Tragedia in Sardegna: a 7 anni muore annegato in piscina mentre cerca di recuperare la palla

Tragedia in Sardegna a 7 anni muore annegato in piscina mentre cerca di recuperare la palla

Tragedia in Sardegna a 7 anni muore annegato in piscina mentre cerca di recuperare la palla

Tragedia in Sardegna: un bambino di 7 anni è annegato nella piscina di un hotel a Orosei, in via Longomare, sulla costa centro orientale, mentre stava tentando di recuperare la palla. La drammatica vicenda è avvenuta intorno a mezzogiorno: il piccolo si è tuffato in piscina, mentre la mamma stava lavorando nella struttura, e inavvertitamente ha infilato la mano del bocchettone di aspirazione, non riuscendo più a liberarsi.

Immediato l’intervento del 118: i volontari hanno tentato l’impossibile per salvare il piccolo Richard Mulas, lo hanno rianimato per oltre un’ora, ma non c’è stato nulla da fare. Sul luogo sono intervenuti anche i Carabinieri, contattati dai genitori e dai gestori dell’hotel, per ricostruire la dinamica dell’incidente e individuare le eventuali responsabilità. Secondo le prime ricostruzioni, il piccolo si trovava nella struttura dove la mamma lavorava: stava giocando da solo nella piscina utilizzata in condivisione dai residence ‘Gli ulivi’ e ‘Il Rifugio’, quando improvvisamente si è avvicinato al bocchettone di aspirazione della vasca per prendere la palla e non è più riuscito a liberarsi. Un turista che ha assistito alla scena ha tentato di salvare il bambino gettandosi in piscina, ma purtroppo era già privo di sensi. Qualcun’altro ha chiamato i soccorsi che subito sono giunti sul posto.

Aperta un’inchiesta

La procura di Nuoro ha aperto un fascicolo sulla vicenda, intanto i Carabinieri hanno esaminato i bocchettoni di filtraggio della piscina: non è chiaro se avessero delle griglie di protezione. Sul corpo di Richard verrà effettuata l’autopsia.

[npleggi id=”https://www.nanopress.it/cronaca/2018/07/03/torino-operaio-muore-annegato-in-un-sottopasso-allagato-dal-temporale/216514/” testo=”Torino: operaio muore annegato in un sottopasso allagato dal temporale”]

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere