Sunak vs Mordaunt, ecco chi prenderà il posto di Boris Johnson

Il segretario di Stato al Commercio, Penny Mordaunt, ottiene consensi e si mette alle calcagna dell’ex ministro dell’Economia nella sua posizione di secondo favorito tra i deputati ‘Tory’ per sostituire Boris Johnson alla guida del partito conservatore.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

La prima settimana delle primarie del Partito conservatore britannico, in corsa per eleggere un nuovo leader in sostituzione di Boris Johnson, è servita a confermare la leadership nella competizione dell’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak. E la sorpresa, come secondo favorito tra i deputati, del segretario di Stato al Commercio, Penny Mordaunt.

Cinque candidati ancora in piedi per sostituire Johnson

Il suo alto punteggio tra gli affiliati al partito, da cui dipenderà la seconda fase del processo elettorale – quando restano solo due rivali – ha portato molti parlamentari conservatori a sostenerla, con l’idea che potrebbe essere la più capace di trasmettere la sensazione di un nuovo inizio per la formazione. Nel round tenutosi questo giovedì, Suella Braverman, il procuratore generale dello Stato (il massimo consigliere legale del governo britannico), è stata eliminata.

Era una delle preferite dell’ala dura ed euroscettica del partito. Ha rappresentato la visione più estrema di ciò che la Brexit deve significare per il Regno Unito. È stata l’autrice del contorto rapporto legale che ha giustificato la decisione del governo Johnson di promuovere una legge per annullare unilateralmente gran parte del protocollo dell’Irlanda del Nord, nonostante la possibile minaccia di una guerra commerciale con l’UE.

Braverman ha anche detto che il Paese si dissocia dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che, secondo lei, ha condizionato inutilmente il lavoro dei tribunali britannici. Ha ottenuto 27 consensi nella seconda votazione, cinque in meno rispetto a ventiquattro ore prima. Essendo il meno votato, secondo le regole del match, è stato escluso dalla competizione. 

A guidare la battaglia, in questa prima fase, c’è l’ex ministro Sunak, che con le sue dimissioni la scorsa settimana ha accelerato la caduta di Johnson. La sua campagna, in cui promette serietà e ortodossia fiscale di fronte all’inflazione galoppante e all’incombente recessione —il taglio delle tasse arriverà, ma solo quando i problemi precedenti saranno risolti—, ha convinto molti dei suoi colleghi deputati. Ha ottenuto 101 voti, 13 in più rispetto a mercoledì.

Penny Mordaunt, il Segretario di Stato al Commercio, è diventata la grande sorpresa delle primarie. È stata una sorpresa, in parte, annunciata. Per settimane, media come ConservativeHome, il forum attraverso il quale i deputati conservatori esprimono la loro opinione, si informano e dibattono, hanno assicurato che Mordaunt era, di gran lunga, il favorito tra gli affiliati.

“Sono pronto per essere primo ministro dal primo giorno”, ha detto Truss, un altro favorito tra gli euroscettici

Se mercoledì si è classificata seconda (67 deputati l’hanno sostenuta), questo giovedì ha consolidato quella posizione di netta sfida alla favorita. Ha ottenuto 83 voti, 16 in più rispetto al giorno precedente. La competizione sopravvive. Il ministro degli Esteri, Liz Truss, che ha ottenuto 64 voti (14 in più rispetto alla prima votazione), ha presentato ufficialmente giovedì la sua campagna. “Sono pronto per essere primo ministro dal primo giorno”, ha detto Truss, un altro favorito tra gli euroscettici, che potrebbe raccogliere consensi mentre continuano i voti di scarto.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

Curiosamente, una politica che in gioventù ha flirtato con il sentimento repubblicano e le idee di sinistra, e che nel 2016 ha fatto una campagna contro la Brexit, è finita per essere una delle icone sacre dell’ala dura del partito, che ha applaudito la sua sfida a Bruxelles con una legge che spezza l’irrequietezza dell’Irlanda del Nord nel mercato interno dell’UE, e con una posizione estremamente dura nei confronti del presidente russo Vladimir Putin e della guerra in Ucraina.

Restano in corsa altri due candidati, il segretario di Stato per il governo municipale e gli affari religiosi, Kemi Badenoch, con 49 voti, e il presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento, Tom Tugendhat, con 32, ma sono i candidati inequivocabili a cadono nei turni successivi. I suoi voti, altra sorpresa alle primarie, andranno alle rivali che più ardentemente difendono la Brexit.

Quelli di Tugendhat, conservatore moderato, potrebbero essere divisi tra i due principali contendenti.La prossima settimana, a partire da lunedì, le votazioni continueranno. In ognuna di esse verrà scartato il candidato meno sostenuto, fino a ridurne il numero a due (presumibilmente mercoledì). Giovedì 21 si conclude la sessione del Parlamento. I due candidati trascorreranno il resto dell’estate facendo campagna elettorale con i membri del partito in tutto il paese.

Ci sono circa 200.000 persone che voteranno per posta durante quelle settimane. Il 5 settembre, il giorno prima della riapertura della Camera dei Comuni, il Partito Conservatore annuncerà ufficialmente il nome del suo nuovo leader e futuro Primo Ministro del Regno Unito. Nel frattempo, Johnson rimarrà in carica a capo di Downing Street.