Papa Francesco, in Canada, distingue l’evangelizzazione dal colonialismo

Papa Francesco ha ripetutamente denunciato il colonialismo durante la sua visita in Canada questa settimana, scusandosi per il ruolo della Chiesa cattolica nella gestione delle scuole residenziali per bambini indigeni, che hanno spogliato le loro pratiche e credenze culturali.

Papa Francesco in Saint-Anne-de-Beaupré
La Basilica Saint-Anne-de-Beaupré durante la funzione del Papa-Nanopress.it

Eppure, tra le espressioni di dolore e le richieste di perdono del papa, ha incluso lodi per alcuni dei primi missionari in Canada, proponendoli come modelli di inclusività culturale nella Chiesa di allora e di oggi. La tensione tra queste posizioni riflette la complessità della sfida di riconciliare la Chiesa e le popolazioni indigene in Canada e altrove.

Papa Francesco “non si è scusato per l’evangelizzazione, si è scusato per le modalità di evangelizzazione”

Il papa “non si è scusato per l’evangelizzazione, si è scusato per le modalità di evangelizzazione”, ha affermato il reverendo Dorian Llywelyn, presidente dell’Institute for Advanced Catholic Studies della University of Southern California. Padre Llywelyn ha detto che la storia delle scuole residenziali illustra che “il carro dell’evangelizzazione può facilmente agganciarsi a progetti politici”.

Per più di un secolo, i bambini indigeni sono stati iscritti, spesso con la forza, in scuole residenziali sponsorizzate dal governo dove sono stati assimilati alla cultura bianca. Molti bambini hanno subito abusi fisici o sessuali. L’ultima delle scuole, molte delle quali gestite da organizzazioni cattoliche, ha chiuso negli anni ’90. Una Commissione per la verità e la riconciliazione finanziata dal governo ha concluso nel 2015 che le scuole erano un sistema di genocidio culturale.

Durante la visita di questa settimana in Canada, iniziata domenica e terminata venerdì con una sosta di tre ore nella città artica di Iqaluit, il papa ha affermato che le scuole residenziali sono “frutto della mentalità colonizzatrice” e ha descritto la partecipazione cattolica alle scuole come un «errore disastroso, incompatibile con il Vangelo di Gesù Cristo».

Giovedì mattina, i manifestanti durante una messa papale a Quebec City hanno srotolato uno striscione chiedendo a Papa Francesco di revocare la Dottrina della Scoperta, basata su una serie di decreti papali del XV secolo, che sono stati usati per giustificare la colonizzazione dell’Africa e delle Americhe, e che i leader indigeni hanno collegato all’istituzione ottocentesca delle scuole residenziali. Il portavoce della visita papale ha affermato che i vescovi canadesi stanno lavorando con il Vaticano per preparare un documento di rinuncia alla dottrina.

In una visita del 2015 in Bolivia, papa Francesco ha chiesto “perdono, non solo per le offese della Chiesa stessa, ma anche per i crimini commessi contro i popoli indigeni durante la cosiddetta conquista dell’America”. Eppure, anche se il papa ha condannato la complicità della chiesa con il colonialismo, ha offerto esempi contrastanti tra i sacerdoti che hanno diffuso il cattolicesimo nell’era della scoperta.

Bergoglio ha elogiato “quei missionari che, come autentici evangelizzatori, hanno preservato le lingue e le culture indigene in molte parti del mondo”

Ha elogiato “quei missionari che, come autentici evangelizzatori, hanno preservato le lingue e le culture indigene in molte parti del mondo”, anche producendo i primi libri di grammatica nelle lingue indigene. Giovedì pomeriggio, in un sermone nella cattedrale di Quebec City, papa Francesco ha elogiato il primo vescovo della città, San François de Laval, che alla fine del XVII secolo scomunicò i commercianti di liquori per aver esercitato il loro commercio tra la popolazione indigena della regione.

Papa in Canada dagli autoctoni
Papa Francesco implora perdono-Nanopress.it

Parlando nel cuore storico cattolico del Canada, dove la pratica religiosa è crollata negli ultimi decenni, il papa ha affermato che l’approccio conciliante di Laval alle altre culture dovrebbe essere un modello per la Chiesa di oggi nell’affrontare la sfida del secolarismo.Un importante leader indigeno ha convenuto che c’erano importanti differenze nella natura dell’attività missionaria in diversi periodi storici.

“La chiesa nei primi tempi riuscì a mantenere buoni rapporti con popoli diversi. E chiaramente non era per il dominio, per il dominio delle comunità. È stato davvero accettando il nostro popolo alla pari”, ha affermato Phil Fontaine, ex capo nazionale dell’Assemblea delle Prime Nazioni che ha incontrato sia papa Francesco che il suo predecessore papa Benedetto XVI.

“La cosa che ha causato la rottura, se così posso dire, è stata la terribile politica delle scuole residenziali, la politica assimilazionista che ha portato alla scomparsa della maggior parte delle lingue indigene”. Secondo il Rev. Darren Dias, professore di teologia al St. Michael’s College dell’Università di Toronto, le relazioni tra il clero cattolico e le popolazioni indigene del Nord America erano più eque nel XVII e XVIII secolo che in seguito, ma l’attività missionaria è stata contaminata dal colonialismo fin dall’inizio.

“L’evangelizzazione delle Prime Nazioni è collegata, è solo completamente invischiata, nel progetto coloniale in Canada e negli Stati Uniti. Non c’è evangelizzazione che non sia anche legata all’insediamento della terra”, ha detto padre Dias. I missionari cercavano «di assimilare e di trasformare i cosiddetti selvaggi in nobili cristiani. Quella era la teologia». Padre Dias dice di non pensare che papa Francesco creda che la storia dell’evangelizzazione possa essere facilmente districata da quella della colonizzazione.

La priorità del papa non è il giudizio storico, ma la sensibilizzazione sull’eredità del colonialismo, inclusa la povertà e l’emarginazione sociale tra gli indigeni in Canada oggi, ha affermato padre Dias. Secondo padre Llywelyn, la storia dei primi missionari come preservatori delle culture indigene merita di essere raccontata, ma sottolinearla ora sarebbe prematuro.

“Quando qualcuno è stato molto ferito da un’esperienza, devi lasciare che si esprima. E penso che collettivamente, è qui che siamo con la storia delle scuole”, ha detto. “In un secondo momento, quando la temperatura è un po’ più calma, possiamo guardare un po’ obiettivamente e dire: ‘Quelle sono le scuole, ma nel complesso, non era tutto questo. Questa non è l’intera storia”.