Papa Francesco, la sua salute scatena indiscrezioni. Dimissioni in vista?

I problemi fisici di Papa Francesco e il grande concistoro annunciato per il mese di agosto, innescano dibattiti sulla vicinanza di una possibile dimissione. I tamburi del conclave hanno ripreso a battere nelle ultime settimane a Roma.

papa Francesco
Papa Francesco – Nanopress.it

Tre fatti che danno ossigeno alla teoria della rinuncia hanno coinciso nel tempo. Il Papa, 85 anni e già al decimo anno di pontificato, ha un problema al ginocchio che lo ha lasciato su una sedia a rotelle e lo ha costretto ad annullare un ambizioso viaggio nella Repubblica Democratica del Congo e in Sud Sudan viste appena due settimane.

Ad agosto l’ottavo Concistoro di Papa Francesco

Terzo fatto. Il Papa ha inoltre convocato per il mese di agosto un grande concistoro, che segnerà definitivamente la personalità della maggioranza dei cardinali che eleggeranno il prossimo pontefice e, infine, Francesco ha programmato una visita a L’Aquila nello stesso mese, dove parteciperà alla celebrazione del Perdono, istituita da Celestino V, il primo papa che si dimise dall’incarico nel 1294 e che si ispirò a Benedetto XVI per le sue storiche dimissioni.

Il suono dei tamburi ora, tuttavia, sembra più vicino a congetture rispetto alle intenzioni di Francesco. I giardini vaticani, concordano tutti, non sono così grandi per due papi emeriti. Una dozzina di pontefici, più o meno costretti dall’ambiente, dalle circostanze o dalle minacce di morte, si sono fatti da parte durante il loro mandato. Accadde soprattutto nel medioevo, a causa dell’instabilità politica ed ecclesiastica che esisteva prima del consolidamento dello Stato Pontificio alla fine del XV secolo.

L’unico a farlo liberamente nell’era moderna è stato Benedetto XVI nel 2013, quando si è reso conto che le sue forze non erano più sufficienti per affrontare le riforme che il futuro richiedeva, e per resistere all’assalto dei suoi nemici. Lo stesso Ratzinger, oggi 95enne, lo ha riassunto così: “Sono un pastore circondato da lupi”. Jorge Mario Bergoglio ha sempre sottolineato che l’esempio del suo predecessore sarebbe servito da ispirazione, se necessario. Ma l’idea delle dimissioni di Francesco sembra impossibile mentre il suo predecessore è vivo.

Austen Ivereigh, autore di diverse opere su Francesco e della sua monumentale biografia, Il grande riformatore. Ritratto di papa radicale (Ediciones B, 2015), non crede che le sue condizioni fisiche indichino le dimissioni. “Quando l’ho visto, mi è sembrato che stesse soffrendo, ma non che fosse fragile o debole. Inoltre, si spera che possa essere curato, anche se non vuole essere operato. E, come diceva, per governare la Chiesa ci vuole il cervello, non le gambe. La speculazione è naturale, ma non vedo alcun motivo per pensare che stiamo arrivando alla fine.

E L’Aquila? Mi sembra assurdo, Benedetto XVI si dimise diversi anni dopo dal recarsi lì”, spiega riferendosi alla visita del 28 agosto al luogo che custodisce le spoglie di Celestino V, monaco eremita che fu papa per cinque mesi, nel 1294 , e si dimise per corruzione ecclesiale (come Ratzinger, secondo il resoconto ufficioso). Tuttavia, Ivereigh è propenso a pensare che Francesco seguirà l’esempio a un certo punto. “Non ho dubbi che quando sarà il momento saprà discernere. E sarà quando non avrà più forze. Quando penserà che sia giunto il momento, non avrà dubbi. Sono sicuro. Ma insisto, tutto è legato alla forza che si ha”.

Il Pontenfice non vuole operarsi al ginocchio

La forza del Papa, in questo momento, è condizionata da un disturbo al ginocchio destro, di cui non si hanno notizie ufficiali e per il quale il Pontefice non vuole operarsi. Una lesione che provoca forti dolori, evidenti sul viso in certi momenti, ma che dovrebbe essere curabile sulla base di infiltrazioni. Francesco ha bisogno di riposare e muoversi, per il momento, su una sedia a rotelle. “Non c’è bisogno di camminare per governare, ma nella simbologia del potere, soprattutto in un papato così verticale, potrebbe non essere nemmeno il miglior messaggio”, dice un alto funzionario della Curia.

Papa Francesco sulla sedia a rotelle
Papa Francesco sulla sedia a rotelle – NanoPress.it

Il neurologo e giornalista Nelson Castro, autore del libro La salud de los papas. Medicina, complotti e fede da León XIII a Francisco (sudamericano, 2021) ha recentemente parlato con il pontefice e ritiene che “le voci di dimissioni siano infondate”. «Il Papa non ha né la volontà né il pensiero di dimettersi. A parte il problema al ginocchio, un legamento strappato a causa di un brutto movimento, è perfetto.

Questo gli rende difficile muoversi, ma non gli impedisce di svolgere il suo compito. È riluttante a sottoporsi a un intervento chirurgico perché è stato difficile per lui riprendersi dall’anestesia dell’operazione al colon di un anno fa [si è operato per diverticolite che ha anche acceso tutti i tipi di voci].

Le ultime informazioni che ho è che si sente meglio e il riposo porta sollievo. E questo è l’unico modo per evitare un intervento chirurgico”. Castro fa notare anche che il Papa ha fatto notare in un incontro che non si sarebbe dimesso finché Benedetto XVI fosse ancora in vita: «Mi ha detto: ‘Guarda, avere un papa emerito è impossibile.’

La maggior parte delle fonti consultate, come fa notare Castro, ritiene che Francesco non pensi alle dimissioni e non lo prenderà in considerazione finché Benedetto XVI è in vita. Inoltre, sottolinea lo storico ed ex direttore de L’Osservatore Romano, Giovanni Maria Vian, “non c’è alcuna somiglianza con la scena che ha portato alle dimissioni di Joseph Ratzinger” e che permette di tracciare parallelismi.

I precedenti papi: uno si è dimesso e l’altro no

“Penso che abbia piuttosto l’esempio del Papa che lo ha fatto cardinale [Giovanni Paolo II], che non si è dimesso. Wojtyla fino alle ultime conseguenze, quando la situazione era molto più grave”, sottolinea. Ma c’è un altro elemento che ha innescato gli allarmi del Sinedrio Vaticano che va interpretato attraverso l’eredità di Francesco nella Chiesa del futuro.

Papa Benedetto XVI
Papa Benedetto XVI – NanoPress.it

Il Papa ha convocato un nuovo concistoro – l’ottavo del suo mandato – per creare 21 nuovi cardinali, di cui 16 potranno entrare nel conclave che elegge il prossimo pontefice. Francesco, inoltre, sfrutterà l’appuntamento del 27 agosto per radunare per due giorni tutti i cardinali e discutere la nuova Costituzione apostolica (Predicate Evangelium), la grande riforma del suo mandato (Benedetto XVI ha utilizzato, a sorpresa e nel 2013, un discorso in latino davanti ai cardinali riuniti per una serie di canonizzazioni per annunciare le sue dimissioni).

Al di là del foro che costituisce tale atto, il concistoro concederà a Francesco la maggioranza assoluta nei cardinali da lui nominati: 83 dei 132 cardinali con diritto di voto sono sue creature. Ma una maggioranza non garantisce nulla in materia di paradiso. Durante il suo lungo pontificato, Giovanni Paolo II creò 113 dei 115 cardinali che avrebbero eletto il prossimo papa. Il conclave, tuttavia, stabilì che il nuovo papa sarebbe stato Joseph Ratzinger, proprio uno dei due che non aveva nominato.

In ogni caso, la composizione del nuovo collegio cardinalizio parla di un conclave internazionale, molto più periferico e lontano dalle tradizionali cricche italiane (la Spagna è l’unico Paese con un rappresentante in ogni convocazione). Ma anche da un profilo pastorale molto più vicino al Papa.

Al di là di congetture, è impossibile determinare quanto resta del mandato di Bergoglio. Lo storico della Chiesa Alberto Melloni, che ha studiato e scritto molto sui conclavi, insiste su una verità fondamentale: “Nessuno sa niente”. «Siamo nella fase finale del pontificato, questo è evidente. Ma queste fasi possono essere molto lunghe o più brevi.

‘Siamo nella fase finale del Pontificato’

Quella di Giovanni Paolo II durò 12 anni e quella di Ratzinger solo uno. La questione importante in tutto questo sono gli aspetti istituzionali e procedurali. L’unico requisito che il diritto canonico impone alle dimissioni di un papa è che sia libero, che non obbedisca a consigli, ingerenze o petizioni. Quindi l’unico problema su cui dovrebbe decidere il papa argentino, decidere ora è che due dimissioni di seguito possono esercitare un certo grado di pressione sul successore. Una dimissione di volta in volta non è un precedente, ma due, sì”.

Giovanni Paolo II
Giovanni Paolo II – NanoPress.it

Una delle questioni chiave è proprio come dovrebbe essere trattato un papa che si fa da parte. Alcuni ora credono che se la decisione di Benedetto XVI diventasse la norma, sarebbe impossibile mantenere lo status di pontefice per coloro che decideranno di dimettersi e dovrebbero diventare semplici cardinali. Melloni ritiene che “una legge sulle dimissioni sia necessaria”. «Ma la questione può essere trattata come se fosse il vescovo emerito di Roma [il Papa è anche vescovo della capitale d’Italia].

A nessuno importa che ci siano due vescovi emeriti di Milano o di Parigi. Dove ce n’è uno possono essercene due. Ma a Roma è diverso. Il Vaticano è grande e ha spazio, ma per due invisibili è troppo piccolo. La domanda non è quanti emeriti vivano in Vaticano, ma se Francesco sia convinto che le sue dimissioni non condizionino il suo successore. Uno per dimettersi deve avere forza. Non ti dimetti quando sei debole, ma quando sei ancora forte.