Morte di Al Zawahiri, USA: “I Talebani sapevano che era li”

I talebani accusano gli Usa di aver infranto l’accordo di Doha uccidendo il leader di Al Qaeda, Al Zawahiri, mentre Washington insinua che è proprio Kabul a violare il patto dando rifugio ai terroristi.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Il leader di Al Qaeda Al Zawahiri , uno dei terroristi più ricercati al mondo, potrebbe vivere nel cuore di Kabul senza l’approvazione dei suoi alleati nell’emirato talebano? La domanda fluttua retoricamente martedì mattina presto a Kabul. La tensione dilaga intorno all’edificio di Sherpur, quartiere benestante della capitale afgana, in cui gli Stati Uniti affermano di aver ucciso con un drone Ayman Al Zawahiri, successore nel 2011 di Osama Bin Laden alla guida di Al Qaeda.

Dopo la morte di Ayman Al Zawahiri, Kabul si è svegliata preoccupata

Uomini armati in uniforme militare minacciano i giornalisti in giro per la sede della banca Ghazanfer, vicino alla scena. Ma non c’è una grande distribuzione della sicurezza. “Esci di qui e smettila di indagare!”, chiede un uomo vestito in borghese con un walkie-talkie pochi minuti dopo su una strada vicina, mentre cerca di sgombrare il cancello di metallo che dà accesso al terreno su cui presumibilmente sorge.

Questo non è un martedì qualsiasi a Kabul. La morte del terrorista è sulla bocca di molti, ma quasi nessuno osa parlare davanti a un giornalista. E meno straniero. Al mattino presto, prima dell’apertura dei negozi e dell’intensificarsi del traffico, un gruppo di uomini si è aggirato con alcuni giornalisti davanti a un complesso di case circondate da un muro.

È il punto bombardato domenica, quel luogo dove, secondo i media locali, non viveva nessuno. È una delle poche cose che commenta un giovane di nome Noor Ahmad, originario della provincia di Kandahar, ma che ora lavora a Kabul. Altri uomini, come lui, entrano ed escono dalla stanza, ma restano in silenzio. Qualche istante dopo, l’uomo con il walkie-talkie arriva e pone fine alla conversazione.

Le autorità dell’Emirato islamico dell’Afghanistan, come chiamano il Paese i talebani, hanno condannato l’attacco, ma senza citare le vittime – non viene menzionata la presunta morte di Al Zawahiri – né obiettivi specifici. Naturalmente, l’attentato, effettuato con un drone, secondo Washington, è una “flagrante violazione dei principi internazionali e dell’accordo di Doha”, afferma il portavoce talebano, Zabihullah Mujahid, in una dichiarazione resa pubblica da lunedì sera a martedì fino a il suo account di social network Twitter.

E insiste su quello stesso testo: l’azione di domenica conferma la “ripetizione dell’esperienza fallita degli ultimi 20 anni”, riferendosi alla presenza in Afghanistan di truppe internazionali guidate dagli Stati Uniti dal 2001 al 2021. L’accordo a cui fa riferimento Mujahid, firmato nel gennaio 2020 nella capitale del Qatar tra l’amministrazione presieduta dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i talebani, prevede, tra l’altro, che l’Afghanistan non sarà una base per i terroristi che minacciano la Stati Uniti.

Le autorità dell’Emirato islamico dell’Afghanistan, come chiamano il Paese i talebani, hanno condannato l’attacco

Da parte sua, Washington implica che sono i talebani a rompere quell’accordo dando rifugio ad Al Zawahiri.Quella firma a Doha avrebbe dovuto aprire la strada alla pace con la fine della presenza di due decenni di truppe internazionali in Afghanistan, un Paese che continua ad essere impantanato nella violenza e nel sottosviluppo. Ma tutto è precipitato un anno fa, quando di fronte alla passività delle truppe locali e al completo disordine dell’esercito degli Stati Uniti, i talebani hanno cominciato a prendere il potere.

Un soldato Talebano
Un soldato Talebano – NanoPress.it

Come i domino, le 34 province afghane caddero senza molti combattimenti e domenica 15 agosto 2021 i ribelli barbuti e i Kalashnikov presero Kabul e fondarono l’attuale Emirato. Diversi media afgani avevano riferito domenica di esplosioni nel quartiere di Sherpur. Anche dal movimento delle ambulanze. Immagini di fumo nero circolavano nel cielo della capitale. Era, dissero, un edificio vuoto.

Niente di straordinario in una città di circa quattro milioni di abitanti abituata a violenze di ogni tipo da quando più di quattro decenni fa il paese entrò in guerra con l’invasione russa. Ma nessuno immaginava che l’obiettivo fosse, niente di più e niente di meno, il capo di Al Qaeda, successore di Osama Bin Laden, ucciso dagli Stati Uniti nel maggio 2011 in Pakistan.

Al Zawahiri, un egiziano accusato di aver ideato gli attacchi dell’11 settembre 2001 agli Stati Uniti, era uno dei terroristi più ricercati al mondo. Sulla sua testa pesava una ricompensa di 25 milioni di dollari. L’Afghanistan continua a sopportare il pesante fardello del sostegno che i talebani hanno offerto a Osama Bin Laden, leader di Al Qaeda e principale obiettivo degli attacchi dell’11 settembre. Washington lo ricorda senza un pizzico di dimenticanza con la morte di Al Zawahiri.

Le sue truppe non mettono più piede in Afghanistan ma, in un modo o nell’altro, sono ancora nel Paese. Questa stretta sorveglianza non impedisce che, allo stesso tempo, con la sua partenza un anno fa, abbiano lasciato il Paese quasi isolato a livello internazionale, ancora ancorato alla guerra e alla povertà e sotto una feroce dittatura.