Queen’s Speech, la regina è assente: il principe Carlo debutta al Parlamento per la prima volta

La regina, 96 anni, non ha presenziato all’evento per la prima volta in 59 anni a causa di “problemi di mobilità episodici”.

Regina Elisabetta
Regina Elisabetta – Nanopress.it

La regina Elisabetta non ha preso parte alla seduta in parlamento perr il Queen’s Speech. Per questo, la monarca è stata sostituita dal principe Carlo, che si è recato al Parlamento per la prima volta, pronunciando il discorso della madre: è la prima volta che accade in 59 anni, precisamente dal 1963. Il figlio e il nipote della sovrana, dunque, sono stati designati come consiglieri che possono svolgere alcune sue mansioni in sua assenza, facendo le sue veci.

Queen’s Speech: la regina Elisabetta non si reca in Parlamento: sostituita dal figlio Carlo

Buckingham Palace ha annunciato che la regina, 96 anni, non avrebbe partecipato all’evento in Parlamento a causa di “problemi di mobilità episodici“. Suo figlio, il Principe di Galles, ha pronunciato il discorso a suo nome, in presenza del principe William.

Il discorso ha messo sul tavolo 38 progetti di legge, comprese sette misure che eliminano la regolamentazione dell’UE, coprendo aree dalla riforma dei dati all’editing genetico ai servizi finanziari.

L’evento è un momento importante nel calendario politico poiché Boris Johnson sta cercando di riprendere le redini della situazione tra le mani, dopo le discussioni post-lockdown e le pesanti perdite subite dai Tory alle elezioni locali.

Il discorso della regina presenta diverse misure volte a reprimere le “proteste di guerriglia” con pene detentive fino a sei mesi e multe illimitate per coloro che si bloccano alle strade o incatenano ai trasporti pubblici.

Cop26: principe Carlo vede Vanessa, anima proteste con Greta

La delega della sovrana

La regina ha delegato alcuni poteri come capo di stato sia a suo figlio ed erede Carlo che al secondo in linea di successione, William, in qualità di Consiglieri di Stato per fare il loro ingresso, al suo posto, in Parlamento con una mossa senza precedenti. “Con il progressivo ritiro della regina dalla vita pubblica, il palazzo desidera mostrare che la monarchia è al sicuro nelle mani di padre e figlio”, ha fatto sapere Buckingham Palace.

Nel caso in cui la Regina non possa temporaneamente svolgere le sue funzioni ufficiali di sovrana per malattia o assenza all’estero, due o più Consiglieri di Stato sono nominati, dunque, con Letters Patent per agire in sua vece.

Per legge, i Consiglieri di Stato includono il coniuge del sovrano, che sarebbe stato il defunto duca di Edimburgo e le successive quattro persone in linea di successione che hanno più di 21 anni.