Dal 7 gennaio tutti gli studenti tornano a scuola tranne in Veneto e Friuli: superiori in DAD fino al 31 gennaio

Mentre la ministra Azzolina conferma la volontà di riaprire la scuola nella sua totalità, le due regioni del Nord-Est rimandano a febbraio il ritorno in classe delle scuole superiori

Controllo della temperatura all'ingresso di una scuola elementare di Torino, settembre 2020

Foto Getty Images | Stefano Guidi

Il 7 gennaio gli studenti italiani torneranno a scuola, ma solo il 50% degli alunni potrà assistere alle lezioni in presenza, almeno fino al 15 gennaio. Questo l’accordo raggiunto tra governo ed enti locali, in un braccio di ferro che però non sembra ancora concluso. Nello scontro d’opinioni sono coinvolti anche esperti e sindacati.

Azzolina: la scuola ripartirà

La ministra dell’Istruzione Azzolina ha confermato la ferma volontà di riportare tutte le classi sui banchi, sempre mantenendo estrema prudenza e attenzione. Sempre nell’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, ha sottolineato che la crescita della curva dei contagi non è da imputarsi alla scuola: è ora di riaprirla a tutti i livelli essendo un servizio pubblico fondamentale.

In contrasto le opinioni degli esperti: per il prof. Ricciardi sarebbe meglio aspettare metà gennaio mentre per l’immunologa Viola la scuola è un luogo sicuro. Anche l’ISS sostiene che la riapertura si possa fare alla luce delle precauzioni prese per contrastare il diffondersi del virus. Nel report sull’argomento, l’Istituto dice “Allo stato attuale delle conoscenze le scuole sembrano essere ambienti relativamente sicuri, purché si continui ad adottare una serie di precauzioni ormai consolidate quali indossare la mascherina, lavarsi le mani, ventilare le aule, e si ritiene che il loro ruolo nell’accelerare la trasmissione del coronavirus in Europa sia limitato“.

Dal Comitato tecnico-scientifico invece fanno sapere che la questione non è tanto se riaprire o meno, quanto più rimanere aperte. Il rischio è quello di far tornare gli studenti al ritmo scolastico solito per poi nuovamente rinchiuderli in casa a stretto giro, segno dell’ennesimo aumento dei contagi.

Contro la riapertura in maniera categorica i sindacati Gilda degli Insegnanti e Uil.

Veneto e Friuli in DAD fino al 31: altre Regioni potrebbero imitarli

Il presidente del Veneto Luca Zaia ha fatto sapere che nella sua Regione gli studenti delle superiori rimarranno in DAD fino a fine mese. Nella conferenza per annunciare l’ordinanza, ha spiegato che è stata una scelta dettata dalla prudenza per il bene della comunità. Stessa decisione per Massimiliano Fedriga del Friuli – Venezia Giulia.

Anche in altre Regioni si fa strada l’iipotesi di non riaprire totalmente la scuola il 7 gennaio: i presidenti di Liguria e Calabria Toti e Spirlì sono scettici sull’effettiva sicurezza dell’operazione; il timore è quello poi di richiudere tutto dopo poche settimane. Mirco Carloni delle Marche e Michele Emiliano della Puglia stanno valutando se emanare un’ordinanza simile a quella del Veneto.

In Campania invece la scuola ripartirà l’11 gennaio: a tornare sui banchi sono scuole materne e prima e seconda elementare. Per il ritorno di tutti gli alunni della scuola primaria se ne riparlerà il 18 mentre per gli altri livelli il 25 gennaio.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere