Re Filippo: “Il regime coloniale era basato sullo sfruttamento e sul dominio”

Per la prima volta, un monarca belga, il Re Filippo, sul suolo congolese, ha pronunciato la parola “rammarico” per la colonizzazione.  

Re Filippo del Belgio
Re Filippo del Belgio – NanoPress.it

“Il regime coloniale era basato sullo sfruttamento e sul dominio”, ha detto il re Filippo in un discorso durante la sua visita di stato nel Paese. Non ci sono state scuse, che potrebbero portare alla richiesta di enormi risarcimenti economici.

Re Filippo si assume la responsabilità morale dei crimini belgi in Congo

Già due anni or sono Filippo aveva espresso il suo rammarico in una lettera, ma ora ha ripetuto queste parole al presidente congolese Félix Tshisekedi e al popolo congolese.

“Il regime era basato su un ingiustificato rapporto di disuguaglianza. Era caratterizzato da paternalismo, discriminazione e razzismo. E ha dato origine a violazioni e umiliazioni. Vorrei esprimere ancora una volta il mio più profondo rammarico per le ferite passate del popolo congolese e di tutti coloro che ancora oggi stanno soffrendo”.

La coppia reale si è recata in Congo per una visita di stato di cinque giorni martedì, con il primo ministro Alexander de Croo e il ministro della Cooperazione allo sviluppo e della scienza al loro seguito. Il viaggio era già stato posticipato tre volte: due a causa del Covid e una a causa dello scoppio della guerra in Ucraina.

Sono passati anni da quando è stato in visita il Congo per una visita reale dal Belgio: l’ultima volta è stata nel 2010, quando l’allora re Alberto II all’epoca tenne le labbra serrata sul passato coloniale del suo Paese. Il rapporto tra Bruxelles e Kinshasa era in aumento da anni e il Belgio non ha osato pronunciare un discorso ufficiale.

La famiglia reale belga ha sempre svolto un ruolo importante nell’oppressione coloniale del Congo. Sotto Leopoldo II (un lontano predecessore di Filippo) il paese era una provincia personale del Re, e milioni di persone morirono durante il suo regno del terrore.  Il crimine più tipico di quel tempo era il taglio delle mani.

Per dimostrare che non stavano sprecando le loro munizioni, le truppe indigene al soldo del Re, dovevano tagliare la mano a ogni vittima che ritenevano colpevole, e questo provava che non avevano sprecato il loro costoso proiettile.

Lumumba, colui che spezzò il dominio Belga

Nel 1908 il governo belga assunse il controllo del Congo. Durante la cerimonia di indipendenza del 30 giugno 1960, l’allora re belga Baldovino tenne un discorso in cui affermava che i congolesi dovevano tanto al Belgio.

Patrice Lumumba
Patrice Lumumba – NnoPress.it

Dopo questa affermazione si alzò Patrice Lumumba, l’uomo che era stato eletto primo ministro del paese contro la volontà del Belgio. “Chi dimenticherà mai i massacri in cui perirono tanti nostri fratelli?” disse con orgoglio al re. “Noi, che abbiamo sofferto nei nostri cuori e nei nostri corpi sotto l’oppressione coloniale, ora diciamo forte e chiaro: tutto ciò rimarrà per sempre”.

Decine di migliaia di congolesi applaudirono a queste parole, ma re Baldovino non le digerì. Sei mesi dopo, Lumumba fu deposto, torturato e assassinato in circostanze inspiegabili – con “complicità morale dei belgi”, come concluse una commissione parlamentare belga all’inizio di questo secolo. Il discorso di Filippo era molto atteso in Congo, perché era già stato confermato in anticipo che il monarca avrebbe riflettuto sul passato coloniale.

Nel 2020, anno in cui George Floyd è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, negli Stati Uniti e in Belgio ci sono state manifestazioni contro il razzismo (durante le quali sono state deturpate le statue di Leopoldo II). Ma anche nell’anno in cui il Congo ha festeggiato i 60 anni di indipendenza, Re Filippo ha espresso il suo più profondo rammarico per i misfatti belgi.

Questo non cambia le cose, perché il periodo dell’invasione del Belgio in Congo è stato uno dei più brutti e orribili della storia del vecchio continente. Ma almeno ora c’è un Monarca che si assume qualche responsabilità, almeno morale.