Staffetta 4x100 Giamaica perde l'oro: il doping di Carter penalizza Bolt

Mondiali atletica Pechino Ottavo giorno

Mondiali atletica Pechino   Ottavo giorno

Usain Bolt, l’uomo più veloce del mondo, ha perso una delle medaglie conquistate alle Olimpiadi di Pechino 2008- La decisione del Cio è arrivata in seguito all’accertamento del fatto che Nesta Carter, compagno di Bolt nella staffetta 4×100 maschile, è risultato positivo ai controlli antidoping. Da qui l’inevitabile scelta obbligata di cancellare la medaglia d’oro che la Giamaica aveva conquistato proprio durante quella gara.

A subire il danno maggiore in questa storia è però Usain Bolt, che in questo modo si vede annullare la tripletta di medaglie d’oro alle Olimpiadi cinesi (Bolt si aggiudicò anche le finali dei 100 e dei 200 metri). Ma non solo. Perché in occasione della staffetta 4×100 maschile, la squadra giamaicana aveva anche battuto il record mondiale che apparteneva alla stessa Giamaica e che era fermo al 1992 (terminando la gara a 37”10).

End of 2016 Rio Olympics Package

A seguito della squalifica del team di Bolt, la nuova classifica è stata così composta: oro a Trinidad & Tobago, argento a Giappone e bronzo al Brasile. Nonostante questo, però, il primato della specialità resta comunque alla Giamaica, che nel 2012, a Londra, ha fatto registrare 36”84 (con in squadra Bolt, Carter, Blake e Frater).

Oltre al giamaicano Nesta Carter, il Cio ha squalificato anche l’atleta russa Tatiana Lebedeva, argento nel salto in lungo e nel triplo.

Parole di Barbara Vellucci

Da non perdere