Rider, nuovo contratto: più indennità per notturni, festivi e maltempo

Assodelivery e Ugl siglano il primo Ccnl rider in Europa

contratto rider in Italia

Foto Pixabay | Rudy and Peter Skitterians

Più tutele per i rider in caso di pioggia o di pochi ordini. Possono arrivare a prendere 10 euro ma restano autonomi. Sono diverse le novità che sono cambiate per i fattorini in bicicletta che consegnano qualsiasi cosa a domicilio grazie al nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro per i rider, il primo di questo tipo sottoscritto in Europa. AssoDelivery, associazione che rappresenta l’industria italiana del food delivery a cui aderiscono marchi come Deliveroo, Glovo, Just Eat, Social Food e Uber Eats e il sindacato Ugl (Unione Generale del Lavoro) hanno firmato un contratto collettivo nazionale del lavoro che, per la prima volta in Europa, aumenta le tutele dei rider che operano come lavoratori autonomi nell’industria italiana del food delivery.

Cosa dice il contratto rider nazionale

Tra i punti previsti dal contratto, un compenso minimo di 10 euro per ora lavorata, incentivo orario di 7 euro anche in assenza di proposte di lavoro, un bonus ogni 2.000 consegne effettuate, dotazioni di sicurezza, formazioni e coperture assicurative.

Per rappresentare il mondo dei rider, si legge in una nota, il sindacato Ugl ha costituito un’organizzazione rappresentativa e unitaria, denominata ‘Ugl Rider‘, dedicata ai lavoratori del settore. Il contratto rispecchia le indicazioni del ‘decreto Rider‘, un intervento importante approvato l’anno scorso su impulso e volontà del Ministero del Lavoro.

Sono previsti diritti e tutele nell’ambito del lavoro autonomo, tra cui: compensi minimi e indennità integrative per condizioni particolari di lavoro, un sistema di incentivi nelle città in cui il delivery è di recente introduzione e premi dopo un certo numero di consegne, fornitura gratuita di dotazioni di sicurezza, obbligo di formazione specifica e di coperture assicurative, sia contro gli infortuni sia per danni a terzi.

“Abbiamo dato il via a un cambiamento epocale perché per la prima volta un’organizzazione datoriale riconosce i diritti sindacali ai lavoratori autonomi”, commenta Paolo Capone, segretario generale Ugl. “È stato un percorso lungo e pieno di sfide – continua – in cui il sindacato ha investito e che ci ha permesso di regolare, insieme ad AssoDelivery, il lavoro dei rider nel comparto del food delivery. I rider italiani hanno finalmente maggiori tutele attraverso il Ccnl Rider appena firmato, un primo esempio di come regolare il lavoro che cambia. Da oggi guardiamo a molte altre categorie che non sono ancora raggiunte dalla contrattazione in Italia e in Europa”.

“In tal senso – prosegue Capone – la ‘on demand economy‘ ha creato nuove opportunità e modalità di lavoro in diverse industrie, per cui nuove tipologie di lavoratori hanno bisogno di un contratto come quello che abbiamo firmato oggi”.

LEGGI ANCHE: DISASTRO COVID, PERSI 600MILA POSTI DI LAVORO

“E’ un momento storico”, dichiara Matteo Sarzana, presidente di AssoDelivery, l’organizzazione maggiormente rappresentativa delle piattaforme italiane di food delivery. “Per la prima volta – prosegue – la contrattazione collettiva raggiunge il mondo del lavoro autonomo introducendo compensi minimi, indennità integrative, incentivi, sistemi premiali, dotazioni di sicurezza, assicurazioni, formazione e molti altri diritti, mantenendo allo stesso tempo la flessibilità e la premialità che cercano i lavoratori del settore”.

Come è nato il contratto per i fattorini

“Il Ccnl è stato elaborato nel solco del ‘decreto rider’, una normativa fortemente voluta dal Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, che ci ha permesso di raggiungere questo risultato e di regolare per la prima volta in Europa il settore del food delivery. Si tratta – conclude Sarzana – di un passaggio fondamentale per lo sviluppo del food delivery che consentirà ai rider di continuare a lavorare secondo le proprie esigenze, alle società di impegnarsi per la crescita sostenibile del settore e agli esercizi commerciali partner di cogliere le crescenti opportunità legate al delivery, specie in un momento complesso come quello che stiamo vivendo”.

Il contratto prevede, nello specifico, compenso minimo pari a 10 euro per ora lavorata, cioè in base al tempo per svolgere ogni consegna; indennità integrative, pari al 10%, 15% e 20% in corrispondenza di una, due o tre delle seguenti condizioni: lavoro notturno, festività e maltempo; incentivo orario di 7 euro, anche nel caso di assenza di proposte di lavoro, per i primi 4 mesi dall’apertura del servizio presso una nuova città; sistema premiale, pari a 600 euro ogni 2000 consegne effettuate; dotazioni di sicurezza a carico delle piattaforme quali indumenti ad alta visibilità e casco per chi va in bici, che saranno sostituite rispettivamente ogni 1500 e 4000 consegne; coperture assicurative contro gli infortuni (Inail) e per danni contro terzi; formazione con particolare riferimento a sicurezza stradale e alla sicurezza nel trasporto degli alimenti; divieto di discriminazione, pari opportunità e tutela della privacy, principi che caratterizzeranno il funzionamento dei sistemi tecnologici delle singole piattaforme; contrasto al caporalato e al lavoro irregolare, ovvero un insieme di iniziative per contrastare la criminalità; diritti sindacali, ovvero una quantità stabilita di giornate e di ore destinate ai rider che assumono il ruolo di dirigenti sindacali.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere