Ucraina: la sfida per la sopravvivenza dopo l’invasione russa

Analisti e politici presumono che il futuro della Ucraina attraversi una tensione cronica con un nemico che vuole vedere il crollo dello Stato.

Volodymyr Zelenskyy
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Un paese può essere bombardato in modo permanente, vedersi conquistato il 20% del suo territorio, senza sbocco sul mare, con due delle sue tre città più grandi bloccate ed esistere ancora? La tesi dell’imperialismo russo, incarnata nel suo presidente, Vladimir Putin, è che l’Ucraina è un sogno irrealizzabile come repubblica indipendente, un errore nella storia causato dalla disintegrazione dell’Unione Sovietica.

Dopo più d 5 mesi dall’invasione russa, l’Ucraina cerca di sopravvivere

L’invasione iniziata lo scorso febbraio cerca di riportarla nella sfera della Russia. Per fare questo, il Cremlino vuole che prima lo stato ucraino crolli. Le enormi perdite nell’attuale guerra pongono un dilemma su come potrebbe essere l’Ucraina del futuro, secondo alcuni degli accademici consultati dal quotidiano El Pais: “Questa è una guerra per l’esistenza dell’Ucraina, chiara e semplice”, afferma Andrew Wilson, professore di studi ucraini all’University College di Londra.

Tadeusz Iwánski, ricercatore del Center for Eastern Studies di Varsavia, aggiunge che il conflitto potrebbe concludersi con concessioni ucraine a est ea sud, con gravi perdite economiche e geografiche, ma con l’emergere di uno Stato più consono ai valori di l’Unione Europea. “Gli ucraini hanno tagliato il secolare cordone ombelicale con Mosca”, sottolinea Iwánski, “economicamente e militarmente, l’invasione è un colpo molto più duro per lo Stato ucraino, ma culturalmente e sociologicamente ne rafforza il senso di identità”.

L’Ucraina, spiega Wilson, è sempre progredita storicamente quando i suoi governanti sono stati in grado di controllare lo sbocco dei suoi fiumi verso il Mar Nero di fronte alle minacce provenienti dall’est. Era così prima delle invasioni dei popoli nomadi dell’Asia centrale e così è ora con i missili russi. Per questo, sottolinea Wilson, nell’annunciata controffensiva è in gioco il futuro della nazione ucraina contro Kherson, città portuale tra il Mar Nero e il Dnepr, il fiume che costituisce la spina dorsale tra est e ovest.

Se l’operazione di conquista russa ha avuto successo ovunque, è sulla costa ucraina. La Russia ha preso la costa del Mar Nero di Kherson; nel Mar d’Azov ha conquistato Melitopol, Berdyansk e Mariupol. Quest’ultimo fu devastato dopo mesi di assedio russo. La sua produzione industriale per l’Ucraina era rilevante, ma non solo è andata perduta, ma anche la produzione agricola della provincia di Kherson, o il 40% della vicina provincia di Zaporizhia che è in mano russa, che ha decimato il peso delle esportazioni dell’Ucraina cereali.

Quest’anno, il Paese prevede di esportare metà delle vendite internazionali di grano del 2021

Quest’anno, il Paese prevede di esportare metà delle vendite internazionali di grano del 2021. A Zaporizhia, inoltre, la più grande centrale nucleare ucraina è nella potenza di Mosca, che ha fornito il 20% dell’elettricità dello Stato. Odesa, la grande città portuale del Paese, ha il traffico marittimo bloccato dalla flotta nemica. La Crimea, la penisola ucraina da cui è controllato il Mar Nero, è stata annessa alla Russia nel 2014.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Nella rivolta separatista filo-russa di quell’anno nel Donbas, le città di Lugansk e Donetsk sono passate nell’orbita di Putin. L’espansione russa in questa regione è progredita, lentamente, fino a soggiogare completamente la provincia di Lugansk e il 60% di Donetsk in questi mesi di guerra. Viaggiare attraverso questa regione significa lasciarsi alle spalle una miniera dopo l’altra e città di pendolari con fonderie anche prima dell’Unione Sovietica.

Lo storico dell’Università di Harvard Serhii Plokhi racconta nel suo libro The Gates of Europe gli inizi dell’industrializzazione ucraina sul fiume Donets nel 1870, quando il gallese John James Hughes si azzardò a costruire il primo stabilimento metallurgico di quello che allora era il sud dell’impero russo. Tutto questo è stato reso inoperante dalle bombe o fuori dal controllo ucraino. Odessa è la terza città dell’Ucraina per popolazione (quasi un milione di abitanti); il secondo, Kharkov, nel nord-est del Paese, vive giorno e notte sotto i bombardamenti russi.

La provincia di cui è capoluogo, economicamente annullata, ha contribuito per il 6% al PIL ucraino. Un’altra battuta d’arresto per Kiev è che non ha più collegamenti aerei e rimarrà tale per tutto il tempo che la Russia vorrà. “Questa guerra ci sta portando a un cambiamento fondamentale nell’interpretazione della comunità politica nei territori sotto il controllo di Kiev”, afferma Oksana Mishlovska, ricercatrice presso l’Istituto di Storia dell’Università di Berna (Svizzera).

Il cambiamento, spiega, avviene come reazione contro la Russia: “Si sta costruendo un nuovo mito nazionale dall’esclusione della cultura e della lingua russa e dall’esclusione della memoria storica condivisa tra Russia e Ucraina”. Il presidente ucraino, Volodímir Zelenski, insiste sul fatto che l’unico obiettivo è recuperare tutto il territorio perso dal 2014 (Crimea e aree del Donbas in mano ai separatisti filorussi).

Tuttavia, pochi analisti lo vedono come probabile. La pressione su Zelensky è alta perché l’84% della popolazione, secondo un sondaggio di questa settimana dell’Istituto di studi sociologici di Kiev, non vuole accettare concessioni territoriali alla Russia. Ma lo stesso ministro degli Esteri, Dmitro Kuleba, in una recente intervista ha contemplato che l’incorporazione dell’Ucraina nell’Unione Europea sarebbe possibile anche se parte del suo territorio fosse occupato dalla Russia. Kuleba ha citato come esempio il caso di Cipro —la sua sovranità è divisa, con una parte dell’isola contesa dalla Turchia—o il conflitto tra Spagna e Regno Unito per Gibilterra.