Omicidio Sarah Scazzi, Misseri dal carcere: 'Sono io il colpevole, nessuno mi crede'

Omicidio-Sara-Scazzi-Misseri-dal-carcere-‘Io-il-solo-colpevole-nessuno-mi-crede’

Omicidio-Sara-Scazzi-Misseri-dal-carcere-‘Io-il-solo-colpevole-nessuno-mi-crede’

Sull’omicidio di Sarah Scazzi torna nuovamente a parlare Michele Misseri. In una lettera scritta dal carcere lo scorso 8 agosto, lo zio della 15enne uccisa ad Avetrana nel 2010, ribadisce per l’ennesima volta di esserne il responsabile. L’uomo è attualmente detenuto per scontare una pena di 8 anni relativa al reato di occultamento di cadavere; non è stato tuttavia ritenuto colpevole del delitto. ‘Sto bene fisicamente, ma con la mia coscienza no. Io sono il vero colpevole e non Sabrina e Cosima’, ha scritto nella missiva indirizzata alla giornalista di Pomeriggio Cinque Monica Arcadio, il marito e padre delle due donne condannate all’ergastolo in via definitiva per l’omicidio della ragazzina.

‘Ho visto la loro intervista dal carcere e quello che hanno detto è tutto vero, sono stato tanto male. So cosa ho fatto alla piccola Sara e non sono creduto da nessuno. Sono nelle mani di Dio, solo lui sa la verità’, scrive ancora nella lettera Michele Misseri.

[npleggi id=”https://www.nanopress.it/cronaca/2017/02/21/omicidio-sarah-scazzi-con-la-sentenza-della-cassazione-e-davvero-finita/164163/” testo=”Omicidio Sarah Scazzi, con la sentenza della Cassazione è davvero finita?”]

Sabrina Misseri potrebbe uscire dal carcere

Intanto che Misseri torna ad autoaccusarsi, Sabrina Misseri potrebbe presto uscire dal carcere. Secondo quanto rivelato da Barbara D’Urso nel corso di Pomeriggio 5, Sabrina e Cosima Misseri si sono rivolte alla Corte Europea, la quale ha ritenuto legittimo il ricorso e ritiene possa esserci qualcosa da rivedere nei tre gradi di giudizio. Non solo, già da metà ottobre, Sabrina potrebbe godere di permessi premio, frutto della sua buona condotta in carcere.

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere