Nuove barriere anti camion a Milano: più sicurezza contro il terrorismo

Terrorismo: jersey di sicurezza

Per contrastare azioni di terrorismo con i camion e altri mezzi pesanti, Milano si dota di nuove barriere in cemento anche a piazza Castello e presso il quartiere Brera. Gli interventi seguono l’installazione delle barriere già effettuata presso lo stadio San Siro, la Galleria e la Darsena, mentre gli esperti della sicurezza stanno valutando l’eventuale posa dei blocchi di cemento anti attacchi terroristici anche nelle vicinanze dell’Arco delle Pace e nella zona del Naviglio Grande.

Dopo gli attentati di Barcellona e Cambrils di metà agosto la città di Milano si è dotata di nuove misure di sicurezza contro eventuali attacchi terroristici. Sono dunque aumentate le zone dove sono state installate le barriere anti camion, ossia i “new jersey” in cemento armato, i blocchi che sono costruiti con lo scopo di frenare e far rimbalzare eventuali mezzi pesanti lanciati a tutta velocità contro di essi.

I punti di Milano maggiormente densi di turisti, cittadini e visitatori, come i luoghi della movida e dello shopping, saranno dunque più sicuri grazie all’installazione dei blocchi di cemento anti camion. In sicurezza è stato già posto lo stadio San Siro, la Galleria, la Darsena e anche piazza Castello, via Quintino Sella e via Bettino Ricasoli. Le barriere sono state poste anche in via Beltrami e all’imbocco dell’isola pedonale in largo Cairoli.

Anche il quartiere Brera sarà interessato dal posizionamento delle barriere, i lavori si svolgeranno nella notte tra giovedì 31 agosto e venerdì 1 settembre, così da non provocare disagi ai commercianti della zona. La viabilità stradale sarà in parte deviata in via Fiori Oscuri, dove gli automobilisti saranno costretti a rallentare data la presenza di altri new jersey, mentre dopo il posizionamento di un muro alto tre metri non si potrà accedere in via Brera da via Pontaccio.

Nei giorni a venire gli esperti valuteranno se posizionare o meno altre barriere anti camion presso l’Arco della Pace e lungo il Naviglio Grande. Allo studio ci sono anche soluzioni alternative che possano comunque essere efficaci per mantenere alta la sicurezza e l’incolumità dei cittadini e dei turisti in visita a Milano.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere