Scambi in culla: 26enne chiede 9 milioni di euro di risarcimento

Scambiate in culla 26 anni prima, Antonella chiede alla regione Puglia un risarcimento di 9 milioni di euro.

Scambi in culla: 26enne chiede 9 milioni di euro di risarcimento

Un caso di scambi in culla è quello che ha coinvolto 26 anni fa, all’ospedale di Canosa di Puglia, due bimbe. Una di loro, Antonella, insieme ai suoi “genitori biologici” Michele e Caterina e al fratello Francesco, ha chiesto un maxi risarcimento alla regione Puglia di 9 milioni di euro. Il 22 giugno 1989, al momento del parto cesareo, nella sala operatoria dell’ospedale c’erano due donne. A Michele e Caterina fu consegnata una bimba, alla quale fu dato il nome di Lorena. Adesso è sposata. I genitori raccontano che Lorena si sarebbe sentita sempre fuori luogo.

Antonella, invece, è finita in una famiglia indigente, che l’ha sottoposta ad umiliazioni e sofferenze. Poi la ragazza è stata adottata da una famiglia di Foggia, nonostante i suoi “genitori biologici” abbiano cercato di instaurare con lei un rapporto soddisfacente. I primi dubbi iniziarono nel 2012, quando una foto trovata su Facebook ha fatto emergere delle somiglianze incrociate. Le ragazze si sono sottoposte anche all’analisi del dna.

Photo credit: Foter / CC BY

Parole di Gianluca Rini

Gianluca Rini è stato collaboratore di Nanopress, Tanta Salute e Pourfemme dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di tematiche relative alla salute, l'ambiente, il benessere.

Da non perdere