Putin vuole resuscitare l’impero russo, da qui la guerra in Ucraina

Vladimir Putin vuole resuscitare l’impero russo, motivo per cui sta facendo la guerra in Ucraina. Ma ha alienato molti stati che appartenevano alla sfera di influenza di Mosca.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Nell’82° giorno della guerra contro l’Ucraina – qundo le truppe russe lanciarono l’offensiva su Severodonetsk – Vladimir Putin usò tutto il fascino del dittatore. Nella Sala Alexander del Gran Palazzo del Cremlino ricevette i capi di stato delle cinque ex Repubbliche sovietiche di Bielorussia e Armenia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. La sala da ballo con le sue possenti colonne, volte e lampadari è dedicata al Granduca Alexander Nevsky.

Putin pensa alla “Grande Russia”, ma nessuno è d’accordo con lui

Gli affreschi mostrano scene della battaglia che vinse nel 1242 contro i cavalieri tedeschi e danesi sul lago Peipsi. Il messaggio: la Russia è sempre stata invincibile. Chiunque entri nella scintillante sala d’oro diventa piccolo di fronte al grande fondale.

L’incontro era inteso come un momento di festa per celebrare l’anniversario della “Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva”, una sorta di mini-NATO fondata nel 2002 come successore di un’alleanza di stati post-sovietica. Si lavora “come veri alleati secondo i principi dell’amicizia e del buon vicinato”, ha detto Putin nel suo discorso, sottolineando la presunta uguaglianza tra la Russia e le repubbliche vicine.

Ciò vale «anche adesso, nell’attuale difficile situazione». La “situazione non facile” significava la guerra della Russia contro l’Ucraina, ma a parte i suoi colleghi bielorussi, nessuno degli ospiti ne ha parlato e il nome Ucraina non è apparso in nessuno dei loro discorsi.

Perché la guerra non ha allarmato solo l’Occidente e il mondo democratico, ma anche le ex repubbliche sovietiche. Ce n’erano 15, questa volta solo 5 sedevano accanto alla Russia al tavolo del Cremlino. Azerbaigian, Georgia e Uzbekistan avevano lasciato l’alleanza anni fa; Turkmenistan, Moldova, Ucraina e, naturalmente, i tre Stati baltici non sono mai stati inclusi.

“Indipendentemente da come tutto finisce in Ucraina, – scrive il giornalista russo Ivan Davydov -: “Uno dei risultati inevitabili dell’operazione speciale sarà la perdita delle posizioni russe nello spazio post-sovietico. La sua diagnosi è probabilmente corretta. Durante la guerra, Putin non solo ha unito americani ed europei occidentali e ha rianimato la NATO.

Il Trattato di Sicurezza Collettiva non è più una priorità per le ex Repubbliche Sovietich

Ha anche alienato gli ex concittadini dell’Unione Sovietica, quei territori non russi colonizzati con la forza dalla Russia dal XVIII secolo e incorporati nell’Unione Sovietica nel 1922, cinque anni dopo il colpo di stato bolscevico. Sono stati indipendenti dal crollo dell’URSS.

Gorbaciov
Gorbaciov – NanoPress.it

Ma ora, ben 30 anni dopo, la loro indipendenza è nuovamente minacciata dalla Russia. Motivo sufficiente per prendere le distanze dal grande partner. Ci sono già segni di questo.

Quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a stragrande maggioranza l’invasione russa dell’Ucraina all’inizio di marzo, delle ex repubbliche sovietiche, solo la Bielorussia, insieme alla Russia, ha votato contro la risoluzione, un paese che è stato quasi completamente dipendente dal Cremlino dai disordini interni dell’anno scorso.

Armenia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan si sono astenuti; Azerbaigian, Uzbekistan e Turkmenistan non hanno nemmeno preso parte al voto, le restanti repubbliche ex sovietiche si sono rivolte contro la Russia. Anche nell’organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva non c’è più unità, si è lamentato al vertice di Mosca il despota di Minsk Lukashenko, ricordando i tempi in cui tutti i popoli sovietici erano una grande famiglia armoniosa.

L’Unione Sovietica era davvero una grande famiglia di popoli? Per decenni, questa era stata la narrativa comune. I russi di Mosca e Leningrado si rilassavano sulle spiagge della costa georgiana del Mar Nero. Apprezzavano l’atmosfera meridionale di Tbilisi e le caffetterie del centro storico di Baku. Le città uzbeke di Samarcanda, Bukhara e Khiva erano luoghi orientali del desiderio e gli sport invernali venivano praticati sulle montagne sopra la capitale kazaka Alma-Ata.

Mosca importava vino e cognac dalla Moldova, estraeva il petrolio al largo della costa azerbaigiana del Mar Caspio e il gas nel deserto del Turkmenistan, raccoglieva il cotone uzbeko e inviava centinaia di migliaia di persone nel territorio inesplorato del Kazakistan per creare un secondo granaio sovietico.

Da Stalin in poi, la Russia ha sempre dominato sugli altri Paesi

Il fatto che ci fosse stata una guerriglia antirussa e antibolscevica in Asia centrale fino agli anni ’30, a seguito della quale la maggior parte delle moschee furono chiuse e perseguitati i mullah, non è stato menzionato.

Stalin
Stalin – NanoPress.it

Non sul fatto che Stalin abbia spinto con la forza il popolo nomade dei kazaki in fattorie collettive, per cui più di un quarto della popolazione morì di fame o fuggì in Cina, né sul fatto che i 523 test della bomba atomica al il sito di test vicino a Semipalatinsk ha irradiato migliaia di residenti.

Né del fatto che la Moldova – una repubblica nata in seguito al patto Hitler-Stalin e la creazione più artificiale della politica di nazionalità di Stalin – abbia effettivamente visto il suo centro nazionale nella vicina Romania.