Un posto al sole in lutto: morto Antonio Pennarella, alias Nunzio Vintariello

Antonio Pennarella

L’attore Antonio Pennarella è morto all’età di 58 anni a causa di una malattia contro cui stava combattendo da tempo. Conosciuto dal grande pubblico per aver interpretato il ruolo del boss Nunzio Vintariello in Un Posto al sole, la soap in onda quotidianamente su Rai Tre, aveva lavorato anche in altre fiction, oltre che in teatro e per il cinema.

Nato nel 1960, Pennarella aveva iniziato la sua formazione teatrale dai primi anni Ottanta dedicandosi alla sperimentazione presso la Galleria Toledo. In teatro ha lavorato con Laura Angiulli e Carlo Buccirosso.

Il suo debutto nelle fiction tv avviene nella miniserie “Una lepre con la faccia di bambina”. Poi è apparso nelle serie “Il maresciallo Rocca”, “La squadra” e “La nuova squadra”, “Provaci ancora prof”, “Capri”, “Il tredicesimo apostolo”.

Tra il 2004 e il 2007, Pennarella ha fatto parte del cast fisso de “La stagione dei delitti”, interpretando il personaggio di Ciro Cuomo. Nel 2008 ha partecipato alla miniserie “Il coraggio di Angela” nel ruolo di Gegè. Più di recente, è apparso in “Un posto al sole” nel ruolo di Nunzio Vintariello. Tra le altre serie tv a cui ha partecipato, “Il clan dei camorristi”, “Squadra antimafia”, “Il sindaco pescatore”.

Molto attivo anche nel cinema ha recitato in “Il sogno della farfalla” di Marco Bellocchio, “I buchi neri” di Pappi Corsicato, “Il verificatore” di Stefano Incerti, “Giro di luna tra terra e mare” di Beppe Gaudino, “Lontano in fondo agli occhi” di Giuseppe Rocca, “Luna rossa” e “La guerra di Mario” di Antonio Capuano, “Noi credevamo” di Mario Martone, “Leoni” di Pietro Parolin, “Sodoma – L’altra faccia di Gomorra” di Vincenzo Pirozzi, “Take Five” di Guido Lombardi, “Indivisibili” di Edoardo De Angelis, “Pater familias” di Francesco Patierno, “L’uomo spezzato” di Stefano Calvagna, “Noi e la Giulia” di Edoardo Leo e “Nato a Casal di Principe” di Bruno Oliviero.

I suoi funerali si terranno sabato 25 alle 11 a Napoli, nella chiesa di via porta San Gennaro.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere