Nonostante la sua limitata esposizione alla Russia, sarebbe strano se anche la Spagna non fosse coinvolta in questa dinamica. La pandemia ha mostrato quanto velocemente qualsiasi crisi, sanitaria o economica, si diffonda in tutto il pianeta. E i principali partner commerciali dell’Europa cominciano a dare segni di esaurimento. Negli Stati Uniti, economia surriscaldata, questa settimana si sono già verificati due fenomeni che non sono passati inosservati agli economisti.

Uno: Wall Street è entrata in un percorso inconfondibilmente ribassista dopo aver accumulato perdite di oltre il 20% dal suo picco storico del 4 gennaio. E due: la curva degli interessi è stata invertita; cioè, i titoli a due anni hanno reso più del debito a dieci anni, il che indica pessimismo nel breve termine. In entrambi i casi, gli analisti vedono avvertimenti che sta arrivando una recessione. Quasi più valore di questi due segni ha il consenso di economisti e uomini d’affari. E questi parlano già apertamente di una recessione nel 2023.

Il 70% degli economisti consultati in un sondaggio del Financial Times crede di sì. “L’inflazione è al di sopra dell’obiettivo e la Federal Reserve deve ridurla, aumentando i tassi di interesse e rallentando la domanda e l’economia”, afferma Jonathan Wright, professore di economia alla Johns Hopkins University, che ha coordinato l’indagine. La banca centrale presieduta da Jerome Powell vuole che la sua politica aggressiva dei tassi di interesse provochi, al massimo, un atterraggio morbido per un’economia che si è ripresa rapidamente dalla pandemia, e con un mercato del lavoro molto forte.

Ma c’è chi parla di una recessione nel 2023

Tuttavia, Wright lo considera improbabile. “Data la situazione inflazionistica, è chiaro che la Fed [nome informale della Federal Reserve statunitense] deve inasprire rapidamente le condizioni finanziarie – e lo farà – anche se il costo è quello di provocare una recessione“, sostiene. Adam Tooze, economista, sottolinea questo “drammatico cambiamento” nelle aspettative, afferma di essere principalmente preoccupato per il mercato immobiliare statunitense. “Le tariffe dei mutui sono aumentate dal 3% al 6% in sei mesi. Entro il 2023 è previsto un calo dei prezzi. Il settore immobiliare statunitense è la classe di attività più importante nell’economia mondiale”, aggiunge.

Christine Lagarde
Christine Lagarde NanoPress.it

A ciò si aggiunge il crollo del mercato delle criptovalute, che era già diventato popolare come investimento. Non ci sono buone notizie nemmeno dalla Cina, altro grande partner commerciale dell’Ue e allo stesso tempo “rivale sistemico”, nelle parole di Bruxelles. La politica covid-zero di Pechino, basata sui confinamenti di fronte a nuovi focolai, continua a prevenire la fine delle strozzature e del grande ingorgo globale, responsabile anche del galoppo dell’inflazione. La banca d’affari Nomura prevede per il colosso asiatico una crescita del 3,3%, modesta rispetto ai ritmi frenetici di espansione dell’economia cinese degli ultimi anni.

E quei dati potrebbero diminuire, secondo l’ente, se la bolla di mattoni che ha cominciato a intravedere con la crisi immobiliare di Evergrande finisse per scoppiare. Non tutti i pericoli, tuttavia, sono all’esterno. Il mondo attende anche la risoluzione che la BCE dà al dilemma tra crescita e inflazione. I paesi del sud accettano che i tassi dovrebbero essere aumentati, ma con grande attenzione affinché la ripresa non deraglia. Quelli del nord pensano che Francoforte sia in ritardo. “La BCE deve ancora ammettere che dovrà alzare i tassi di interesse in profondità in territorio positivo, oltre il 3% e forse molto più alto. Questo rallenterà l’economia. La guerra in Ucraina aumenta le possibilità di una recessione.

È frustrante vedere che la BCE sta ancora trascinando i piedi”, afferma Charles Wyplosz, professore al Graduate Institute di Ginevra. Tuttavia, il sud dell’eurozona, guidato dall’Italia, ha trattenuto il fiato dopo l’aumento dei premi per il rischio, solo annunciando il primo rialzo dei tassi di interesse. La paura della grande nuvola: la crisi del debito del 2010, che è stata anche l’euro. Athanasios Orphanides, ora professore presso la business school del Massachusetts Institute of Technology, era allora governatore della Banca centrale di Cipro e membro del consiglio direttivo della BCE.

Ritiene che i problemi che hanno colpito la zona euro in quel momento non siano stati ancora risolti. “Mentre la BCE inasprisce la politica, potremmo assistere a un inasprimento più significativo delle condizioni monetarie in Italia e Spagna, ad esempio. Ciò può portare a risultati catastrofici in quegli Stati membri, ma l’intera zona euro ne risentirà”, afferma.Se tutti questi rischi si materializzeranno, la grande domanda è quanto sarà intenso quel ritiro.

Lorenzo Codogno, ex segretario al tesoro italiano e professore alla London School of Economics, ritiene che, se dovesse accadere, la recessione dovrebbe essere limitata a pochi paesi e di breve durata. E, questa volta, l’Europa ha uno strumento il cui dispiegamento ha appena iniziato a sostenere gli investimenti: un recovery fund fino a 800 miliardi di euro.