Ucraina nella Ue: caso Vovk, riforme della giustizia, corruzione e oligarchi

La Ucraina ritiene che lo status di paese candidato sia un passo avanti per ottenere la vittoria contro la Russia, nonostante il processo di ingresso richiederà anni o decenni.

Pavlo Vovk
Pavlo Vovk

Mentre i leader dell’UE si incontrano questo giovedì per accogliere l’Ucraina come paese candidato all’adesione, in Ucraina si sta preparando una di quelle grandi prove che segnano un’era. Il caso di Pavlo Vovk, capo del tribunale amministrativo di Kyiv e uno dei giudici più famosi del Paese, promette di portare alla luce i loschi legami della magistratura con le reti corrotte e clientelari.

Ucraina: il caso Vovk porta alla luce clientele e corruzione

Vovk, accusato insieme ad altri colleghi di usurpazione del potere, intralcio alla giustizia, criminalità organizzata e abuso di autorità, è protagonista di alcune registrazioni, pubblicate dall’Ufficio Anticorruzione, in cui ironizza sul fatto che nessuno dovrebbe dubitare della “prostituzione politica” della sua corte.

Un collega ha risposto che sosterrebbe “qualsiasi illegalità nel sistema giudiziario”. Nonostante le accuse, Vovk continua nella sua posizione di giudice. I due appuntamenti – quello di Bruxelles e l’udienza in tribunale a Kiev – sintetizzano il bivio che sta attraversando l’Ucraina. Da un lato, l’aggressione russa ha dato forza a una candidatura che prima del 24 febbraio, giorno dell’inizio della guerra, nessuno poteva sospettare fosse così vicina. “Questa è una settimana storica”, ha detto il presidente Volodymyr Zelensky.

Ma, allo stesso tempo, il caso Vovk mostra le enormi sfide che il Paese deve affrontare prima ancora di iniziare a negoziare la sua candidatura con l’UE, cosa che potrebbe richiedere anni o addirittura decenni prima che accada. Tra le sfide più importanti vi sono la riforma del sistema giudiziario, la lotta alla corruzione e il difficile compito di limitare l’influenza degli oligarchi fino a poco tempo fa onnipotenti.

“Le raccomandazioni della Commissione Europea sono assolutamente ragionevoli. Non li avvieremo perché altri paesi ce lo chiedono, ma perché fanno bene all’Ucraina “, assicura Igor Zovkva, vicedirettore del Gabinetto Zelensky. Il consigliere presidenziale insiste sul fatto che il Paese ha già intrapreso molte riforme negli ultimi anni. “Garantire lo status dell’Ucraina come paese candidato è uno dei pilastri più importanti per avvicinarsi alla vittoria contro la Russia”, conclude Zovkva.

Fatta eccezione per eventi dell’ultimo minuto imprevisti, al vertice di giovedì e venerdì l’Ucraina sarà riconosciuta come candidata all’ingresso nell’UE. “Il Consiglio europeo ha deciso di concedere lo status di candidato all’Ucraina e alla Repubblica di Moldova”. Il tanto atteso riconoscimento vuole essere un segno di fiducia e speranza per il popolo ucraino e garantisce che, quando l’aggressione russa finirà, inizierà il percorso che porta all’adesione al club comunitario.

La Unione Europea ha fissato 7 condizioni per l’entrata

Ma la strada non è priva di difficoltà, a cominciare dalla guerra lanciata da Vladimir Putin. Questo richiede anche a Zelensky di compiere un enorme sforzo aggiuntivo per introdurre riforme drastiche in un paese che è stato colpito incessantemente da Mosca dal 2014, e parzialmente invaso dalle truppe russe da febbraio. Fin dall’inizio, la Commissione europea ha fissato sette condizioni che Kiev dovrebbe soddisfare prima ancora di considerare l’apertura dei negoziati di adesione.

ursula von der leyen
ursula von der leyen – NanoPress.it

Le riforme richieste comprendono il processo di selezione dei membri della Corte Costituzionale e del Consiglio Generale della Magistratura per garantirne l’integrità; migliorare l’efficacia degli organismi di contrasto alla corruzione; applicare una normativa antiriciclaggio conforme agli standard internazionali; applicare la legge contro gli oligarchi, ma evitando la loro potenziale arbitrarietà; adeguare la normativa audiovisiva alla normativa comunitaria, con la creazione di un regolatore indipendente; e completare il quadro giuridico che tutela i diritti delle minoranze.

Il rapporto della Commissione sull’Ucraina approvato venerdì scorso, pur favorevole alla candidatura, segnala gravi carenze in tutti i settori oggetto di riforma. L’esecutivo di Ursula von der Leyen cita, ad esempio, che il Paese accumula 501 sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo da rispettare; che ha uno dei tassi più alti al mondo di bambini ammessi negli orfanotrofi (1,5% dei minori); o che in campo economico conta 3.500 imprese statali la cui redditività media è dello 0,3% contro l’8% del settore privato.

Niente è impossibile. Nominare i giudici della Corte costituzionale, attuare la legge sugli oligarchi. Tutto questo è assolutamente possibile, anche se siamo in guerra”, risponde il consigliere di Zelensky. Nonostante l’entità dei compiti in sospeso, Bruxelles accoglie con favore i passi che il Paese sta compiendo come segno del suo impegno. Da quando la Commissione europea ha proposto la scorsa settimana di concederle lo status di candidata, la Verkhovna Rada (il parlamento nazionale) ha ratificato la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne con 259 voti a favore e otto contrari.

Anche questa settimana sono state approvate le norme contro la corruzione e sulla gestione dei rifiuti in una maratona legislativa in piena guerra. Bruxelles valuta positivamente temi come il consolidamento dei conti pubblici negli anni precedenti l’invasione russa; o lo sviluppo del sistema educativo, con un tasso di alfabetizzazione del 100% e buoni risultati nel rapporto PISA dell’OCSE sulla qualità dell’istruzione.

Europeismo e atlantismo

A favore dell’Ucraina c’è anche l’allineamento della sua legislazione con quella europea grazie all’Accordo di Associazione, al punto che Von der Leyen ha assicurato che il Paese applichi già quasi il 70% delle normative comunitarie, idea che a Kyiv ripete anche il consigliere di Zelensky.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

La candidatura ucraina ha il vantaggio di una popolazione che vede in Bruxelles la soluzione per sottrarsi all’influenza di Mosca. Lo studio Come la guerra ha cambiato il modo in cui gli ucraini vedono i loro amici e nemici, preparato a maggio dal think tank della Ilko Kucheriv Democratic Initiatives Foundation, mostra un fervore europeista nel Paese. Se nel febbraio dello scorso anno il 70% dei consultati ha optato per l’integrazione nell’UE, tale percentuale è salita alle stelle a maggio all’89%.

Sono aumentati anche i favorevoli all’adesione alla NATO, una possibilità molto remota in questo momento e che anche lo stesso Zelensky per ora ha escluso. Prima che scoppiasse il conflitto con la Russia nel 2014, un’Ucraina all’interno dell’Alleanza Atlantica era un’idea di minoranza, mentre ora il 70% la vuole.

E il sostegno alla neutralità del Paese quest’anno è precipitato nell’irrilevanza. Inoltre, il 78% si dichiara contrario a fare qualsiasi tipo di concessione a Mosca per porre fine alla guerra. “È stato Putin a ottenere questo enorme sostegno alla NATO in Ucraina”, afferma il politologo Oleksii Haran.