Putin come Hitler: fasce bianche al braccio per riconoscere gli ucraini

Le truppe di Putin nei comuni sotto il controllo della Russia impongono l’uso del rublo, gli operatori telefonici russi, fasce bianche per riconoscere gli ucraini, e l’introduzione di un nuovo sistema educativo.

Rubli russi
Rubli russi – NanoPress.it

Ci sono due tipi di occupazione russa in Ucraina, ed entrambi sono basati sulla paura. Il primo è quello affrontato dalla popolazione in prima linea, dove le minacce fisiche sono all’ordine del giorno; l’altro si svolge nelle retrovie, nei comuni sotto il dominio russo, dove si avvia un processo di assimilazione che trasforma gli ucraini in futuri cittadini russi.

Putin sta russificando le zone occupate dell’Ucraina

Lo riferiscono testimonianze di alcune zone che sono state nuovamente liberate dall’esercito di Kiev. A Kharkov, la seconda città più grande del Paese, è dove le forze armate ucraine hanno recuperato più terreno, un raggio di 33 chilometri a nord, verso il confine russo, nonostante i continui scambi di artiglieria che impediscono il ripristino della normalità. Anche a Kherson, nel sud, le truppe d’invasione sono state costrette a ritirarsi in un’area di 24 chilometri da Mikolaiv al capoluogo di provincia.

Anche qui, come a Kharkov, la distruzione e il tuono dei missili fanno da colonna sonora giorno e notte. L’Ucraina ha fretta di riconquistare il territorio perduto perché, più passa il tempo, più si consolida la posizione difensiva del nemico. E con esso, la capacità di Mosca di cambiare la struttura sociale e politica. Yuri, un militare in pensione che preferisce non fare il suo nome, coordina da Kharkov una rete di volontari che aiutano clandestinamente i cittadini delle città occupate a fuggire nel territorio in mano all’Ucraina.

I residenti delle aree sotto il loro controllo possono recarsi in Russia solo dalle autorità russe. Le famiglie che perdono la casa sono invitate a trasferirsi nelle province vicine del paese vicino, secondo questo ex ufficiale militare. Nelle ultime settimane, dice, si sono intensificate le ricerche casa per casa, temendo che la vicinanza delle forze armate ucraine attiverà le milizie nelle retrovie. I rifugi sono contrassegnati dalle truppe russe con cartelli e quelli vuoti possono essere confiscati, secondo la testimonianza di Yuri.

Le fasce di plastica bianca attorno al braccio sono l’identificazione dell’esercito russo nell’invasione ed è l’identificazione che gli abitanti di Mala Rohan (provincia di Kharkov) sono stati obbligati a portare durante i due mesi in cui le truppe di Vladimir Putin vi sono rimaste di stanza fino alla fine di aprile. Il quartier generale del reggimento è stato stabilito nella scuola del villaggio, ed è lì che diverse donne sono state violentate, secondo Alona Klushko.

La liberazione della città dopo l’occupazione russa ha rivelato anche il desiderio di vendetta dell’altra parte: secondo un rapporto del 14 luglio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) sui crimini di guerra in Ucraina, tre soldati russi catturati sono stati uccisi dopo essere stati messi in ginocchio da membri del battaglione paramilitare ucraino Slobozhanschina.

Non c’erano acqua, gas o elettricità in città. Le truppe invasori tagliarono i rifornimenti. Questi servizi di base sono stati interrotti in diversi villaggi dell’area di Kharkov visitati da questo giornale dopo il ritiro russo. Staryi Saltiv è stato rilasciato il 30 aprile, anche se la città è ancora inaccessibile a causa dei pesanti bombardamenti. Mikhail ed Elena Boinov hanno lasciato il villaggio, sulle rive del fiume Donets, all’inizio di giugno: la loro casa non esiste più.

Le Nazioni Unite hanno registrato almeno 271 casi di ucraini detenuti dalle forze russe e in alcuni casi torturati

Mijaíl è un elettricista di professione e sa benissimo come gli occupanti abbiano interrotto l’alimentazione elettrica: hanno distrutto la sottostazione della zona. Secondo il resoconto di Kharkiv, dove vive ora, i russi hanno anche abbattuto le antenne dei telefoni cellulari. Improvvisamente, i ripetitori dall’altra parte del Donet, un’area saldamente controllata dalla Russia, hanno iniziato a offrire un segnale dai venditori di telemarketing russi.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

L’ex militare Yuri conferma che l’obiettivo russo è quello di evitare la comunicazione tra le zone occupate e quelle dell’Ucraina libera. Nel Donbass (nelle province di Donetsk e Lugansk) e nel sud, nella città di Kherson, l’invasore ha chiuso l’accesso ai social network come YouTube, Facebook o Instagram.

La BBC ha riferito questa settimana che le Nazioni Unite hanno registrato almeno 271 casi di ucraini detenuti dalle forze russe e in alcuni casi torturati. Il 1° luglio, l’esecutivo di Lugansk ha firmato un memorandum con l’amministrazione russa in base al quale il sistema carcerario del paese invasore viene applicato in quel territorio.

La Russia ha anche iniziato a incorporare i territori ucraini sotto il suo giogo nel suo sistema economico. Le esportazioni di cereali sono già iniziate e il ministero della Difesa russo ha annunciato che intende inviarne 150.000 tonnellate da Zaporizhia in Arabia Saudita, Iraq e Iran.

Nel frattempo, Kiev denuncia il furto di grano raccolto nel suo territorio e le pressioni sugli agricoltori nelle aree occupate. Il governo russo ha riferito il 30 giugno che 7.000 tonnellate di grano erano state trasportate all’estero da Berdiansk, sulla costa del Mar d’Azov, anche se la Turchia ha impedito lo scarico del grano nel porto di Karasu a causa di reclami ucraini.

L’amministrazione militare russa ha anche riferito che prevede di collegare la centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande dell’Ucraina, alla sua rete elettrica il 1° settembre. A Melitopol e Mariupol, nel Mar d’Azov, si incoraggia l’arrivo di tecnici russi per la ricostruzione e l’avviamento di impianti industriali. Il cambiamento più significativo, tuttavia, è la progressiva incorporazione del rublo come moneta di uso corrente.