Putin teme le nuove armi date all’Ucraina. La situazione

L’uso da parte dela Ucraina di sistemi avanzati di artiglieria occidentale, ha il potenziale per sconvolgere l’equilibrio della guerra voluta da Putin.

Soldati in guerra
Soldati in guerra – Nanopress.it

Ormai è acclarato da video che girano in rete: il potenziale per i sistemi di artiglieria a lungo raggio recentemente forniti alla Ucraina dai suoi alleati occidentali, consentono di colpire con precisione le retrovie russe. Si tratta di una nuova variabile nell’equazione di una guerra che si avvicina ai cinque mesi e ha attraversato diverse fasi.

Putin in dfficoltà cerca delle soluzioni

Nella prima, la Russia ha lanciato un’offensiva ad ampio raggio. Nelle battute iniziali ha ottenuto una significativa penetrazione in diverse parti del territorio ucraino. Ma l’offensiva è stata presto segnata da un’ampia dispersione delle forze e da notevoli fallimenti nel coordinamento e nella logistica.

Quella fase si è conclusa con una clamorosa sconfitta russa sul fronte settentrionale – compreso il fondamentale ritiro sull’asse offensivo di Kiev – e una migliore prestazione delle forze del Cremlino sul fronte meridionale e orientale con la creazione di un corridoio tra Crimea e Donbass.

Nella seconda fase della guerra, Putin ha concentrato la sua azione sul fronte orientale, cercando il controllo completo del Donbass. In esso, il Cremlino ha corretto alcuni degli errori che hanno segnato la prima fase e ha gettato le basi per il progresso.

Mosca ha ottenuto il controllo completo di Mariupol. Nel frattempo, l’Ucraina è riuscita a completare la sua performance di successo nel quadrante settentrionale ottenendo la liberazione di Kharkov, la seconda città più grande del Paese.

Nelle ultime settimane, la Russia di Putin ha guadagnato terreno nel Donbass, con le recenti conquiste delle città di Severodonetsk e Lisichansk. “Si tratta di anticipi limitati, che sono costati enormi perdite e che non cambiano la linea di fondo degli equilibri, così che al momento nessuna delle due parti è in grado di vincere la guerra a titolo definitivo”, ritiene Jesús Núñez Villaverde, co -direttore dell’Istituto di Studi sui Conflitti e l’Azione Umanitaria.

Parallelamente a questi progressi, anche la Russia di Putin ha subito una grave battuta d’arresto con la perdita della strategica della ‘isola dei serpenti’. Tuttavia, senza rappresentare un cambiamento decisivo, questa nuova fase della guerra di logoramento ha aperto una prospettiva un po’ più favorevole alla Russia rispetto alle gravissime battute d’arresto delle prime settimane, secondo un recente rapporto del British Royal United Services Institute (RUSI).

Il conflitto vive negli ultimi giorni un momento di relativa stasi

Il conflitto vive negli ultimi giorni un momento di relativa stasi con elementi che inducono a pensare a un nuovo colpo di scena. Una serie di colpi dell’artiglieria ucraina nelle retrovie russe, come quello di Nova Kakhovka, mostra l’entrata in azione di nuove armi occidentali, in particolare HIMARS (High Mobility Artillery Rocket System) consegnate a Kiev da Washington, con il potenziale di alterare l’inerzia delle ultime settimane con i lenti ma costanti avanzamenti russi.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

Le forze russe negli ultimi giorni sembrano aver bisogno di tempo per riorganizzarsi; gli ucraini hanno annunciato una controffensiva nel sud nell’area di Kherson. Quindi i droni e una artiglieria più efficace stanno aiutando gli uomini di Zelensky.

I governi occidentali hanno deciso di aumentare il sostegno. Washington, in particolare, ha consegnato otto sistemi HIMARS, con altri quattro in arrivo. L’efficace formazione del personale è un altro elemento che sta acquisendo particolare importanza in questa fase. Entrambe le parti hanno subito pesanti perdite umane, riducendo così il numero di truppe ben addestrate disponibili. I numeri esatti sono sconosciuti, ma le autorità ucraine hanno recentemente riconosciuto un tasso di mortalità compreso tra 100 e 200 soldati al giorno.

Anche nel caso russo le perdite sono indubbiamente enormi. Ciò implica la mobilitazione di nuove truppe, che nella maggior parte dei casi non hanno una formazione sufficiente. Nel caso dell’Ucraina, inoltre, la sfida è preparare le sue forze all’uso delle nuove armi occidentali e anche migliorare la sua capacità di azione concertata tra più unità e domini. “Per quanto riguarda l’addestramento all’uso di nuove armi, è abbastanza fluido, perché l’Ucraina ha molti specialisti.

Quindi non devi spiegare le basi a queste persone. Sono solo specifico per i sistemi”, afferma Watling. “Laddove gli ucraini non hanno una tale esperienza è nelle operazioni armate combinate. Hanno bisogno di formazione su questo.

Il Regno Unito, ad esempio, lo sta facendo. Ma riteniamo che i nostri soldati abbiano bisogno di 30 settimane di addestramento per essere fondamentalmente competenti in questa materia, e gli ucraini ne hanno al massimo 3. È importante assicurarsi che la controffensiva di cui stanno parlando venga lanciata quando sono davvero pronti”.

Il dibattito su quanto indebolire il dispiegamento sul campo per alimentare la formazione all’estero è intenso e complesso. Un altro su un gran numero di variabili da cui dipende il destino della guerra. “La mia opinione è che, dal punto di vista russo, l’arma militare è la meno importante”, afferma Núñez Villaverde. “L’arma degli idrocarburi e dei cereali è più importante e ci stanno giocando.

Vogliono che l’opinione pubblica di molti paesi europei inizi a dire ai loro governanti “basta” e “smetta di sostenere l’Ucraina con intensità”. “Una lunga guerra di logoramento è lo scenario di default centrale. È uno che nel tempo favorisce la Russia “, afferma Watling. “Ma l’Ucraina cercherà di allontanarsi da quello scenario e ci sono modi realistici per farlo. Si tratta di ricevere un sostegno adeguato in termini di scala e di tempo”.