Pashenchik: “I neonazisti ucraini venuti per uccidere e rubare sono stati sconfitti!”

La Russia assicura di aver conquistato la provincia di Lugansk, dopo aver messo sotto controllo la città di Lisichansk e Pashenchik, leader dei secessionisti, si è detto soddisfatto. L’esercito ucraino conferma il ritiro delle sue truppe dalla città.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Con una breve dichiarazione e senza la retorica delle vittorie passate, l’esercito russo afferma di aver raggiunto il definitivo raggiungimento di uno dei suoi primi due obiettivi territoriali in Ucraina: la conquista della provincia di Lugansk. Dopo 130 giorni di combattimenti, il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigú, ha informato domenica Vladimir Putin che la città di Lisichansk (circa 100.000 abitanti prima della guerra), l’ultima città importante controllata da Kiev nella zona, è caduta nelle loro mani.

L’esercito russo afferma di aver conquistato la provincia di Lugansk

Ore dopo, l’esercito ucraino ha riconosciuto il ritiro delle sue truppe dalla città. “Continuare a difendere la città avrebbe avuto conseguenze mortali. Per preservare la vita dei difensori ucraini, è stata presa la decisione di ritirarsi”, ha riferito lo stato maggiore dell’esercito in un comunicato diffuso sui social network.

Poco prima il presidente ucraino, Volodímir Zelensky, aveva affermato, però, che è “impossibile dire che Lisichansk sia sotto il controllo russo”. “Ci sono combattimenti in periferia”, ha aggiunto durante una conferenza stampa con il primo ministro australiano Anthony Albanese.

Indipendentemente dalle informazioni fornite da ciascuno, non c’è dubbio che la Russia avanza nella regione del Donbass. Appena un’ora prima del messaggio di Shoigu, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha spiegato che la battaglia stava continuando. “Le truppe russe e le unità della Repubblica popolare di Luhansk stanno combattendo all’interno di Lisichansk, completando così la sconfitta di un nemico accerchiato”, ha detto il rappresentante dell’esercito.

Il capo della zona separatista filorussa di Lugansk ha paragonato questo 3 luglio “al lontano 1945”, anno in cui si è conclusa la seconda guerra mondiale. “Mi congratulo con tutti per questo nuovo grande Giorno della Vittoria! Anche questa data ha le lacrime agli occhi, le battaglie sono state dure e sanguinose”, ha detto all’agenzia di stampa russa Tass. La battaglia intorno a Lisichansk era stata “molto intensa” per molto tempo, con le truppe russe “che attaccavano senza sosta”, ha riconosciuto in mattinata un portavoce del ministero della Difesa ucraino in dichiarazioni alla BBC.

Il rappresentante ministeriale ha aggiunto che, sebbene la Russia si impossessi dell’intera provincia di Lugansk, la lotta per l’area del Donbass “non è finita”, poiché le città della vicina provincia di Donetsk sono ancora in mano ucraina. La polemica se l’annuncio della presa di Lisichansk fosse reale o meno, dopo un iniziale smentito dall’Ucraina, ricorda quella avvenuta settimane fa a Severodonestk, cittadina da cui i russi impiegorono ancora molto tempo per controllare pienamente la città.

Leonid Pashenchik, leader dei secessionisti di Lugansk, e la sua retorica filo russa

Il 21 febbraio, tre giorni prima dell’inizio della sua offensiva, Vladimir Putin ha firmato due decreti che riconoscevano l’indipendenza delle due autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donetsk, cosa che altri stretti alleati di Mosca come il Kazakistan non hanno fatto. Il presidente russo ha poi precisato che i suoi confini corrisponderebbero a quelli tracciati dai separatisti nel maggio 2014 in referendum illegali. Ciò includeva il territorio che il governo ucraino è riuscito a mantenere dopo la guerra fino al 2015.

Militari russi
Militari russi – NanoPress.it

Leonid Pashenchik, leader dei secessionisti di Lugansk, ha accolto con favore l’avanzata russa. “I neonazisti ucraini che sono venuti nella nostra terra per uccidere e rubare sono stati sconfitti!”, ha detto nella solita retorica su un territorio che la Russia ha riconosciuto come ucraino per più di tre decenni. Pashenchik ed i suoi hanno contribuito all’avanzata dei russi, Lo stesso Pashenchik si è attivato direttamente. Putin ha ammesso il 29 giugno che l’avanzata delle sue truppe nell’est sta avvenendo con maggiore cautela per evitare un maggior numero di vittime.

“Non dovresti parlare di scadenze, questa è la vita. Sono cose reali. È sbagliato rispettare alcune scadenze, questo è dovuto all’intensità delle ostilità, e l’intensità è direttamente correlata alle possibili perdite”, ha detto il presidente Putin, che ha sottolineato che “tutto sta andando secondo i piani” perché le forze russe continuare ad avanzare. In questi quattro tragici mesi, il ministero della Difesa russo ha annunciato solo due volte il numero ufficiale di vittime, l‘ultima il 25 marzo, quando ha affermato di aver registrato fino ad allora 1.351 morti e 3.825 feriti tra le sue truppe.

Tuttavia, le cifre stimate dal governo ucraino e dai paesi della NATO hanno moltiplicato queste cifre più volte. Il conflitto ha raggiunto questa domenica anche la regione di confine con la Russia di Belgorod, il cui governatore, Viacheslav Gladkov, ha riferito che almeno quattro civili sono morti sabato notte quando frammenti di un missile Tochka-U sono caduti sulla capitale. Come ha spiegato in seguito il portavoce del ministero della Difesa russo, i suoi sistemi antiaerei hanno colpito un totale di tre razzi e diversi droni.

La provincia di Lugansk è stata il fronte da cui la Russia è partita con maggiore vantaggio a causa del suo precedente controllo dell’area attraverso i separatisti. La battaglia per Donetsk, invece, si complica. Le sue forze devono ancora raggiungere la città di Sloviansk, il luogo in cui i paramilitari russi hanno scatenato la guerra otto anni fa.