Quanto bisogna dormire? Una tabella indica le ore

Le ore da dedicare al sonno variano in base alla fascia d’età di appartenenza: la tabella elaborata dagli studiosi statunitensi.

Quanto bisogna dormire? Una tabella indica le ore

Quanto bisogna dormire? Quante sono le ore di sonno necessarie al benessere psicofisico di ogni individuo? Per rispondere a queste domande, gli esperti della National Sleep Foundation hanno composto una tabella, indicando il numero di ore consigliate, in base alla fascia di età. Le classiche 7 ore di sonno sono consigliate a tutti, ma il numero delle ore da dedicare al riposo può diminuire o aumentare a seconda dei casi. Ad esempio, sotto i 18 anni non si dovrebbe mai scendere sotto le 8 ore, mentre dopo i 18 il limite minimo consentito è di 6 ore.

Il sonno svolge delle funzioni molto importanti per il nostro organismo e soprattutto per il cervello. Si è visto anche, in base alle ricerche scientifiche, che, quando si dorme poco, può aumentare l’ansia. E’ essenziale garantire al nostro corpo e alla nostra mente le giuste ore dedicate al riposo, perché dormire poco ha molte conseguenze negative, fra le quali possiamo ricordare l’indebolimento delle difese immunitarie e un rischio più alto di incorrere nella depressione. Per questi motivi gli esperti sono arrivati a stabilire:

Neonati (0-3 mesi): sonno tra le 14 e le 17 ore
Prima infanzia (4-11 mesi): sonno tra le 12 e le 15 ore
Bambini (1-2 anni): sonno tra le 11 e le 14 ore
Età prescolare (3-5 anni): sonno tra le 10 e le 12 ore
Età scolare (6-13 anni): sonno tra le 9 e le 11 ore
Adolescenti (14-17 anni): sonno tra le 8 e le 10 ore
Giovani adulti (18-26 anni): sonno tra le 7 e le 9 ore
Adulti (27-64 anni): sonno tra le 7 e le 9 ore
Anziani (più di 65 anni): sonno tra le 7 e le 8 ore

E’ importante, quindi, rispettare queste regole per sentirsi meglio.

Parole di Gianluca Rini

Gianluca Rini è stato collaboratore di Nanopress, Tanta Salute e Pourfemme dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di tematiche relative alla salute, l'ambiente, il benessere.

Da non perdere