Richiedente asilo arrestato con mezzo chilo di hashish, il giudice lo lascia a piede libero

Hashish sequestrato

[didascalia fornitore=”ansa”]Hashish sequestrato[/didascalia]

Un richiedente asilo è stato arrestato a Milano con mezzo chilo di hashish, ma il giudice lo ha lasciato a piede libero stabilendo il solo obbligo di presentarsi alla polizia. A raccontare il caso il quotidiano Il Giorno.
Ad essere arrestato è stato un richiedente asilo di 22 anni, beccato con la droga a Parco Sempione. Fermato durante un blitz anti-spaccio, il ragazzo, originario della Guinea Bissau, è stato arrestato in flagranza di reato e portato in camera di sicurezza, in attesa della direttissima di giovedì.

In questa occasione è stato liberato, grazie alla clemenza del giudice che ha disposto sì l’arresto ma, in attesa del processo, lo ha lasciato a piede libero con il solo obbligo di presentarsi all’autorità giudiziaria ogni settimana.

«Dovevo solo consegnare il pacchetto a un’altra persona», ha sostenuto il ragazzo, incensurato, negando di essere uno spacciatore. «Vogliamo darle un’occasione ma cerchi di non farlo più: se reitererà il reato non troverà un giudice così clemente», il succo della risposta del giudice, come riporta Il Giorno. Insomma, niente carcere per lui, ma la raccomandazione di rigare dritto.