Merkel dopo 6 mesi rompe il silenzio e parla di Ucraina e di Russia

L’ex cancelliera tedesca Angela Merkel torna alla vita pubblica dopo essere rimasta sei mesi fuori da tutto, compresa una guerra provocata dal presidente Putin, figura che ha cercato di ‘placare’ nei suoi 16 anni al potere.

Angela Merkel
Angela Merkel – NanoPress.it

«Ti è piaciuta la nostra conversazione?», ha chiesto ad Angela Merkel il giornalista che l’aveva appena intervistata in un teatro pieno di spettatori in un’enorme attesa. Subito dopo il discorso, con cui l’ex cancelliera è tornata alla vita pubblica, dopo sei mesi di silenzio, Alexander Osang era ancora nervoso, ha riferito su Der Spiegel.

La Merkel torna sulla scena politica grazie ad un’intervista ‘fiume’

La Merkel non ha risposto: “Vedremo domani”. Abbiamo dovuto aspettare le reazioni. Per quanto contenta della sua esibizione, in cui era molto loquace, eloquente e persino scaltra, era consapevole che la Germania l’avrebbe giudicata fondamentalmente per una cosa: la sua politica nei confronti della Russia durante i 16 anni in cui è stata cancelliera.

Putin
Putin – NnoPress.it

Se qualcuno si aspettava un mea culpa pubblico, deve essersi sentito molto deluso. Non è stato quasi mai lo stile della Merkel, e non lo sarà ora, poiché la politica democristiana ha terminato la sua ‘pausa’ ed è tornata alla vita politica come uomo di stato, in pensione ma attivo.

Ha dato alcuni indizi, pochi, sul ruolo che interpreterà. Non interferirà nella gestione del nuovo governo tripartito guidato dal socialdemocratico Olaf Scholz, esprimendo pubblicamente la sua opinione su temi di attualità. Non l’ha fatto nell’intervista.

È stata prestata molta attenzione a cose come il riarmo dell’esercito tedesco, la spedizione di armi pesanti in Ucraina o il biglietto di trasporto da nove euro, e le altre misure per combattere l’inflazione e contribuire a ridurre il consumo di energia.

Se le chiedono un consiglio, lo darà, ma in privato. Ciò che la Merkel non ha deluso sono state le aspettative di coloro che volevano che rivedesse apertamente i suoi quattro mandati al potere, soprattutto per quanto riguarda la politica estera.

Ha raccontato cose che non si sapeva, o meglio che non aveva spiegato prima, come il fatto di aver svolto un ruolo attivo nel negare all’Ucraina lo status di paese candidato all’adesione alla NATO al vertice di Bucarest del 2008.

L’Ucraina non era allora il paese che è oggi, disse. Era dominato dagli oligarchi e non era “democraticamente stabile”. Secondo la sua valutazione all’epoca, il presidente russo Vladimir Putin si sarebbe sentito provocato e si sarebbe vendicato contro Kiev.

Cosa avrebbe fatto la Cancelliera il 24 febbraio 2022?

L’unico accenno di autocritica è stato il momento in cui la Merkel ha riconosciuto che dopo il 24 febbraio, quando Putin ha lanciato l’invasione, si è spesso chiesta se i leader mondiali avessero fatto tutto ciò che era in loro potere.

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

Ovviamente mi sono chiesta se fosse stato fatto abbastanza. Se si potesse fare di più per prevenire questa tragedia, perché per me è una tragedia enorme. Si poteva evitare?”, si è chiesta davanti alla platea sul palco del Berliner Ensemble, in un talk che ha avuto molto spettacolo, con un teatro gremito che l’ha applaudita e ha riso di alcune battute per 90 minuti. La televisione pubblica, consapevole che non si trattava di un’intervista qualsiasi, l’ha trasmetta in diretta in prima serata.

Qualche analista ha scherzato il giorno dopo sul fatto che la Merkel ha parlato più in quel teatro che in tutte le interviste che ha rilasciato mentre era cancelliera. La Merkel ha lasciato la politica attiva di sua spontanea volontà, dopo 30 anni di carriera, senza aver perso le elezioni e con una percezione estremamente positiva tra i cittadini. Ma l’invasione russa dell’Ucraina ha messo in discussione la sua eredità.

I suoi 16 anni al potere hanno consolidato la dipendenza energetica dal petrolio e dal gas russi e la sua tiepidezza con Putin è ora giudicata da un’altra prospettiva. I missili che hanno iniziato a cadere il 24 febbraio sono esplosi simbolicamente anche in Germania, che ha dovuto ripensare a un consenso decennale sulla politica estera, di sicurezza ed energetica.

Guardando indietro, la Merkel non pensa di dover scusarsi per la sua politica di pacificazione con il leader russo. In sostanza, crede di aver fatto quello che poteva e che la diplomazia sia sempre buona, anche se non funziona. “Non vedo perché dovrei dire a me stessa che è stato un errore e non ho intenzione di scusarmi per questo”, ha detto a Osang, un tedesco dell’est come lei.

“Con il senno di poi, sono contenta di non dovermi incolpare per non aver cercato di prevenire un evento come questo. Al contrario, fortunatamente ho lavorato abbastanza insieme ai presidenti francesi e questo mi dà una certa tranquillità”, ha assicurato.

Finora l’ex cancelliera ha rifiutato ruoli internazionali importanti

L’intervista fa parte del piano che l’ex presidente ha elaborato per riposizionarsi nella vita pubblica tedesca. Nessuno si aspetta che si dedichi all’attività privata, come ha fatto il suo predecessore, Gerhard Schröder, oggi paria per il suo sostegno a Putin.

António Guterres
António Guterres – NanoPress.it

E non sembra nemmeno che aspiri a una carica pubblica appariscente. A gennaio ha rifiutato l’offerta del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres di rilevare un organismo delle Nazioni Unite, il Consiglio consultivo sui beni pubblici globali. Come tutti gli ex cancellieri – tranne Schröder, il cui privilegio è stato revocato dal Parlamento il mese scorso – la Merkel ha diritto a un ufficio, personale e autista.

A dicembre, appena uscita dall’incarico, ha chiesto nove dipendenti (due direttori, due consulenti specializzati, tre amministrativi e due autisti), che sembravano confermare che la sua attività sarebbe stata intensa. Il giorno dopo aver lasciato la porta della Cancelleria, è entrato nel suo nuovo ufficio, lo stesso tenuto da Helmut Kohl, alle 8:20 del mattino. Poi si è preso la pausa che ha detto di aver sognato da anni.

Ha trascorso cinque settimane sulla costa del Mar Baltico; Ha trascorso del tempo nella sua casa nel distretto rurale di Uckermark, vicino a Templin, la città della Germania orientale dove è cresciuta, e ha anche trascorso le vacanze in Italia, dove è stata fotografata mentre ammirava i monumenti come qualsiasi altro turista. Il suo viaggio in Italia ha suscitato critiche in Germania, perché è avvenuto poco dopo la conoscenza delle atrocità russe nella città ucraina di Bucha.

Polemiche per le sue vacanze in Italia

Ai tedeschi è mancato l’intervento dell’ex cancelliera ei confronti di Putin, come è successo anche a politici italiani come Matteo Renzi, che le hanno chiesto di fare da mediatore. Il sensazionalista Bild ha titolato in prima pagina: “Ospite a Kiev, in viaggio a Firenze” e ha fatto eco alle aspre critiche dell’ambasciatore ucraino in Germania, che ha scelto il sole italiano invece che il paesaggio desolato di Bucha. Sapevo che avrebbe causato problemi, ma volevo chiarire che non sono più cancelliere. Questo viaggio è stato molto importante per il mio processo di distacco dalla politica”.

Mattteo Renzi
Mattteo Renzi . NanoPress.it

“Ora devo avere il permesso di viaggiare oltre l’Uckermark”, ha detto, tra gli applausi del pubblico. La Merkel ha anche confermato nel colloquio che sta preparando una memoria politica a quattro mani con una delle sue più strette confidenti, Beate Baumann, il suo capo di gabinetto ininterrotto dal 1992. La guerra influenzerà senza dubbio il modo in cui racconterà le decisioni che ha preso riguardo a Vladimir Putin.

Risistemarsi e trovare un nuovo ruolo nella vita politica tedesca sarà complicato”, afferma Ursula Weidenfeld, giornalista e biografa della Merkel, che, tuttavia, crede che cercherà di trovare un posto senza interferire nella gestione del nuovo Governo, di cui si è detta soddisfatta nell’intervista.

“Mi sembrava molto intelligente che non volesse commentare le notizie quotidiane”, aggiunge, e ricorda che durante i suoi 16 anni alla guida della Germania il suo motto era “Voglio servire il mio paese“, quindi spera che, anche da ex cancelliere, 67 anni contribuiscano in qualche modo a questo. “Ce ne è sicuramente rimasto un po’.”