Risultati Champions League, le possibili rivali delle italiane

L'urna di Nyon, dove lunedì 16 dicembre alle 12 si terrà il sorteggio, potrebbe nascondere qualche insidia per le italiane: ecco nel dettaglio quali sono le possibili avversarie di Juventus, Napoli e Atalanta negli ottavi di finale di Champions League

risultati champions league

Foto Getty images | di Michael Regan

I risultati di Champions League sorridono alle squadre italiane: delle 4 partecipanti alla fase a gironi, infatti, solo l’Inter non è riuscita a qualificarsi, eliminata da Barcellona e Borussia Dortmund e costretta quindi a retrocedere in Europa League. Juventus, Napoli e Atalanta, invece, hanno conquistato l’accesso agli ottavi di finale della massima competizione continentale e adesso attendono l’esito del sorteggio per conoscere le loro avversarie.

Un cammino, quello delle 3 squadre italiane rimaste, ricco di insidie soprattutto per Napoli e Atalanta, qualificate come seconde del proprio girone e destinate – con tutta probabilità – a pescare una delle superpotenze mondiali mentre per la Juventus, testa di serie e prima nel suo girone davanti all’Atletico Madrid, almeno sulla carta dovrebbe esserci un accoppiamento più morbido. Ecco nel dettaglio quali sono le possibili avversarie delle 3 squadre italiane.

Le possibili avversarie della Juventus

Prima nel proprio girone con 5 vittorie, un pareggio e nessuna sconfitta, i bianconeri hanno dimostrato di poter arrivare fino in fondo alla Champions League interrompendo un digiuno che, a Torino, dura da troppo tempo. La qualificazione come testa di serie mette la squadra di Sarri in posizione di vantaggio rispetto alle altre squadre italiane, ma non evita ai bianconeri le insidie dell’urna: la più pericolosa è senza dubbio il Real Madrid, seconda nel gruppo A alle spalle del PSG, vera e propria mina vagante del sorteggio e tutti alla Juventus eviterebbero volentieri l’incrocio con l’ex Zinedine Zidane. Da evitare anche il Tottenham di Josè Mourinho, con il portoghese rappresenta un’insidia da non sottovalutare anche se per valori i bianconeri sembrano favoriti. Più morbidi, ma comunque complicati, gli eventuali accoppiamenti con il Chelsea di Frank Lampard e il Borussia Dortmund che ha eliminato l’Inter. Il sorteggio ideale, almeno sulla carta, sarebbe quello con il Lione di Rudi Garcia, capace di strappare la qualificazione solo grazie al 2-2 in extremis contro il Lipsia.

Pericolo big per il Napoli in Champions League

Se nel caso della Juventus sono le avversarie a dover temere di più rispetto ai bianconeri, la stessa cosa non si può dire per il Napoli: la squadra partenopea, appena passata nelle mani di Gattuso dopo l’esonero di Carlo Ancelotti, ha moltissime probabilità di incontrare una delle big del calcio europeo. Difficile scegliere il male minore quando tra le possibili avversarie ci sono club del calibro di Barcellona, Bayern Monaco, Manchester City e PSG; dovesse capitare una delle squadre appena citate sarebbe una vera e propria impresa approdare ai quarti di finale. Più agevole, almeno sulla carta, un eventuale sorteggio con Lipsia o Valencia, avversarie alla portata del Napoli che potrebbe così sognare di proseguire il proprio cammino europeo. I risultati, Champions League esclusa, per il momento sono deludenti e la massima competizione potrebbe essere, qualora neanche Gattuso riuscisse a risollevare la squadra in campionato, la scialuppa di salvataggio di una stagione da dimenticare.

Atalanta e i sogni Lipsia o Valencia

Discorso simile a quello del Napoli vale anche per l’Atalanta di Gian Piero Gasperini: la Dea, grazie alle due vittorie ottenute contro Dinamo Zagabria e Shakhtar Donetsk e al pareggio contro il Manchester City,. ha già compiuto un’impresa qualificandosi alla fase ad eliminazione diretta alla sua prima partecipazione. I risultati, Champions League inclusa, dimostrano che i nerazzurri possono fare bene contro qualunque avversario ma pensare di riuscire a battere, nel doppio confronto, una tra Liverpool, Barcellona, Bayern Monaco o PSG sarebbe un eccesso di fiducia difficile da perdonare. Nonostante questo, però, la Dea è pronta a giocarsi le proprie chance di passaggio del turno che aumenterebbero se riuscisse a pescare dall’urna di Nyon una tra Lipsia o Valencia: in quel caso sì che sognare l’approdo ai quarti di Champions League non sarebbe un errore.

Parole di Matteo Vana

Da non perdere