Myanmar: dopo il Colpo di Stato contro San Suu Kyi, la dittatura si rafforza

Quelle effettuate ieri sono le prime esecuzioni nel Myanmar in più di tre decenni. I quattro uomini sono stati condannati per terrorismo e cospirazione contro il regime militare birmano.

Due dei quattro attivisti giustiziati in Myanmar
Due dei quattro attivisti giustiziati in Myanmar – NanoPress.it

La giunta militare del Myanmar ha giustiziato lunedì quattro attivisti pro-democrazia, segnando le prime condanne a morte emesse in questa nazione del sud-est asiatico dal 1988, ha affermato Amnesty International. I quattro uomini giustiziati, tra cui un politico dell’opposizione, erano stati condannati a morte in un processo a porte chiuse a gennaio.

La giunta militare del Myanmar ha giustiziato lunedì quattro attivisti pro-democrazia

Sono stati accusati di terrorismo e cospirazione contro il regime militare. Il mese scorso, il portavoce del governo militare, Zaw Min Tun, ha difeso la pena di morte nel Paese, sostenendo che è giustificata e che continua in altre regioni. L’ex Birmania è sprofondata in una profonda crisi politica, economica e sociale da quando l’esercito ha compiuto un colpo di stato il 1 febbraio 2021, con il quale ha preso il potere dal governo democratico della vincitrice del Premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi.

In una nota pubblicata lunedì dall’Agenzia nazionale del Myanmar controllata dai militari, le autorità militari hanno confermato che i prigionieri sono stati giustiziati per impiccagione, anche se non hanno specificato quando. Il condannato era stato accusato di aver aiutato le nuove milizie civili che dal colpo di stato si sono battute contro i Tatmadaw – come è noto l’esercito del Paese – e che hanno contribuito ad aggravare la guerriglia in cui il Paese vive da decenni.

Nella sua dichiarazione, la giunta li accusa di “prepararsi e cospirare per commettere atti terroristici brutali e disumani, compreso l’omicidio”. Secondo il quotidiano Global New Light of Myanmar, tra i giustiziati ci sono Kyaw Min Yu (meglio noto come Ko Jimmy), 53 anni, uno dei volti più visibili delle proteste pro-democrazia, e l’ex parlamentare Phyo Zeya Thaw, di 41 anni vecchio, un alleato di Suu Kyi. Entrambi hanno perso l’appello alla sentenza lo scorso giugno.

Le altre due sono Hla Myo Aung e Aung Thura Zaw, accusate di aver ucciso una donna con l’accusa di essere una confidente dell’esercito, secondo EFE.”La comunità internazionale deve condannare questa barbarie”, ha scritto in un messaggio su Twitter Kyaw Zaw, portavoce dell’ufficio presidenziale del sedicente governo di unità nazionale, un’amministrazione ombra contraria alla giunta militare.

I quattro giustiziati erano incarcerati dall’inizio dell’anno nel carcere di Insein a Yangon, il più grande della nazione e dove furono imprigionati migliaia di prigionieri di coscienza durante mezzo secolo di dittatura militare, tra cui il leader di fatto del governo civile deposta nel 2021, Aung San Suu Kyi, che vi è stata detenuta nel 2003, 2007 e 2009.

“Sono infuriato e devastato dalla notizia che la giunta militare ha giustiziato quattro cittadini birmani e difensori dei diritti umani e della democrazia”, ​​ha affermato in una nota Tom Andrews, relatore speciale delle Nazioni Unite per il Myanmar. “Il mio cuore va alle loro famiglie, agli amici e ai loro cari, così come a tutti i birmani che sono vittime delle atrocità commesse dalla giunta”, ha aggiunto.

L’ultima esecuzione è avvenuta nell’ex Birmania nel 1988

Amnesty International afferma che l’ultima esecuzione è avvenuta nell’ex Birmania nel 1988, sotto la dittatura militare che ha governato la nazione per mezzo secolo (1962 e 2011). Nonostante la pena capitale non sia mai stata revocata nel Paese, queste condanne venivano commutate in pene detentive dopo le tradizionali grazie concesse dalle autorità in date prestabilite.

Aung San Suu Kyi
Aung San Suu Kyi – NanoPress.it

In una conferenza stampa televisiva all’inizio di giugno, il portavoce del governo Zaw Min Tun ha annunciato che il Myanmar sarebbe tornato all’uso della pena di morte. Quindi, ha affermato che “almeno 50 civili innocenti, escluse le forze di sicurezza, sono morti a causa sua”, riferendosi ai quattro condannati. “Come può questa non essere chiamata giustizia? Le azioni necessarie devono essere intraprese al momento giusto”, ha aggiunto. Dal colpo di stato del 1° febbraio 2021, 113 persone sono state condannate a morte.

“Questo significa che non si torna indietro. Non ci sono state esecuzioni in questo paese negli ultimi 30 anni e pensavamo che la pena di morte potesse finire per essere abolita. Il Myanmar è ancora una volta impantanato nell’oscurità”, condanna Khin Zaw Win, direttore del think tank birmano Tampadipa Institute. Human Rights Watch è stato anche aspramente critico nei confronti del recente uso della pena di morte da parte del Myanmar.

Elaine Pearson, direttrice ad interim di questa associazione per i diritti umani per l’Asia, ha osservato in un messaggio che: “L’esecuzione di questi quattro uomini da parte del consiglio è un atto di assoluta crudeltà. Queste esecuzioni sono seguite a processi militari chiaramente iniqui e politicamente motivati. Con questa barbarie e il suo disprezzo per la vita umana, il regime cerca di raffreddare il movimento di protesta contro il colpo di stato.

L’Unione Europea, gli Stati Uniti e altri governi internazionali devono dimostrare alla giunta che sarà ritenuta responsabile dei suoi crimini”. L’ex Birmania è nel caos più profondo dal colpo di stato militare dell’anno scorso.

Dopo due decenni di transizione verso la democrazia, ormai troncata dal colpo di stato, la leader de facto del governo deposto, Aung San Suu Kyi, 77 anni, ha ottenuto un grande sostegno popolare che ha portato a un’ondata di manifestazioni che chiedevano la sua liberazione e sfidando i violenti repressione esercitata da polizia e soldati.

Nonostante le proteste siano state per lo più pacifiche, almeno 2.114 persone sono state uccise dal Tatmadaw, secondo i dati raccolti dall’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici, che non conta le vittime di scontri armati o vittime legate al regime .militare. Inoltre, 11.759 sono detenuti. Suu Kyi, dal canto suo, è detenuta da più di 18 mesi ed è accusata di quasi venti reati che potrebbero significare più di due secoli dietro le sbarre. Al momento, ha già accumulato quattro pene detentive.