Mosca e Kiev ‘concordano’ sul ‘disaccordo’

Tra Mosca e Kiev il ‘conflitto’ diplomatico si fa sempre più serrato. La Russia ieri ha risposto all’Ucraina, accusando il governo di Kiev di “completa mancanza di volontà” di negoziare la fine del conflitto.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.t

Mosca e Kiev, chi sta vincendo la guerra?

Il giorno prima, la presidenza ucraina, invece aveva affermato che il dialogo è stato interrotto a causa di Mosca. “Il processo negoziale è sospeso.

La Russia non comprende che la guerra non si svolge più secondo le sue regole, il suo calendario o i suoi piani”, ha affermato Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky. 

“I negoziati non stanno procedendo e vediamo una completa mancanza di volontà da parte dei negoziatori ucraini di continuare il processo”, ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. Le delegazioni di entrambe le parti si sono incontrate a più riprese, senza ottenere risultati concreti.  

Le forze ucraine, rinforzate con l’artiglieria pesante, e dopo aver respinto i tentativi di prendere Kiev e Kharkiv, credono nella vittoria militare, quindi il governo non è più interessato a fare concessioni territoriali. A sua volta, Mosca ha fallito i suoi obiettivi iniziali.

Incerto il destino dei soldati del’armata Azov

Nonostante abbia preso Kherson e ora Mariupol – dopo il suo annientamento – non ha ancora raggiunto gli obiettivi minimi, che sono, innanzitutto, la cattura dell’intero Donbass.Da ieri sono in corso trattative di natura diversa sulla sorte dei soldati ucraini che si sono arresi alle acciaierie Azovstal dopo settimane di assedio.

Putin
Putin – NanoPress.it

Nonostante le assicurazioni di Mosca, che i soldati feriti riceveranno cure mediche, il destino dei 959 soldati è incerto. Kiev vuole scambiarli con prigionieri di guerra russi, ma questa prospettiva è tutt’altro che certa. Il comitato investigativo russo ha affermato che i soldati detenuti saranno interrogati per “verificare il loro coinvolgimento in crimini commessi contro i civili”.

E l’ufficio del procuratore generale ha chiesto alla Corte suprema russa di dichiarare l’unità militare a cui appartiene la maggior parte dei combattenti catturati, il Battaglione Azov, un‘organizzazione terroristica, che potrebbe impedirne lo scambio. Inoltre, questi soldati incarnano la propaganda del Cremlino, che accusa l’Ucraina di essere conquistata dalle forze naziste, a cominciare dall’esercito.

La sua resa è un trofeo che compensa il corso della “operazione militare speciale”, e i commentatori russi non hanno perso tempo a festeggiare. “Una grave sconfitta politica” per il governo ucraino, che aveva “fatto dell’Azovstal un simbolo della sua lotta, un mito”, ha affermato l’analista Aleksandr Kazakov. “Ora questo mito è stato distrutto. Il simbolo dello scontro è diventato il simbolo della sconfitta”, ha concluso.