Tragedia a Camerano: un bambino di 7 anni muore davanti ai nonni

Tragedia a Camerano un bambino di 7 anni muore davanti ai nonni

Tragedia a Camerano un bambino di 7 anni muore davanti ai nonni

In provincia di Ancona, a Camerano, si è consumata una tragedia: Giacomo, un bambino di 7 anni, a un certo punto, nel cuore di un pomeriggio qualunque, si è sentito male, si è accasciato a terra ed è morto davanti ai nonni inermi. Il piccolo da alcuni giorni aveva la febbre alta, nausea e vomito, inoltre lamentava dolori alla pancia, tutti sintomi molto frequenti nei bambini, ma a un certo per Giacomo la situazione è precipitata fino a che ha perso conoscenza.

I nonni, non appena il piccolo ha perso i sensi, hanno chiamato i soccorsi: ‘Aiutateci, nostro nipote respira male, non sappiamo cosa ha’, hanno spiegato all’operatore del 118. Immediato l’intervento della Croce Gialla di Camerano che ha trasportato il piccolo Giacomo all’ospedale pediatrico Salesi di Ancona, in elisoccorso. I sanitari del pronto soccorso gli hanno tagliato la maglietta del pigiama e si sono accorti che l’addome era ricoperto di macchie.

La dottoressa Elisabetta Fabiani, responsabile del pronto soccorso, ha dichiarato che il bambino ‘è arrivato intubato, accompagnato dall’équipe medica del 118 e dell’elisoccorso che stava proseguendo le manovre rianimatorie già avviate sul territorio. Purtroppo, nonostante la rianimazione cardio-polmonare sia stata proseguita a lungo, il piccolo non si è mai ripreso. Le cause del decesso, al momento, permangono sconosciute’.

[npleggi id=”https://www.nanopress.it/cronaca/2018/03/08/bimbo-di-9-anni-muore-sotto-la-doccia-davanti-agli-occhi-del-papa/202506/” testo=”Bimbo di 9 anni muore sotto la doccia davanti agli occhi del papà”]

Ora non resta che attendere i risultati dell’autopsia che è stata disposta sul corpicino di Giacomo, così da chiarire le reali cause del decesso e le eventuali responsabilità.

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere