Sri Lanka: imposto lo stato di emergenza dopo la fuga di Rajapaksa

Il capo di stato delo Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, è riuscito a volare alle Maldive all’alba dopo giorni di massicce proteste per la grave crisi di carenza nel Paese asiatico.

Gotabaya Rajapaksa
Gotabaya Rajapaksa NanoPress.it

Dopo diversi tentativi, il presidente dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, è riuscito a fuggire dal Paese all’alba di mercoledì a bordo di un aereo militare diretto alle Maldive, come confermato dall’ufficio del primo ministro. La fuga del leader dello Sri Lanka è avvenuta poche ore prima di dover presentare le sue dimissioni ufficiali davanti al Parlamento, come aveva annunciato sabato.

Il presidente dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, è riuscito a fuggire dal Paese

E questo è successo dopo che centinaia di migliaia di manifestanti hanno preso il controllo del palazzo presidenziale per protestare contro la grave crisi economica e le carenze subite dalla nazione, il più grande dall’indipendenza dal Regno Unito nel 1948. Il primo ministro del Paese, Ranil Wickremesinghe, ha imposto il coprifuoco nella provincia occidentale, dove si trova la capitale Colombo, e ha dichiarato lo stato di emergenza in tutta l’isola.

Il presidente del parlamento Mahinda Yapa Abeywardena ha riferito che Rajapaksa ha autorizzato il primo ministro ad agire come presidente ad interim. Migliaia di persone, tuttavia, continuano a protestare per le strade contro il governo. Gruppi di manifestanti si sono scontrati con la polizia mercoledì intorno agli uffici del Primo Ministro a Colombo. Fonti ufficiali citate dai media locali affermano che né il Parlamento né la segreteria del presidente hanno ancora ricevuto la sua lettera di dimissioni da Rajapaksa.

Gli analisti consultati dalla stampa locale ritengono che il capo dello Stato, che gode dell’immunità giudiziaria mentre era in carica, avrebbe lasciato il territorio prima di comunicare la cessazione delle sue funzioni per evitare di essere arrestato. Rajapaksa, che non si vedeva in pubblico da venerdì, aveva già tentato la fuga in almeno due occasioni. Lunedì, molti dei suoi assistenti si sono presentati all’aeroporto di Colombo con 15 passaporti appartenenti allo stesso Gotabaya e ad altri membri della sua famiglia, che avevano prenotato i posti per un volo commerciale per Dubai.

I funzionari dell’immigrazione, tuttavia, non hanno accettato di avviare il processo di registrazione e fatturazione perché il Rajapaksa non era venuto personalmente a farlo. La famiglia non è stata inoltre in grado di salire a bordo di un secondo volo, questa volta per Abu Dhabi, per essersi rifiutata di fare la fila con gli altri passeggeri. In entrambe le occasioni si trovavano in una stanza privata dell’aeroporto, in attesa di ricevere il via libera per salire sull’aereo.

Il clan Rajapaksa ha dominato la politica in questa nazione insulare a sud dell’India per due decenni. Gotabaya, che ha assunto la presidenza nel novembre 2019, sarebbe l’ultimo membro di questa dinastia a lasciare il governo negli ultimi mesi.  A maggio, suo fratello Mahinda, che ha governato il paese tra il 2005 e il 2015, è stato estromesso dalla carica di primo ministro sotto la crescente pressione popolare. Settimane prima, gli altri suoi due fratelli, Basil e Chamal, così come i suoi tre nipoti, anch’essi membri dell’Esecutivo, avevano rassegnato le dimissioni dai loro incarichi di ministri.

Il Paese, che nel 2014 era una delle economie in più rapida crescita nella regione, è entrata in crisi

Lo Sri Lanka, che nel 2014 era una delle economie in più rapida crescita nella regione, è impantanato nella peggiore crisi mai registrata.  La popolazione è scesa in piazza da marzo, accusando i leader di essere corrotti e di aver portato il Paese alla rovina con la loro cattiva gestione. Il sequestro del palazzo presidenziale e di altri edifici ufficiali, dove i manifestanti rimangono trincerati in attesa delle dimissioni del presidente e del primo ministro, è stato il culmine di questi mesi di proteste.

Ranil Wickremesinghe
Ranil Wickremesinghe – NanoPress.it

Il passaggio a un nuovo governo è ora nelle mani di un parlamento che per anni non è stato all’altezza delle aspettative di questa nazione di 22 milioni di persone, con legislatori e partiti politici bloccati in lunghe lotte di potere interne piuttosto che cercare il beneficio della cittadinanza. Secondo la Costituzione, quando il capo dello Stato si dimette, il presidente del Consiglio assume automaticamente le sue responsabilità ad interim, fino a quando il Parlamento non sceglierà un nuovo leader che detenga il potere per il resto della legislatura, che si concluderà nel 2024.

Tuttavia, che il Premier Wickremesinghe sia presidente ad interim non è una soluzione valida per i manifestanti, che hanno messo in discussione anche il suo operato. Wickremesinghe ha annunciato sabato tramite Twitter che avrebbe fatto un passo indietro, anche se non ha specificato quando. Se il licenziamento di Gotabaya diventa ufficiale, la camera legislativa dovrebbe riunirsi per formare un nuovo governo multipartitico il 20 luglio.

I candidati presidenziali includono un parlamentare del Fronte popolare dello Sri Lanka, fedele al Rajapaksa e con la maggioranza dei seggi, e il leader dell’opposizione Sajith Premadasa, figlio del presidente ucciso in un attacco terroristico del 1993. Lo Sri Lanka, ufficialmente in bancarotta, ha bisogno di oltre 5,9 miliardi di euro di aiuti per andare avanti nei prossimi sei mesi. Nelle ultime settimane le autorità avevano accelerato i colloqui con il FMI per ottenere nuove fonti di finanziamento, anche se il panorama politico incerto non favorisce il raggiungimento di un accordo.

La sua economia fortemente dipendente dal turismo e dalle rimesse è stata profondamente colpita dall’impatto del covid-19, mentre il crollo della valuta locale ha fatto aumentare il prezzo delle importazioni di carburante, medicine e cibo, beni di prima necessità praticamente impossibili da procurarsi. L’inflazione ha toccato il 55% a giugno e la Banca Centrale ha avvertito che potrebbe raggiungere il 70% nei prossimi mesi.

Nel bel mezzo di una crisi alimentare, gli agricoltori stanno subendo le conseguenze di un regolamento imposto lo scorso anno che vietava l’uso di fertilizzanti, rendendo difficile la lavorazione della terra. La popolazione deve fare lunghe file anche per acquistare gas butano per cucinare e, visti i blackout giornalieri (che possono durare più di 13 ore), le autorità sono state costrette a razionare la benzina e ordinare la chiusura delle amministrazioni non essenziali e delle scuole per ridurre il pendolarismo.