Scuola, accordo Governo-enti locali: rientro il 7 gennaio

Governo ed enti locali hanno siglato l'accordo per il rientro a scuola: il 7 gennaio ripartiranno le lezioni in presenza per il 50% degli studenti. Discussi anche trasporti e sistemi di controllo

aula scolastica studenti covid-19 coronavirus distanziamento

Getty Images | Diana Bagnoli

Nella serata di ieri, 23 dicembre, Governo, Regioni e Province autonome, Città metropolitane, Province e Comuni hanno siglato l’accordo per la riapertura della scuola. La campanella, quindi, secondo la nota del ministero dell’Istruzione, potrebbe suonare per gli alunni italiani già il 7 gennaio.

Lo stesso ministero dell’Istruzione avrebbe poi inserito nel documento firmato in Conferenza Unificata da Governo ed enti locali le linee guida per dare avvio all’anno scolastico in sicurezza, permettendo il rientro degli studenti delle scuole secondario di secondo grado che sono in didattica a distanza.

Rientro a scuola dal 7 gennaio per il 50% degli studenti

Oggi in Conferenza Unificata abbiamo fatto un altro passo avanti su uno dei temi che più ci sta a cuore, la scuola“. Con queste parole si è detto soddisfatto il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, che ha poi proseguito illustrando tempistiche e regole di capienza delle aule: “Abbiamo lavorato con Regioni, Anci e Upi per mettere a punto tutte le misure necessarie per far ripartire in sicurezza dal 7 gennaio la scuola in presenza immediatamente al 50% per poi aumentare la percentuale con gradualità così come da impegno assunto da tutti con la ministra Azzolina”.

Dad ancora prevista come misura resudiale

Il Governo, comunque, non esclude a priori di poter tornare sui propri passi, ma rimette ai singoli istituti tale possibilità. Nel documento, infatti, si legge: “L’eventuale ulteriore sospensione o limitazione delle attività didattiche in presenza sia prevista come misura residuale”.

Le novità per la scuola 

Per quanto riguarda la sicurezza all’interno delle aule, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha illustrato alcune delle novità, tra le quali il sistema di tracciamento: “Sono molto felice per l’intesa siglata. Studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado finalmente potranno tornare a scuola. Ce lo avevano chiesto. È giusto che possano farlo grazie all’impegno di tutte le Istituzioni coinvolte. Si tratta di un accordo che prevede novità importanti tra cui una misura che chiedevo da tempo: il rafforzamento del sistema di tracciamento per le scuole”.

Oltre a questo, potrebbero arrivare novità anche in merito modalità di screening, con l’istituzione di una corsia preferenziale per la somministrazione di tamponi rapidi presso i presidi sanitari.

Nodo trasporti: servizi aggiuntivi per la scuola

Un altro tema caldo è quello dei trasporti: l’accordo siglato prevede che siano le istituzioni competenti a programmare i servizi di trasporto pubblico locale e regionale, per venire incontro ai documenti documenti prefettizi locali, ed eventualmente predisporre servizi aggiuntivi da attivare per garantire il corretto svolgimento dell’anno scolastico.

Per favorire il rientro, i Prefetti potrebbero anche valutare di incentivare per gli impiegati del settore pubblico e privato il passaggio o la permanenza in smart working, così come una modifica agli orari delle attività commerciali, per favorire un frazionamento deli ingressi

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Da non perdere