Ucraina: la Croce Rossa chiede l’accesso al campo di prigionia distrutto

Dopo il devastante attacco a un campo per prigionieri di guerra in Ucraina, la Croce Rossa ha cercato invano di entrare. Mosca, invece, sostiene che l’organizzazione sia stata invitata.

Ucraina
Guerra in Ucraina

Dopo l’attacco a un campo di prigionia nella Ucraina orientale, la Croce Rossa ha criticato di non aver potuto accedere ai feriti. “Per essere chiari, ieri la nostra richiesta di accesso ai prigionieri di guerra dalla prigione di Olenivka è stata negata”, ha twittato sabato sera la delegazione del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in Ucraina.

La Russia smentisce di aver negato l’accesso al campo di prigionia in Ucraina

Il ministero della Difesa russo ha risposto all’accusa della Croce Rossa di aver invitato il CICR in visita. Il campo si trova vicino alla città di Donetsk, in un’area controllata dai separatisti controllati da Mosca. Le baracche con i prigionieri di guerra sono state probabilmente distrutte venerdì notte. Si dice che dozzine di prigionieri di guerra ucraini siano morti, presumibilmente inclusi soldati del reggimento Azov.

I loro combattenti si erano trincerati nelle acciaierie di Mariupol in primavera.Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha parlato di un crimine di guerra russo intenzionale. Secondo una dichiarazione, il suo servizio segreto presume un’esplosione mirata e ha presentato una presunta telefonata intercettata dall’area separatista.

Secondo il resoconto russo, tuttavia, la struttura è stata colpita da un lanciarazzi multiplo Himars fornito dagli Stati Uniti, che si dice abbia utilizzato l’esercito ucraino. Le informazioni fornite da entrambe le parti non possono essere verificate direttamente e indipendentemente.

Il ministero della Difesa russo ha rilasciato sabato i nomi di 50 prigionieri uccisi e 73 feriti. (Leggi cosa si sa sull’incidente qui.) Dopo l’attacco, i media hanno mostrato le immagini di un dormitorio bruciato con cadaveri e sulla facciata si possono vedere fori di proiettili. Altre immagini mostrano corpi ricoperti di teloni. L’ambasciatore britannico in Ucraina Melinda Simmons ha chiesto un’indagine sull’attacco.

Il ministero della Difesa russo ha rilasciato sabato i nomi di 50 prigionieri uccisi e 73 feriti

L’attacco fa parte di un modello di “peggiori violazioni dei diritti umani e possibili crimini di guerra commessi impunemente nell’Ucraina orientale occupata”, ha scritto Simmons su Twitter. La Convenzione di Ginevra può essere attuata solo con il consenso delle parti in conflitto Il CICR, rigorosamente neutrale, ha il potere di visitare i prigionieri di guerra secondo il diritto internazionale, che si applica a tutti i paesi del mondo.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

“La Terza Convenzione di Ginevra conferisce al CICR il diritto di andare ovunque si trovino i prigionieri di guerra e di interrogarli”, spiega il CICR sul suo sito web. Tuttavia, i delegati necessitano dell’approvazione formale del partito che detiene i prigionieri di guerra.Il governo ucraino, nel frattempo, ha rilasciato dichiarazioni che danno l’impressione che le Nazioni Unite e il CICR abbiano dato garanzie per l’incolumità dei prigionieri di guerra.

Dal momento che le strutture carcerarie non sono mai gestite dal CICR stesso, non ci sono tali garanzie. Il CICR promette solo di visitare regolarmente i prigionieri e di garantire i contatti con la famiglia. Se una delle parti in conflitto non rispetta le Convenzioni di Ginevra, può fare ben poco. Un malinteso simile esisteva sui corridoi umanitari, progettati per consentire ai civili di fuggire dalle aree contese.

Il CICR può mediare nei negoziati per tali corridoi. Tuttavia, le parti in conflitto devono raggiungere un accordo. Se ci sono garanzie di sicurezza dalle parti in conflitto, il CICR accompagna i convogli e si prende cura dei civili.