Messina, anziano trova nella spazzatura buoni fruttiferi per 1,5 milioni di euro

Continua a leggere

Pioggia di Soldi

Foto di Collina/Shutterstock.com

Durante una passeggiata aveva notato alcuni antichi documenti abbandonati vicino alla spazzatura e così, da appassionato di antichità e filatelia, si era avvicinato sperando di trovare qualche vecchio francobollo. Altro che scartoffie e valori bollati! Ciò che questo 83enne di Messina ha trovato nella spazzatura supera ogni immaginazione.

Continua a leggere

Continua a leggere

Buttati fra i sacchi dell’immondizia giacevano buoni fruttiferi emessi fra gli Anni ’30 e gli Anni ’40: un tesoro che corrisponde, in valuta attuale, a circa 1 milione e mezzo di euro. L’occhio allenato ha subito permesso a questo pensionato di capire che quegli antichi buoni da 5mila lire l’uno non erano carta straccia, ma un’occasione da non perdere.

Continua a leggere

Continua a leggere

L’anziano ora si potrà godere qualche lusso in più e, assicura, farà anche un po’ di beneficenza.

Il pensionato si è messo in contatto con due avvocati del Foro di Roma che tuteleranno i suoi interessi. I legali si occuperanno di recuperare il denaro presso Poste italiane e ministero delle Finanze. Sono questi i due istituti tenuti ad onorare in solido i debiti esistenti anche prima dell’avvento della Repubblica italiana. Il 23 maggio si terrà l’udienza presso il Tribunale civile di Roma.

Continua a leggere

Chissà quanti ignari messinesi sono transitati inconsapevolmente davanti a quel tesoro considerandolo solo carta straccia!

Continua a leggere

Attualmente in Italia sono presenti ancora 10 milioni in titoli antichi tra buoni postali, libretti bancari e Bot, non riscossi e ancora riscuotibili.

Continua a leggere

Parole di Redazione

Da non perdere