Sudafrica, l'incredibile gol in rovesciata del portiere

golportiererovesciata

Se un portiere segna, è una notizia. Se lo fa in rovesciata, è uno scoop. Sì, perché normalmente i portiere goleador segnano su rigore oppure di testa nelle mischie finali. Invece, Oscarine Masuluke, del Baroka Fc, ha messo a segno un bellissimo gol permettendo alla sua squadra di pareggiare 1-1 contro gli Orlando Pirates al Mokaba Stadium nell’undicesima giornata della Serie A sudafricana. Esultanza naturalmente incontrollata, dopo la bicicletta, per Masuluke e per i suoi compagni di squadra.

Se Chabalala aveva portato in vantaggio i ‘pirati’ su calcio d’angolo, nessuno si aspettava che sempre sugli sviluppi di un corner e dopo un rinvio in mischia del portiere degli Orlando, Masuluke indovinasse la rovesciata vincente, quasi dal vertice dell’area di rigore. A superare il suo collega e tutti i giocatori che, sulla linea di porta, hanno cercato invano di contenere quel capolavoro.

L’1-1 è arrivato al sesto minuto di recupero, rendendo ancora più epica l’impresa di Masuluke e della squadra padrona di casa. Chissà che questa rete non possa diventare davvero quella dell’anno, a poco meno di un mese dalla fine del 2016. Non perdetevi neanche l’esultanza dopo il gol, anche questa particolarmente originale. E non potrebbe essere altrimenti per un guardiano della porta che, una volta nell’area avversaria, si dimentica di indossare i guantoni e si mette a segnare come se fosse un Cristiano Ronaldo.

Il Baroka è una squadra fondata appena nove anni fa. Ma nell’album dei ricordi entra di diritto questa prodezza, a fronte di club che hanno storie più che centenarie, ma che mai hanno annoverato portieri in grado di mandare in visibilio le folle. E non solo per le parate e le uscite coraggiose, ma pure perché nei piedi dimostrano di avere la stessa forza e la stessa tecnica che nelle mani.

Parole di Alessandro Pignatelli

Alessandro Pignatelli è stato collaboratore di Nanopress dal 2016 al 2018, occupandosi principalmente di cronaca e sport.

Da non perdere